Translate

lunedì 18 marzo 2013

Caso Italia –India :Tutto quello che non è stato detto. Intervista a Nicola Evoli.

Nicola Evoli è nato 01/08/61 a Carrara ma da sempre marchigiano di Camerano (Ancona)
Studi liceali ad Ancona e Laurea in Economia e Commercio nella stessa citta' nel 1986 col massimo dei voti e lode con tesi inerente l'Internazionalizzazione delle imprese manifatturiere nel settore tessile-abbigliamento (Economia Politica Industriale).
Tenente di complemento Arma di Artiglieria 1985-86 con servizio di prima nomina come Ufficiale comandante sezione Obici Semoventi M109 1 Gr Cacciatori delle Alpi a Bracciano (Roma) presso la Scuola di Artiglieria
Socio UNUCI, ANARTI e AMICI SCUOLA DI ARTIGLIERIA
Cittadinanza Italiana e Britannica, residenza in USA e UAE
2 figli (22 Flora e 18 Hugo), attualmente divorziato e felicemente accompagnato con Krisann, 2 fratelli Andrea (libero imprenditore in Italia) e Roberto (key-executive a LG Group in Olanda)
Responsabile vendite estero iGuzzini Illuminazione dal 1986 al 1990 e poi Direzione Vendite Estero Martini Illuminazione fino al 1992
Libero professionista dal 1992. Dal 1994 proprietario della Eurolink (International Trade and Marketing services) in UK e dal 2009 Presidente della Impel LLC negli USA (Retail Development and International Marketing Services)
Membro del Board of Industry Advisors del LIM (www.limcollege.edu)
Membro del Board of Visual Merchandising Team dell'ARE (www.retailenvironments.org)
Membro del RDI (www.retaildesigninstitue.com)
Membro del EHI (www.ehi.org)
Membro dell'ICSC (www.icsc.org) e MECSC (www.mecsc.ae)
Orientamento politico: M5S, in precedenza Partito Radicale e PDL
Tempo libero (poco): Vela, Sci e Cinema
Uomini di grande ispirazione: Churchill, Patton, MacArthur, Calamandrei, Ghandi.

Egregio dott. Nicola Evoli  tu conosci molto bene la realtà indiana e in particolar  modo quella del Kerala dove per l’attività che  svolgi ti rechi spesso .Nelle tue visite a Kochi che aria hai respirato?

Alfredo permettimi una premessa per poter distinguere e dare un peso specifico ai fatti e separatamente alle opinioni personali. La mia prima visita in India a scopo d'affari e' datata 1999. In questi 14 anni non solo ho maturato alcune esperienze specifiche e le condizioni sono generalmente migliorate ma ho potuto soprattutto approfondire i miei rapporti umani prescindendo dall'interesse specifico negli affari. Oggi posso dire di avere un buon numero di amici Indiani che non solo nutrono un rapporto di fiducia personale ma hanno conosciuto lo spirito e l'umanita' degli Italiani e il sincero interesse culturale reciproco. Mentre i governi cambiano e i rappresentanti diplomatici ruotano nel brevissimo periodo, questi rapporti permangono, si rafforzano e si allargano, accrescendo quella che gli americani chiamano 'diplomazia di secondo e terzo livello', cioe' quella non ufficiale ma spesso molto efficace proprio perche' improntata alla reciproca fiducia nel lungo periodo, corroborata da molti fatti e non da cerimoniali. Debbo dire che ho avuto il vantaggio della doppia cittadinanza, perche con il passaporto britannico ad esempio mi e' sempre stato concesso velocemente il visto affari multiplo a lungo termine (5 anni) e una maggiore autorevolezza mentre purtroppo (a causa del principio di reciprocita' e dall'ottusita' di certi ambienti al MAE) i miei colleghi con il solo passaporto Italiano si sono visti spesso rifiutare il visto multiplo di ingresso di lungo periodo. Il mio e' stato un grande vantaggio, salvaguardando gli interessi della nostra azienda che e' pur sempre, con orgoglio di bandiera, Italiana. Non solo, spesso riesco ad ottenere informazioni e assistenza dall'High Commission Brittannico con una discreta efficienza. Con mio grande rammarico, l'efficienza consolare britannica e' quasi sempre molto notevole rispetto a quella dei nostri consolati o ambasciate. Diciamo che i britannici hanno un 'sistema' diplomatico che funziona e costa meno del nostro mentre da noi molto dipende dall'efficienza e dallo stile dell'ambasciatore, del console e del loro capo (il Ministro). Vogliamo fare un esempio? L’ambasciatore italiano a Berlino guadagna il doppio della cancelliera tedesca. Al pari di molti colleghi, dallo Stato Italiano percepisce circa 20mila euro netti al mese e governa una sede diplomatica con 58 persone. Angela Merkel dallo Stato tedesco riceve 9.072,43 netti per governare una nazione con 80 milioni di cittadini, la terza potenza economica del mondo. Lui 20mila e lei 9. Lui viene dall’Italia, il Paese dei doppi stipendi e dei privilegi che – poco se ne parla – proietta nel mondo il suo sistema di casta e lo propaga attraverso una fitta rete diplomatico-consolare, uffici di rappresentanza e istituti di cultura e lingua italiana all’estero che poco hanno a che fare con l'efficienza.

Fatta questa premessa, arriviamo dunque al Kerala. Si e' detto che il Kerala sia uno stato di poveri pescatori e agricoltori ma non va dimenticato che Il Kerala (o Keralam, malayalam: കേരളം) è lo stato indiano con il tasso di alfabetizzazione più elevato (oltre il 90% della popolazione).  L'attuale primo ministro è Oommen Chandy, eletto dopo la vittoria del Partito del Congresso Indiano a scapito del Partito Comunista dell'India nelle ultime elezione tenutesi nel maggio 2012. La data e' importante, perche' la sua elezione e' avvenuta proprio quando piu' sentita era in Italia l'"offesa" ricevuta sul caso della detenzione ingiustificabile dei nostri Maro'.
La politica del Kerala è contrassegnata dal continuo cambio di potere ogni 5 anni dove si alternano al Governo il Partito Comunista dell'India (di orientamento marxista) e il Partito del Congresso Indiano (per intenderci quello dell'"italiana' Sonia Maino Ghandi).
La presenza del Partito Popolare Indiano (hindi:
भारतीय जनता पार्टी [भाजपा], Bharatiya Janata Party , BJP) è minima in questo stato. Questo è un dato rilevante alla luce degli eventi che hanno caratterizzato i governi BJP, di stampo nazionalista e di difesa dell'identità induista. Infatti il BJP conta pochi elettori in Kerala anche grazie alla presenza quasi omogenea di induisti, musulmani e cristiani.
La politica e l'essere membro di un partito sono concetti molto sentiti in Kerala. Questo senso di appartenenza e l'emancipazione di sindacati e unioni studentesche finiscono spesso per sfociare in scioperi e manifestazioni, causando frequenti blocchi al lavoro e all'istruzione. D'altro canto grazie alle politiche progressiste del CPI il Kerala vanta un tasso di alfabetizzazione del 91% (il più alto dell'India) e il più basso tasso di corruzione dell'intero paese. Usando termini per lo più occidentali potremmo dire che il Kerala è fortemente di sinistra ed è la "roccaforte rossa" dell'India essendo i due partiti più grandi l'uno comunista e l'altro socialista.

Senza ombra di dubbio, fin dal primo giorno il caso' dei Maro' e' stato strumento di azione politica di pochi uomini di potere locali non contro gli Italiani ma contro l'"italiana" Sonia Maino Ghandi e il suo Partito del Congresso. Teniamo presente che in un territorio piccolo quanto il Nord Italia come il Kerala vivono ca 33 milioni di persone, circa la meta' del numero della popolazione Italiana. Vedere dunque dimostrazioni 'pilotate' di piazza con qualche migliaio di persone possono riempire lo schermo televisivo ma e' un numero di gran lunga trascurabile se rapportato all'intera popolazione locale. Fino a qui i fatti.  Sono appena rientrato dall'inaugurazione del centro commerciale piu' grande dell'India, dove il nostro lavoro, quello di Italiani, e' stato largamente apprezzato e pubblicamente onorato. L'ultimo in ordine di importanza di altri nostri successi in India.  Di nostri rappresentanti diplomatici nemmeno l'ombra ma meglio cosi', ci sentiamo meglio salvaguardati da soli. Direi che c'e' una frattura molto evidente tra la natura pacifica e gli interessi della maggioranza popolazione locale e quella dei politici, proprio come da noi. I livelli di strumentalizzazione sono ormai inaccettabili. Da un certo punto di vista molti sono rimasti sorpresi anche della 'debolezza' dei nostri rappresentanti locali, i quali hanno 'sperato, 'creduto' mai mai mostrato di agire con determinazione nei fatti, lasciando aumentare a dismisura la 'bolla' e il dubbio. Come Italiani sul posto ne soffriamo moltissimo, sopperiamo pero' sempre con qualche nostra bravura specifica e prendendo le distanze dai nostri politici, purtroppo.

Ti sei fatto promotore di una bella iniziativa quando i due fucilieri della marina erano a Kochi hai alloggiato nello stesso albergo e hai fatto recapitare una torta a Massimiliano e Salvatore per portare la vicinanza dei cittadini italiani come è andato quel tentativo di contatto ?

premetto che non ho mai alloggiato a Fort Bastion a Kochi dove erano confinati i nostri ragazzi in compagnia dei nostri servizi di 'sicurezza' ma al Marriott Hotel. Conosco molto bene l'albergo dove loro si trovavano perche' ha una cucina e un servizio squisiti in un contesto di quartiere storico del Kerala e nel corso del mio penultimo viaggio sono andato a trovarli con l'intenzione di portare di persona un segno tangibile di vicinanza e affetto da parte di molti Italiani, soprattutto amici delle FFAA a cui ancora mi onoro di appartenere, e del Gruppo FB "Ridateci i nostri leoni". Non vi era alcuna ostruzione da parte di forze di polizia Indiane che personalmente non ho nemmeno visto ne in albergo ne' all'esterno, al contrario mi e' stato impedito di vederli da parte di non meglio qualificati funzionari italiani che non si sono qualificati ma che hanno fatto pervenire il loro diniego tramite la reception dello stesso albergo. Ho commissionato dunque per i nostri ragazzi simpaticamente una torta con degli auguri e so che i miei amici Indiani nell'albergo hanno fatto anche delle foto che pero' sono state sequestrate dagli Italiani e a me mai consegnate. Deplorevole e molto sciocco. Ne informai il Ministro Terzi e mai ho avuto risposta…evidentemente e' tutto conservato nel segreto….veramente sgradevole il livello di sfiducia e di controllo da parte di nostre organizzazioni istituzionali.

Questa vicenda per molti versi assurda ha sempre dato l’idea di nascondere qualcosa,il rancore dell’India nei confronti dell’Italia da dove prende linfa,considerando che i rapporti tra i due paesi sono sempre stati buoni il nome di Quattrocchi può significare qualcosa e se si cosa?

il caso Quattrocchi e' stato a lungo oggetto di discredito nei confronti dell'Italia. A casa nostra sembra che questo scandalo sia sempre stato tenuto in sordina ma in India aveva assunto una rilevanza nazionale sconvolgente e lo e' ancora in questi giorni (periodicamente da circa vent'anni), conosciuto anche come lo scandalo Bofors, le tangenti che vennero pagate dalla industria bellica svedese Bofors AB, le connivenze del Governo centrale indiano e svedese e ultimamente lo sblocco dei conti, depositati nel paradiso fiscale di un' isoletta della Manica e congelati dal 2003, di cui è titolare un nostro concittadino, Ottavio Quattrocchi, che dello scandalo fu figura chiave.
Lo scandalo Bofors scosse l'India degli anni '80, coinvolgendo molti politici, primo fra tutti Rajiv Gandhi, figlio di Indira Gandhi e  Primo Ministro indiano dopo la morte della madre. La classe dirigente fu accusata di aver ricevuto ingentissime tangenti sull'acquisto, dalla svedese Bofors AB, di obici da campo da 155 mm. La denuncia  partì dalla Radio Svedese, che rivelò che la Bofors - oggi acquistata e smembrata dalla Saab e conosciuta col nome Kartongen Kemi Ochi Forvaltning AB - aveva pagato oltre 50 milioni di dollari in tangenti per assicurarsi la vendita all'India; valore dell'operazione  1, 4 miliardi di Dollari. Lo scandalo assunse proporzioni tali da causare la sconfitta  del Partito del Congresso, capeggiato da Rajiv, alle elezioni che seguirono nel Novembre 1989.  La credibiltà di Rajiv Gandhi, il cui nomignolo era Mr. Clean, Signor "pulito" ne uscì gravemente intaccata.
Le misure di sicurezza furono allentate e Rajiv fu assassinato nel 1991 con un attentato compiuto dalle Tigri Tamil, i separatisti di etnia Tamil a Sri Lanka. Tuttavia all' inizio del 2004, la Corte Suprema indiana scagionò totalmente e clamorosamente il defunto Rajiv dalle accuse allora formulate, nonostante il fatto che le armi acquistate fossero risultate altamente difettose ed estremamente più onerose, per il Governo indiano, rispetto a quelle proposte da altri concorrenti alla vendita.
L'india era impegnata al tempo in una corsa al riarmo, volto a contrastare le forniture di armi che gli Stati Uniti proporzionavano al nemico e vicino Pakistan. Rajiv incontrò proprio in quei giorni Olof Palme, amatissimo Primo Ministro svedese, che ottenne rapidamente la commessa per la Bofors, in grandi difficoltà finanziarie, contro il parere tecnico delle alte sfere militari indiane. Palme verrà assassinato nel 1986 in circostanze tuttora misteriose.
Tra gli altri sospettati di aver intascato tangenti fu immediatamente indicato Ottavio Quattrocchi.  Questi era il rappresentate della Snamprogetti, ENI, per l'India  e poi per la zona asiatica intera negli ultimi 16 anni di permanenza in oriente, durante i quali Quattrocchi ottenne appalti per la Snamprogetti per circa 300 miliardi di dollari. Il suo collegamento con lo scandalo si deve alla sua strettissima prossimità con la famiglia di Rajiv Gandhi e della sua oggi vedova Sonia Maino Gandhi, italiana e attualmente  presidente del Partito del Congresso. Si commenta che l 'amicizia con il Primo Ministro fosse tale da far ottenere al Quattrocchi il sollevamento dagli incarichi di qualunque funzionario si opponesse o intralciasse i progetti finanziari dell' italiano. I figli di Sonia e Rajiv venivano affidati alla famiglia Quattrocchi quando la coppia lasciava l'India.
Il CBI , Central Bureau of Investigation indiano, accusò nel 1993 Quattrocchi e la moglie Maria di aver ricevuto 7 milioni di dollari di tangenti dalla Bofors per aver convinto l'amico Rajiv all'acquisto delle armi svedesi. Narasimha Rao, del Partito del Congresso, presiedeva allora il Governo indiano e nessun ordine di cattura venne spiccato, nonostante le ripetute interrogazioni parlamentari poste dall'opposizione, permettendo a Quattrocchi di lasciare il paese.
Questi si rifugiò in Malesia, dove potè godere di immunità fino al 2003, quando il Governo indiano riuscì ad ottenere l'estradizione, per processare l'italiano, dalle autorità malesi. L'ordine di consegnare il passaporto giunse due giorni dopo che Quattrocchi era rientrato in Italia, dove da allora vive apparentemente a Milano.
Una nota interessante: a fine Gennaio 2007 Quattrocchi, nonostante un mandato di cattura internazionale vola con Alitalia dall'Italia per Buenos Aires per motivi turistici (incompetenza delle nostre forze di polizia o copertura?) fino alle cascate dell'Iguazu. Nella regione a quel tempo vi era un'allerta per traffico di droga e terrorismo, dunque i controlli erano elevati. Nell'imbarcarsi per il Brasile, il 6 Febbraio viene arrestato dagli Argentini su mandato Indiano sulla base della produzione di documenti falsi. Il mandato di cattura e' noto essere registrato come CBI Case RC.1(A)/90-ACU.IV/SIG (Bofors Case). Il 26 Febbraio viene rilasciato su cauzione, il Console Italiano in persona presenzia in aula in tribunale. Inizia la richiesta indiana per l'estradizione che non viene pero' mai concessa.
Dal 2003 i conti bancari di Quattrocchi nell' isola della Manica Guernsey, paradiso fiscale, sospettati di contenere l'ammontare delle tangenti, erano stati congelati. I denari vi erano giunti dopo i consueti complessi passaggi tra società fantasma, conti cifrati in Svizzera e a Panama. Recentemente sono stati però sbloccati - pare su richiesta del Governo indiano per insufficienza di prove- dalle autorità britanniche nonostante le indicazioni della Corte Suprema indiana di mantenere lo status quo. L'intera procedura  legale dovrà dunque essere ora ripetuta per ottenere un nuovo blocco ma, nel frattempo, Quattrocchi può liberamente svuotare i conti sospetti.  L'opposizione chiede ovviamente la testa dell'attuale Ministro di Giustizia, Bharadvaj, e indirettamente quella del Primo Ministro Manmohan Singh e di Sonia Gandhi, che declinano ogni responsabilità nell'accaduto. Nessun colpevole. Nessuna tangente.
Quattrocchi fa sapere  che il caso non esiste e che si tratta esclusivamente di ventennale accanimento politico nei confronti della famiglia Gandhi. Rappresentanti del CBI potrebbero comunque recarsi in Italia per interrogare l'uomo, lo stesso Ministro degli esteri Italiano avrebbe potuto offrire questo gesto di distensione tanto utile in un momento cosi' penoso e 'ricattatorio' nei confronti dei nostri Maro'. Io stesso ho segnalato ripetutamente al nostro Ministro queste aspettative e queste necessarie aperture, ma ogni qualvolta si nomina Quattrocchi il Ministro non risponde affatto, significa che di fatto o si rende complice di una copertura oppure e' ignorante e/o impotente. Di fatto il caso Quattrocchi per molti Indiani e' sinonimo di malaffare Italiano in India.



E il nome di Pozzessere cosa rappresenta per gli indiani?

Paolo Pozzessere e' un altro esempio di un'Italia oscura nel commercio internazionale. Arrestato per ipotesi di corruzione internazionale per vendite Finmeccanica sia a Panama che in Indonesia che in India, e' anch'egli nel mirino degli inquirenti indiani….non si sa molto di piu' al momento. Pero' anche su questo devo dire che ci sono delle coperture e complicita' . Sembrerebbe che Paolo Pozzessere fosse un frequentatore del Circoli degli Esteri. Il "Circolo del Ministero degli Affari Esteri", creato con finalità di rappresentanza del M.A.E. e sociali sessantacinque anni or sono, occupa un'importante area verde sulla sponda sinistra del Tevere, in prossimità di Ponte Milvio.
Nell'Italia degli sprechi e' bene che si sappia che il Circolo dispone di ampi saloni e spazi di rappresentanza, di sale per il bridge e la televisione, di un ristorante, di un bar e di una tavola calda. E' dotato inoltre di importanti attrezzature e servizi.
Soci del Circolo sono i funzionari diplomatici e delle carriere direttive del Ministero degli Affari Esteri. Gli altri dipendenti del Ministero stesso possono divenire Soci su domanda.Tale facoltà è estesa ai dipendenti del M.A.E. collocati a riposo. Allo scopo di favorire i contatti, in special modo con i diplomatici stranieri e con ambienti particolarmente qualificati, il Consiglio Direttivo del Circolo ammette ogni anno un numero limitato di Soci aggregati, consentendo loro di partecipare alle attività sociali a norma di regolamento. La precedenza viene data - a norma di statuto - ai membri del Corpo Diplomatico accreditati presso il Quirinale, la Santa Sede e gli Organismi Internazionali con sede in Roma, ai funzionari dei predetti Organismi a cui sia stato riconosciuto lo status diplomatico, ai parlamentari, ai corrispondenti della Stampa estera accreditati presso il Servizio Stampa del Ministero degli Affari Esteri, ai giornalisti italiani iscritti all’albo, ai parenti stretti dei soci, agli alti funzionari di Amministrazioni o Enti pubblici. Le domande di aggregazione debbono essere controfirmate da due Soci e motivate con lettera di presentazione da uno dei due Soci stessi. Dunque, sarebbe interessante capire chi presento' un non diplomatico come Pozzessere al Circolo e da quando. A Marzo-Aprile 2011sicuramente frequentava il circolo dato che e' stato messo agli atti dell'inchiesta su sua stessa dichiarazione. Alla sola richiesta di informazioni sul nome Pozzessere, il Ministro Terzi glissa ma il suo caso e' anch'esso oggetto di grande interesse da parte degli indiani e, aggiungo io, con molto diritto.
Come avrebbe dovuto agire il governo italiano in questo anno e un mese di detenzione dei nostri marò?
Su come avrebbe dovuto agire il MAE in questo lungo periodo cosi' imbarazzante bisognerebbe chiederlo ad esperti di diplomazia internazionale. Su come si e' comportato il MAE invece occorrerebbe chiederlo a psicologi e psichiatri o…investigatori!  perche' di fatto non e' mai emerso il carattere decisionale del nostro Paese e non si comprende come dei professionisti del settore, dei tecnici, quale e' il Ministro Terzi, Ambasciatore di ruolo, non abbiano saputo creare le condizioni per una diplomazia parallela di successo laddove i canali ufficiali hanno miseramente fallito. Non ci siamo trovati alleati nell'iniziativa ne' in seno all'India ne sul fronte internazionale. A molti e non solo a me ha dato l'impressione che il 'low profile' fosse una tattica non tanto per ottenere la liberazione di nostri Maro' con trattative segrete quanto per creare 'sonnolenza' su altri temi piu' scottanti di frizione con l'India. Chi vivra' vedra'….nel mio piccolo ho offerto al Ministro anche la disponibilita' di importanti uomini di affari del Kerala, ben visti anche al governo centrale di New Delhi….ma mai nessuna risposta, vuol dire dunque che il Ministro un suo piano lo aveva in mente e per lui andava bene cosi. I risultati sono quelli che oggi ci ritroviamo, pericolosamente vicini ad una rottura dei rapporti diplomatici con l'India e non dimentichiamo che l'India e' il primo partner commerciale dei paesi UE, uscire di scena anche temporaneamente arrecherebbe gravissimi danni al nostro sistema di imprese a tutto vantaggio di altri paesi quali UK, Germania e Francia. nel frattempo noto che il Ministro ha tempo per dedicare grande cura per la sua immagine in rete, gli auguro almeno per quello un miglior risultato.

La sensazione che si ha e che il governo italiano sia incapace, dopo essere stato incapace per più di un anno di dare quelle risposte che si aspettano da un paese come l’Italia.Un paese il nostro, ricordiamolo, sempre pronto e disponibile a fare la sua parte. Come mai nessuno dei beneficiari delle nostre azioni generose e umanitarie,ha speso una parola?

sull'inerzia di altri Paesi andrebbe fatto un distinguo. Mentre in ambito UE tutte le nostre richieste di assistenza sono finite nelle 'falde carsiche' della non esistente diplomazia corale europea (nonche' della piu' grande assenteista di tutti i ministeri UE, quello della baronessa Ashton), dove i nostri problemi sono diventati automaticamente delle opportunita' nuove di affari e di diplomazia come ad esempio per l'industria bellica francese, in ambito Atlantico non mi risulta che a Washington siano arrivate richieste di supporto collaterale, eppure anche gli USA partecipano attivamente alle operazioni anti pirateria nell'Oceano Indiano…lo trovo perlomeno un fatto curioso.

E’ corretto secondo te dire ,che si è cercato di far prevalere le ragioni del business, rispetto a quelle del diritto internazionale e del rapporto tra Stati ,e tra popoli?

fosse vero che abbiano prevalso le ragioni del business avremmo avuto un miglioramento dell'interscambio con l'India ma non e' cosi', anzi allo stato attuale delle cose abbiamo pregiudicato molto la nostra buona immagine e i mesi futuri lo dimostreranno negativamente se non ci sara' un'inversione di rotta. Penso che qualche interesse privato, di business privato e non di sistema Italia, ci sia stato in questo caso dei Maro'. Mi spiego meglio.  In tanti si continuano a chiedere chi abbia ordinato il rientro in acque territoriali indiane alla MN Enrica Lexie.  Un rientro che si poteva evitare, essendo la nave italiana ormai in acque internazionali, e che ha comportato enormi conseguenze. Ad ordinare al comandante della nave, Umberto Vitelli, quando già si trovava in acque internazionali, di tornare a Kochi in India è stato l’armatore Luigi D’Amato o chi per lui.
Al telefono la compagnia avrebbe detto a Vitelli: “Fate come dicono loro, tornate a Kochi“. La Enrica Lexie è una nave della Società Armatrice Fratelli D’Amato Spa di Napoli e il legame della società con l’India è forte. La società armatrice riceve da questo Paese asiatico annualmente numerose commesse legate al trasporto di ‘crude oil’ e non solo. La Fratelli D’Amato Spa di Napoli è la stessa società della petroliera ‘Savina Caylyn’ sequestrata, dirottata e trattenuta per quasi 11 mesi, dal mese di febbraio del 2011 fino al mese di dicembre dello stesso anno, dai pirati somali che per il rilascio hanno preteso un riscatto milionario. Su questo riscatto milionario, alla mia richiesta di informazioni specifiche il Ministro Terzi continua a glissare.
Si tratta di una nave battente bandiera italiana che di fatto è stata praticamente sequestrata dalle autorità locali indiane.
A bordo di questo pezzo di territorio italiano, c'erano, oltre ai due marò a terra in carcere, anche altri 9 cittadini italiani, 5 marittimi, parte dei membri dell’equipaggio, tra cui il comandante Umberto Vitelli, e 4 militari della marina italiana, parte del NMP imbarcato a bordo.  A bordo vi erano anche altri membri dell’equipaggio: si tratta di 18 marittimi di nazionalità indiana, così come erano indiani anche 17 dei marittimi a bordo della Savina Caylyn.  Un ulteriore dimostrazione del forte ‘legame’ della Fratelli D’Amato con l’India.
Un Paese con cui la società armatrice italiana ha ottimi rapporti commerciali e per questo motivo si potrebbe spiegare il perché il cavaliere Luigi D’Amato, presidente della società armatrice,  prediliga i lavoratori del mare di questa nazionalità. Lavoratori che comunque affianca volentieri ad altri di nazionalità italiana che poi, sottopone al comando di un capitano sempre italiano.
Una curiosità: la Fratelli D’Amato ingaggia il proprio personale attraverso la ‘V. Ships India Management’ con una delle sei sedi indiane proprio a Kochi. Un altro elemento che indica il forte sodalizio che esiste con l’India e in particolare con lo stato federale del Kerala ed era da questo porto che la nave italiana aveva preso il largo il 15 febbraio scorso giorno in cui si verificò l’incidente. E per questo motivo si potrebbe spiegare il perché Luigi D’Amato, presidente della società armatrice partenopea, si sia preoccupato di non contrariare le autorità locali indiane.
Per cui quando dal Kerala hanno comunicato alla nave che avevano catturato dei pirati e hanno chiesto alla Enrica Lexie, ormai già al largo, di rientrare a Kochi per aiutarli nel riconoscimento, nessuno a bordo si è domandato se era il caso o meno di obbedire. Non ne avevano motivo, ma l’indietro tutta è stato dato perché l’ordine di farlo era venuto dal vertice  della compagnia marittima. Il comandante della nave ha quindi ordinato di invertire la rotta in quanto era l’unico ad avere a bordo la facoltà di far virare di 180 gradi la rotta per tornare indietro. I militari italiani a bordo non avevano alcuna voce in capitolo, la legge 130 non prevede nulla in casi del genere.L’Enrica Lexie infatti, è l’unica tra le navi che si trovava al largo delle coste indiane del Kerala, il 15 febbraio scorso (le navi erano quattro in quel momento in quella zona, quel giorno) che ha risposto affermativamente via radio dalle autorità marittime indiane quando queste hanno chiesto a tutte se avevano subito un attacco pirata o meno. Anche una nave greca, secondo quanto riportato nei report di allarme “attacco pirati”  delle missioni internazionali che pattugliano con navi militari l’oceano indiano in missione antipirateria, ha avuto un contatto con i predoni del mare, quel giorno quasi nelle stesse ore, ma non ha risposto alle richieste indiane.
Quel fatidico 15 febbraio nell’Oceano Indiano erano stati uccisi 2 pescatori indiani perché scambiati per pirati. Qualcuno che si trovava a bordo di una nave mercantile ha fatto fuoco contro il peschereccio sul quale erano imbarcati uccidendoli. L’episodio non può contare sulla testimonianza dell’equipaggio della nave italiana, in quanto insieme al comandante si erano rifugiati, come da prassi, nella camera di sicurezza a bordo. Non può contare nemmeno sulla testimonianza dei compagni di lavoro dei due pescatori uccisi in quanto erano a dormire sotto coperta.
Eppure le autorità locali indiane dello stato del Kerala ritengono responsabili di questo duplice omicidio due marò del Battaglione San Marco imbarcati, insieme ad altri quattro, come Nucleo Militare di Protezione, NMP, anti pirati a bordo della nave italiana ‘Enrica Lexie’.
I fanti di marina erano a bordo della nave commerciale italiana in ottemperanza a una legge italiana di contrasto alla pirateria marittima, la Legge 130 e di una convenzione firmata, lo scorso mese di ottobre, tra il ministero della Difesa e la Confederazione degli armatori italiani, Confitarma. La società armatrice Fratelli D’Amato Spa di Napoli è la stessa che per 11 mesi ha gestito il rilascio,  di un’altra sua la petroliera ‘Savina Caylyn’, sequestrata e alla fonda al largo di Harardhere in Somalia. L’armatore campano ha lasciato prigionieri in Somalia per 11 mesi la nave e anche il suo equipaggio nel tentativo forse di sottrarsi al ricatto della gang del mare che li aveva in ostaggio. Un inutile tergiversare che ha fatto solo soffrire inutilmente l’equipaggio prigioniero in Somalia e alla fine comunque ha dovuto cedere e pagare il riscatto richiesto per liberare imbarcazione e membri dell’equipaggio.
Quei marittimi che, a detta del Cavalier D’Amato, erano come fossero suoi figli…  in questo caso le norme del diritto internazionale non hanno prevalso sugli interessi privati a quanto pare.

Non ti sembra strano che invece di bloccarli a Natale li abbiano fatti rientrare e poi fatti  tornare per il voto. Qualche maligno dice che il Presidente Monti li abbia usati per fare campagna elettorale .Che ne pensi Nicola?

Se qualcuno pensa a una strumentalizzazione politica in campagna elettorale del caso dei Maro' significa che il governo Monti e i suoi emissari di fatto non hanno prodotto altro risultato che questo sospetto. Quello pero' che piu' lascia amareggiati e' il comportamento del vertice dello stato e delle FFAA, cioe' il Presidente Napolitano….presente ad intermittenza e solo con frasi di circostanza…ha dato proprio la certezza di non aver mai indossato una divisa (se non quella del GUF in sua gioventu') per mancanza di senso di responsabilita' diretta della salvezza dei suoi uomini e dell'onor di Patria. Mi dispiace veramente.
 Non ti sembra strano che il Governo italiano abbia preso questa iniziativa dopo che è stato presentato un esposto alla procura di Roma da parte del Generale Fernando Termentini e dall’avv Tomasicchio,semplice coincidenza come detto da una fonte militare, o paura di essere ricordati come il governo degli incapaci e dal profilo, non basso, ma sotterraneo?
Non era meglio se interveniva la procura di Roma? E perché secondo te non è intervenuta?


Non mi sembra strano. L'esposto dell'avv. Tommasicchio e del gen Termentini parla chiaro, sotto il profilo giuridico e' ineccepibile. Di fatto non poteva essere ignorato e la tattica del low profile ora si e' esaurita, di fatto il governo era gia' dimissionario e la patata bollente e' stata allegramente scaricata in mano ad altri. Semplicemente vergognoso. Spero si apra un'inchiesta sulle responsabilita' specifiche ministeriali e sulla presidenza del consiglio dei ministri. Il fatto grave e' che il Gen Termentini, da sempre un galantuomo, mai fazioso e uno specialista in ambito internazionale, ha dimostrato in qualsiasi momento la sua disponibilita' e portato il suo contributo di idee senza avere mai una risposta concreta di ritorno….l'errore fatto dal MAE e' stato di non prendere in seria considerazione le esigenze di chiarezza e determinazione di gruppi eterogenei ma fermamente uniti nell'intento di ottenere ascolto e giustizia. Altro grave errore e' stato di sottovalutare canali di informazione come il tuo che sono liberi di vincoli di scuderia. Le arroganze o prepotenze del potere prima o poi si pagano. Sul fatto che non fosse intervenuta prima la procura di Roma occorrerebbe aprire un capitolo a parte, indubbiamente ci sono molti quesiti ma anche molti imbarazzi.
Dott.Evoli sei stato uno dei cittadini più attivi nella pagina del ministro Giulio Terzi .Lo stesso ministro ha riconosciuto l’importanza della tua presenza critica e ti aveva anche invitato a prendere un tè alla Farnesina,ma dopo alcuni tuoi suggerimenti per l’azione che avrebbe dovuto fare il Governo italiano e dopo alcune tue valutazioni sui tanti cav che fanno parte del corpo diplomatico, il ministro Terzi ha deciso di bannarti.Come te lo spieghi ? E se vuoi riproporre le argomentazioni fatte al Ministro.


aver criticato il Ministro Terzi sul fronte di un possibile conflitto di interessi tra obblighi di un Ministro della Repubblica Italiana e di diplomatici di carriera e quelli di appartenenza a ordini non istituiti dalla Repubblica Italiana (ad esempio la sua appartenenza ai Cavalieri del Sacro Romano Impero e quella di Mancini ai Cavalieri di San Silvestro) a cui appartengono anche persone altolocate di altri Paesi, sembra averlo irritato oltre misura definendo la mia critica come "turpiloquio".  Vorrei ricordare al Ministro che il turpiloquio, nel linguaggio comune, è un modo di parlare volgare, offensivo e irriverente, utilizzato per mostrare disappunto verso qualcosa o qualcuno. Può consistere nell'utilizzo di imprecazioni, parolacce e bestemmie, usate anche come intercalare, cosa che pero' io non hai mai fatto. I miei interventi sono pubblicamente riscontrabili e su questa sua denuncia di presunto turpiloquio e sua censura ne chiedo le sue immediate scuse. Una nota culturale per il Ministro:
molte delle parole volgari a noi note sono nate nella Francia e nell'Italia borghese del 1100 circa, tra bande di banchieri o filosofi francesi e borghi Napoletani, e presto si sono diffuse come offese o imprecazioni in tutta l'Europa anche tra le classi più alte e raffinate. E' improbabile definire chi ne facesse uso, visto l'ampio uso da parte della maggior parte della gente comune. Chiaro Davanzati, al contrario di quanto si pensi, nel suo De viris illustribus grazie all'utilizzo di molte parole volgari descrive la società maleducata e indifferente del tempo rinascimentale , che secondo lui avrebbe portato a una lacerazione dell'Italia. Blaise Pascal davanti a una folla numerosa a Parigi il 12 Agosto 1644 accusa pubblicamente il sovrano di aver esagerato con l'imposizione delle tasse e nel suo lungo discorso in nome del popolo fa ampio uso di parole volgari che richiamano gesta sessuali.
In diritto, il turpiloquio è un illecito amministrativo. Il reato di turpiloquio è stato depenalizzato con la legge 25 giugno 1999, n. 205. La pena prevista è una sanzione amministrativa di 300 euro, se vuole proceda e ne produca gli estremi, al contrario sarei io parte offesa…direi che di altri illeciti si debba parlare….la denuncia me la faccia cortesemente come cittadino britannico e chiedero' l'assistenza necessaria al mio Ministero competente dando informazione agli organi di stampa anche a Londra e qui negli USA dove risiedo.
Da cittadino italiano e da cittadino del mondo tu cosa faresti in questo momento per risolvere il contenzioso tra l’Italia e l’India?

da cittadino semplice che guarda al mondo come una grande casa in cui poter coabitare pacificamente, sul caso del contenzioso con l'India farei quello che farebbe un buon padre di famiglia. L'Italia non si e' mai sottratta alle sedi universalmente riconosciute come giuridicamente competenti ad esaminare il caso. Si apra dunque il ricorso al giudizio super partes come previsto dall'ordinamento internazionale in materia, lasciando i nostri ragazzi o in Italia o in altro Paese terzo dove avverra' il giudizio a disposizione delle autorita' competenti, anche Italiane ed Indiane. L'Italia dia dimostrazione sincera di rispettare l'India e metta a disposizione delle autorita' competenti, pur sempre nel rispetto dei diritti italiani degli imputati, i signori Quattrocchi e Pozzessere. Si azzeri la ns diplomazia in India e si proceda a delle nomine che non generino il sospetto di essere in conflitto di interessi. In tanta decadenza abbiamo anche degli ottimi Ambasciatori con un curriculum di tutto rispetto, avanti con quelli. Invece di vendere armi si venga incontro all'India che e' alla ricerca di JV sul fronte della difesa, considerando i nostri interlocutori non come polli da spennare ma come partners tecnico-produttivi.  Si chiuda definitivamente il Circolo degli esteri e lo si converta a un centro di R&D su diplomazia, informazione e strategia, in collaborazione con atenei e ricercatori.

Alfredo d’Ecclesia

6 commenti:

  1. Apprezzo la minuziosa ricostruzione dei fatti che ritengo senza dubbio veritiera.
    Non sono, tuttavia, d'accordo sulle conclusioni. Non dubito che in India, e nel Kerala in particolare, esistano persone per bene, come, a suo tempo, esistevano nella germania hitleriana,e che magari siano anche la maggioranza.
    Ma il comportamento, dapprima delle autorità di polizia del Kerala, poi della magistratura del Kerala, degli opinion leaders di quel paese, quindi della magistratura federale, infine del governo centrale, è stato, decisamente, ignobile, indegno di un paese civile.
    L'ultimo atto contro il nostro ambasciatore si qualifica da sè: neppure Hitler aveava mai osato tanto.
    E poiché ritengo che nelle relazioni internazionali debba valere il principio: a bandito, bandito e mezzo, l'unica strada percorribile per un Italia che pretenda e voglia imporre il rispetto di sé stessa, contro il sequestro di un nostro diplomatico, è: 1) richiesta di convocazione urgente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU; 2) ricorso , in via di urgenza, alla NATO, per la messa in atto di tutte le misure previste dal trattato.
    Una volta "liberato" il suo ambasciatore - rifiutata la via dell'arbitrato, che può essere praticata solo tra paesi che si considerino reciprocamente civilizzati - il nostro Paese potrà essere convenuto, su iniziativa dell'India, innanzi alla Corte Internazionale dell'AJA.
    Se la NATO facesse orecchie da mercante, denuncia del trattato e ritiro da tutte le missioni internazionali.

    Paolo Colombati
    paolocolombati@yahoo.it


    RispondiElimina
  2. @ Paolo Colombani, apprezzo l'amico Nicola per la lunga ed esauriente spiegazione e nello stesso tempo concordo con le Sue conclusioni assolutamente concrete

    Fernando Termentini
    mail@fernandotermentini.it

    RispondiElimina
  3. finalmente un sunto esaustivo della vicenda ormai sempre più sepolto,secondo malcostume italico,del caso Enrica Lexie.ormai ci si avvicina a tempi biblici per la sua soluzione e mi fa specie che : a parte il generale Termentini,daparte delle noistre istituzioni vi sia il più astruso e totale silenzio. ben vengano le informazioni ma sarebbe utile finalmente dare delle risposte più concrete a risolvere la spinosa questione. nel totale silenzio delle ISTITUZIONI ITALIANE durante le celebrazioni della Repubblica ho notato,attraverso il GRIDO SAN MARCO durante la sfilata, da parte di quasi tutte le formazioni presenti che le nostre forze armate non dimenticano. condivido in toto e concordo con le conclusioni del post. mi scuso per il capello iniziale che potrebbe dare adito magari a fraintendimeto del mio pensiero nella vexata questio. PER MARE PER TERRAM , SAN MARCO

    RispondiElimina
  4. ...non mi meraviglia affatto il racconto di Nicola Evoli. La realtà è quella descritta, purtroppo il caos è la regola dopo la caduta del muro di Berlino e la fine dei vecchi partiti. L'opinione pubblica italiana è presa in mezzo fra due grosse compagnie di ventura e come risultato non conta più nulla. Succede di tutto ma a vantaggio di chi? Perchè ritengo che ci sia un utilizzatore finale e una miriade di profittatori. Da quando mi sono interessato alla questione, leggendo le varie notizie apparse sono arrivato alla conclusione che la vicenda dipende solo da Roma. Il bandolo della matassa è a Roma. Perchè a Roma non si muove nulla? Eppure è grave. Uno Stato comanda un servizio a dei soldati e poi li lascia tranquillamente al giudizio di un tribunale straniero, per terrorismo o banditismo! E dopo questo fatto come fanno gli altri soldati che sono impegnati su fronti ben più caldi ad essere sicuri.... sicuri di cosa? Gli toccherà piangere perchè nessuno interverrà a trarli d'inpaccio. Non c'è più nessuna certezza. Altro che peacekeeping! Non ci prendiamo in giro. Chi combatte in giro per quale ideale lo fa se salta il paravento del peacekeeping? Non mi voglio unire al coro degli arcobalenisti d'occasione, ho sempre pensato che fossero solo faziosi. Un curiosità la petroliera‘Savina Caylyn’ era ferma, come hanno fatto a sequestrarla? Anche questa è una delle tante fandonie che ci vengono raccontate! Se non posso far altro almeno mi consolo vedendo la verità da un altro punto di vista! Walter Trentini Trinaistich

    RispondiElimina
  5. Dopo un'esposizione di un simile curriculum e titoli .... ;) difficilmente si può obbiettare alle considerazioni di Nicola per le quali trovano la mia condivisione anche perché ho potuto constatare il suo alto grado di conoscenza dell'India e dei fatti che hanno coinvolto i nostri Fucilieri

    RispondiElimina