Translate

domenica 17 marzo 2013

Mario Monti ha giurato sulla Costituzione....di Stefano Davidson

Giusto due righe per non dimenticarci MAI del personaggio a cui siamo finiti in mano grazie a Monsieur Golpe Napolitano. 
Già, perché il Grande Distruttore della nostra economia, il Grande Traditore del Paese Italia, che ha personalmente "incaprettato" e consegnato nelle mani della trojka e della grande speculazione internazionale, anche quando non fa niente (che è quello che IRRESPONSABILMENTE sta facendo da quando si è dimesso, e ancor più da quando è stato silurato alle urne) fa danni e grossi.
I Comuni italiani infatti sono sul piede di guerra contro l'assoluto menefreghismo dimostrato del governo del bocconiano (che come sappiamo resterà in carica sino all'insediamento del prossimo) nonostante Monti Mario da Varese abbia giurato (davanti a testimoni!!!) "Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della nazione". I Comuni italiani pare infatti che per "Sua Rigidità" non facciano parte della Repubblica (fossero "fondi Comuni d'investimento" ancora ancora, ma semplici agglomerati di persone che importano!)
Infatti, dopo aver visto il cadere nel vuoto di innumerevoli allarmi e denunce da parte di oltre ottomila (8000!) Primi Cittadini, considerato che nessuno al governo si è angustiato di muovere foglia, né di rispondere adeguatamente alle richieste di dette (ottomila!) amministrazioni pubbliche, gli stessi Sindaci sembrerebbero voler contravvenire al patto di stabilità (la mostruosità ratificata di nascosto a Luglio da Monti con la complicità di TUTTI i media istituzionali!).
Questo avverrebbe non per improvvisa sopraggiunta pazzia dei medesimi ma, al contrario, per sopraggiunto senso di responsabilità (e immagino anche paura di "piccole rivoluzioni locali") visto che sembra essere loro intenzione fare ciò che lo Stato centrale non fa, e cioè COMINCIARE A PAGARE I PROPRI CREDITORI, quelle migliaia di società che da sempre sono state costrette ad aspettare tempi biblici prima di vedersi liquidato quanto loro DOVUTO dal committente pubblico.

Ovviamente poi ci si stupisce se Grillo parla di esasperazione, di canalizzazione della stessa nel M5S invece che in violenza di piazza, di contro pare che in pochi si sorprendono che né Bersani, né il suo contrappeso all'equilibrio malato su cui si è retto questo Paese per troppo tempo, ovvero Silvio Berlusconi, si siano ancora minimamente preoccupati di dare una svegliata al Monti Mario, addormentato sul banco (probabilmente in attesa che qualcuno dei suoi burattinai ricominci a tirargli i fili, perché da solo non funziona) per invitarlo, anzi OBBLIGARLO a fare quanto ha giurato sulla Costituzione di fare e cioè "esercitare le sie funzioni nell'interesse esclusivo della nazione!

PS: Dimenticavo che l'ha giurato sulla Costituzione e oggettivamente avendo visto quante volte l'ha stuprata durante il suo mandato, una più o una meno cosa vuoi che gliene freghi!

di Stefano Davidson

Nessun commento:

Posta un commento