Translate

sabato 30 marzo 2013

Napolitano: “Al mio posto fino alla fine. Intanto il governo Monti è «operativo» e «sta per adottare provvedimenti urgenti per l’economia», d’intesa con la Ue e con il contributo del nuovo Parlamento”.


Non solo Giorgio Napolitano non ha nessuna intenzione di dimettersi,ma vuole tenere anche il suo adorato Monti fino alla fine” «Il governo uscente è ancora in carica e non è sfiduciato». «Non può sfuggire agli italiani e alla opinione internazionale - ha detto il Presidente - che un elemento di concreta certezza della situazione del nostro Paese è rappresentato dalla operatività del nostro governo tuttora in carica e non sfiduciato dal Parlamento».

«Il governo sta per adottare provvedimenti urgenti per l'economia, d'intesa con la Ue e con l'essenziale contributo del nuovo Parlamento attraverso i lavori della commissione speciale presieduta dall'onorevole Giorgetti. E' essenziale il contributo del nuovo Parlamento con i lavori della commissione».
Il Presidente del Mes,del fiscal compact,del two pack,non po’ abdicare non può mandare a quel paese il suo alter ego Mario Monti,diciamolo con estrema franchezza sono una bella coppia,quando si trattava di agire non erano mai presenti,vedi caso marò, invece su tutte le questioni a loro care e care a quelli che stanno dietro di loro sono iperattivi,quale altra sorpresa ci regalerà il governo Monti che ha già concordato con l’Europa,e seguendo una prassi inusuale ,aveva contattato anche i maggiori partiti,prima di andare a Bruxelles?
Questa è la vera notizia di oggi,il duo delle meraviglie continuerà a combinare danni fino all’ultimo secondo,con la scusa dell’urgenza,della responsabilità nazionale,dei problemi economici,dopo che lo hanno distrutto.
Napolitano ha esordito così :”Nella prospettiva ormai ravvicinata dell’elezione del nuovo capo dello Stato - che mi auguro veda un’ampia intesa tra le forze politiche - sono giunto alla conclusione che, pur essendo ormai assai limitate le mie possibilità di ulteriore iniziativa sul tema della formazione del governo, posso fino all’ultimo giorno - chiarisce - concorrere almeno a creare condizioni più favorevoli allo scopo di sbloccare una situazione politica irrigidita tra posizioni inconciliabili.Il Capo dello Stato chiederà a «due gruppi ristretti di personalità», di formulare su temi istituzionali e economico-sociali, «precise proposte programmatiche oggetto di condivisione» da parte delle forze politiche, in vista di un possibile governo». L’obiettivo è formulare «precise proposte programmatiche che possano divenire in varie forme oggetto di condivisione da parte delle forze politiche», ha spiegato Napolitano epoi  ha precisato che i gruppi saranno costituiti da «personalità tra loro diverse per collocazione e per competenze». I due gruppi,  lavoreranno in modo autonomo”. I nomi dei gruppi verranno comunicati nel pomeriggio.
Napolitano poi continua parlando di quello che farà lui e del ruolo di Monti e assicura che continuerà”ad esercitare fino all’ultimo giorno il mio mandato, come il senso dell’interesse nazionale mi suggerisce, non nascondendo al Paese le difficoltà che sto ancora incontrando e ribadendo operosamente la mia fiducia nella possibilità di responsabile superamento del momento cruciale che l’Italia attraversa. Intanto il governo Monti è «operativo» e «sta per adottare provvedimenti urgenti per l’economia», d’intesa con la Ue e con «il contributo del nuovo Parlamento». Ritengo di dover ancora una volta sottolineare - ha detto Napolitano - le esigenze che da parte di tutti i soggetti politici si esprima piena consapevolezza della gravità e urgenza dei problemi del Paese e quindi un accentuato senso di responsabilità, al fine di rendere possibile la costituzione di un valido governo in tempi che non si prolunghino insostenibilmente, essendo ormai trascorso un mese dalle elezioni del nuovo Parlamento”.
Abbiamo scoperto un'altra novità,siamo diventati una Repubblica semipresidenziale alla francese,e anche in questo caso,come è accaduto per il Mes,fiscal compact e two pack,nessuno ha informato i cittadini italiani.

Alfredo d’Ecclesia 

Nessun commento:

Posta un commento