Translate

domenica 12 maggio 2013

Lettera aperta al Ministro della difesa Mario Mauro.

Egregio Signor Ministro leggo di una sua dichiarazione al raduno degli alpini che trovo sconcertante,a dir poco”"Mi sembra sia stata fatta la cosa migliore al debutto del governo. Nel programma illustrato da Letta c'è un riferimento chiaro al caso dei due fucilieri di Marina come a una priorità". "Un'altra cosa importante che abbiamo fatto è stata riconfermare Staffan de Mistura nel ruolo di inviato. Ciò vuol dire garantire la memoria storica del caso".
Ecco signor Ministro proprio questo è il punto,garantire la memoria storica del caso,forse lei non sa caro Ministro che i nostri marò sono tornati in India anche su pressioni di De Mistura che ha garantito di un impegno scritto da parte del governo indiano,dove sta questo impegno scritto Signor Ministro ?
Nessuno lo ha visto,nessuno lo ha pubblicato,e grazie a queste rassicurazioni,i nostri due fucilieri della marina sono stati rimandati in India come ostaggi e prigionieri.
Sollecitato dal generale Fernando Termentini ,il quale da buon italiano, che ci tiene al rispetto delle regole,e alla sorte dei suoi concittadini non è arrivata nessuna risposta Le allego la lettera Signor Ministro

Lettera a De Mistura di Fernando Termentini
di Fernando Termentini

“Buongiorno,
lo scrivente è costretto a reiterare la propria richiesta di cui alla precedente email del 23 aprile 2013 non avendo avuto al momento alcun riscontro pur appellandosi alla legge 241/90.

Una mancata comunicazione che si ritiene in contrasto con quanto stabilito dall’articolo 3 - 4 e 5 della stessa in quanto Il Vostro inoltro della mia richiesta precedente del 20 aprile all’ufficio stampa2@esteri.it è infatti “Assolutamente anonimo” per lo scrivente, possibilità non ammessa dalle legge in questione.

Peraltro si ritiene che le forme di comunicazione telematica applicate ad oggi dallo scrivente siano assolutamente coerenti con l’articolo 3-bis della 241/90 e quindi riferimenti di corrispondenza ufficiale.

Ciò premesso riferendosi anche all’articolo 10-bis si chiede che - se sussistano - siano formalizzati i motivi ostativi per cui Codesti Uffici non accolgono l’istanza dello scrivente di cui alla email in riferimento e precedenti.

Inoltre, lo scrivente richiama l’attenzione sui contenuti dell’articolo 22 e seguenti della 241/90 sul “diritto di accesso”. A tale riguardo, si chiede cortesemente la conferma o meno sulla decisione del Vice Ministro De Mistura di rendere noti solo su richiesta di organi di informazione i contenuti della missiva sottoscritta dall’Addetto di Affari presso l’Ambasciata indiana in Roma sulla “non applicabilità della pena di morte” ai due Fucilieri di Marina in ostaggio dell’India da 15 mesi. Determinazione riportata da vari organi di stampa e che se venisse confermata appare in contrasto con il suddetto articolo di Legge.

Peraltro notizie odierne dell’ANSA inducono preoccupazioni sulla valenza dell’assicurazione indiana di cui trattasi "http:www.ansa.itwebnotizierubrichetopnews20130426India-Corte-Suprema-lascia-caso-Nia_8614519.html”

Si rimane quindi in attesa di ogni circostanziato chiarimento ed in particolare di un cortese riscontro a quanto chiesto con la email del 23 aprile 2013 al fine di eliminare ogni anonimato nel giusto rispetto del diritto di trasparenza che non può essere negato a chicchessia.

Chiedendo scusa per il disturbo, si porgono cordiali saluti
gen Fernando Termentini”.


Sempre lei egregio Ministro :”Con il nuovo governo esiste una ''strategia unica'' per affrontare la spinosa questione dei maro' trattenuti in India ed ''evitare qualsiasi cacofonia.La cabina di regia  e' presso la presidenza del Consiglio, il negoziatore naturale con le autorita' indiane e' il ministero degli Esteri e l'operatore sul terreno e' l'inviato speciale, Staffan de Mistura''.
Ora non so se lei e gli altri componenti del governo avete seguito la vicenda in questo anno e mezzo,ma se non lo avete fatto vi invito a considerare i seguenti punti :1 diritto internazionale violato,2sovranità nazionale violata,anzi hanno mandato le truppe a catturare la nave in acque internazionali.3legislazione italiana stuprata e violentata.4 Nessun arbitrato internazionale richiesto.
E in tutto questo  quello che lei chiama la memoria storica del caso ,riveste un ruolo importante.
Ora caro Ministro vediamo di finirla di prendere in giro i cittadini italiani e soprattutto che venga fuori quel maledetto pezzo di carta evocato da De Mistura,grazie al quale,qualche cervellone li ha rimandati in India violando tutto il violabile.
La ringrazio per l’attenzione che darà a questa mia lettera.
Cordiali saluti
Alfredo d’Ecclesia.

Nessun commento:

Posta un commento