Translate

venerdì 21 giugno 2013

"Siamo tutti Marò": raccolta di firme per chiedere la liberazione dei due militari

"Siamo tutti Marò": raccolta di firme per chiedere la liberazione dei due militari

Il gruppo di facebook, apartitico e apolitico, si è mobilitato giovedì pomeriggio con un gazebo in piazza Castelnuovo per sensibilizzare i cittadini

Immagine articolo - Il sito d'Italia
(di massimo brizzi) "Siamo tutti Marò" questo il gruppo facebook che oggi pomeriggio, fino alle 21, a Palermo ha organizzato un gazebo per richiedere più attenzione alle istituzioni sulla vicenda dei marò detenuti in India. Il gruppo "apartitico ed apolitico", come sottolinea il responsabile Aldo Casamento, "si prefigge di dar visibilità mediatica ed istituzionale alla detenzione dei due militari ingiustamente detenuti in India".

Gli attivisti stanno raccogliendo le firme per sottoscrivere una petizione da inviare al Capo dello Stato per sollecitarne l'intervento politico, per dipanare questa intrigata matassa e per una immediata liberazione dei Marò, ed una lettera con le firme sarà anche inviata al segretario generale dell'Onu Ban Ki- Moon.

"Vogliamo manifestare la nostra solidarietà ai due Marò, in un momento in cui i mass media non danno più visibilità alla notizia. Questo è il fine per il quale è nato il gruppo facebook. Siamo più di 1800 iscritti di qualsiasi fascia ed estrazione sociale, tutto al di là della politica. Ci muove il patriottismo ed il senso di giustizia", continua Aldo Casamento, preside palermitano in pensione. "Ho aderito sin da subito al gruppo con propositiva partecipazione ed oggi sono qua a manifestare la mia solidarietà", afferma Rita La Marca, studentessa di Economia.

"Il patriottismo, il senso di giustizia, il sentire propria una vicenda che riguarda i nostri militari, va al di là della professione svolta", è il pensiero di Boris La Corte, assicuratore, presente al gazebo ed anche lui attivo sostenitore del gruppo facebook. Un gruppo che cresce in maniera esponenziale e stretto attorno ai Marò detenuti in India ormai da diversi e lunghi mesi.  

Nessun commento:

Posta un commento