Translate

martedì 9 luglio 2013

Marò in India, Matteo Miavaldi,custode del governo Letta.


A quanto pare il lavoro di Toni Capuozzo è andato a turbare la quiete di chi aveva già deciso ,la quiete e l’alta professionalità di questi grandi coordinatori non cacofonici che hanno già deciso come risolvere la vicenda,e non vogliono essere turbati da elementi che potrebbero rimescolare le carte,o addirittura seminare il dubbio che oltre a essere incompetenti,hanno pure giurato il falso sulla Costituzione,ormai giurare il falso è una moda. Ed ecco subito i nemici,le balle di canale 5 ,Il giornale e libero,Toni Capuozzo e la destra fascista,Maga magò e mago Zurli.
Sorprende Che Matteo Miavaldi  non sappia che nessun esponente del parlamento italiano abbia fatto un interrogazione parlamentare,e quei fasci stoni di fratelli d’Italia anche loro non hanno fatto un ‘interrogazione.Come si permette Toni Capuozzo di turbare le ragioni dell’India e dell’Italia,visto che un accordo lo hanno fatto,ma le inchieste di Miavaldi non devono cercare la verità,devono proporre le ragioni dell’India,chissà perchè ,a Miavaldi non interessa come mai il nuovo governo ha chiamato De Mistura?Chi ha dato gli ordini? Perché non si parla più di Diritto internazionale? Di sovranità violata?Perchè la stampa è la stampella di questo governo?
Il lavoro di Toni Capuozzo è stato ripreso fino a un certo punto da canale 5 e libero e giornale,ma non poteva dirlo ,altrimenti che inchiesta faceva.Come mai i poteri forti e i blocchi sostengono tutti la stessa menzogna? Espresso Repubblica,Sole 24 ore,altro che ricerca della verità,costruzione della menzogna,e anche stile mafioso. Le poche e microscopiche voci,procurano rabbia e irretiscono l’amico e alleato indiano. Miavaldi poi è rimasto ancora all’indagine del Kerala,come il sole 24 ore,che in un suo articolo misteri e carte segrete,riprende le indagini strane della polizia del Kerala.
E alla fine del suo articolo il Miavaldi ci fa sapere: “Insomma, siamo tornati alla "narrazione tossica", la manipolazione di prove parziali per far tornare i conti di tesi precostituite, di teoremi di innocenza a priori sbandierati senza il minimo fact-checking.

E' un giochino pericoloso che fomenta critiche gratuite alle autorità indiane "che si accaniscono" e a quelle italiane, vigliacche nell'essersi vendute l'onore e l'innocenza dei marò per non infastidire il gigante indiano. Dare adito a tesi inconsistenti ?€“ provenienti da ambienti già provati inaffidabili ?€“ non aiuta i marò e non aiuta chi segue la vicenda; aiuta solo chi vuole nascondere la verità”.
Quell’euro che si vede deve essere un refuso venuto fuori nel link dell’espresso,ma forse quel simboletto rappresenta la vera motivazione di questa storia.
Alfredo d’Ecclesia.

3 commenti:

  1. A me pare, piuttosto, che Matteo abbia toccato parecchi nervi scoperti. Curioso che non ci sia un elemento che sia uno di critica alle tesi di Miavaldi, solo illazioni generiche e tentativi patetici di farne un "embedded" del governo Letta (e un lollone ci sta tutto...). Sarà perché nel merito delle sue inchieste è veramente difficile trovare una singola virgola fuori posto? Ossequi, e si tuteli il fegato, mi raccomando, il travaso di bile pare avere avuto un discreto impatto anchesulla sua prosa...

    RispondiElimina
  2. Ho chiesto a Matteo in una pagina di colloquiare ma lui si muove a senso unico ha preferito inserire il link nel suo profilo e non rispondere .

    RispondiElimina