Translate

lunedì 29 luglio 2013

Spagna in rivolta: anche i militari si uniscono alla protesta popolare

Monta la protesta in Spagna: dopo i minatori, anche i poliziotti, i vigili del fuoco e persino un comunicato delle forze armate. Che contiene certe velate minacce...
marchaminera8.jpg
Passa doverosamente sotto silenzio, qui da noi, quel che sta succedendo in Spagna. Dopo larivolta dei minatori delle Asturie, repressa pesantemente, la protesta degli spagnoli contro le misure di austerity non si ferma e anzi, pian piano, sembra dilagare.  (foto:Flickr)
Come accadde in Grecia, anche tra la Polizia inizia a serpeggiare il malcontento: ma a differenza dei colleghi greci i poliziotti spagnoli sono direttamente scesi in piazza insieme ai Vigili del Fuoco, dando via ad una rumorosa ed affollata manifestazione (foto qui).
L'ultima notizia, più clamorosa, è delle ultime ore: un comunicato delle Forze Armate spagnole, che recita:
Le Forze armate spagnole si associano alla protesta contro "lo smantellamento dei diritti che non avremmo mai dovuto perdere". E' quanto si legge in una nota dell'Associazione di categoria I militari, in quanto statali, sono colpiti dalla manovra del governo Rajoy che prevede l'eliminazione della tredicesima e la riduzione delle ferie. Il comunicato critica il governo, "a corto di idee" e sottolinea: "la nostra capacità di sopportazione ha un limite".
L'ultima frase suona come velata minaccia. Non contate troppo sui militari per mantenere l'ordine, se i militari sono tra i colpiti dalle vostre manovre e dai vostri tagli.
La rivolta spagnola sembra montare lentamente ma inesorabilmente: è probabile che vedremo sempre più scontri nelle prossime settimane. Tutto ciò ricorda molto la vicenda argentina, e c'è da sperare che gli spagnoli, a differenza dei greci, riescano a prendere in mano la situazione anziché subirla.
L'Italia, come sempre, è non pervenuta.

Nessun commento:

Posta un commento