Translate

giovedì 22 agosto 2013

LA CIA e Fratelli Musulmani: come la CIA ha preparato il terreno per 9-11

THE CIA & THE MUSLIM BROTHERHOOD:  How the CIA Set the Stage for 9-11

Razor magazine, September, 2004
By Martin A. Lee

Reverend Franklin Graham, the pugnacious preacher who delivered the prayer at President George W. Bush’s inauguration, might have a bone to pick with the Central Intelligence Agency (CIA). When Franklin branded Islam “a very evil and wicked religion” after the 9-11 terrorist attacks, he had no idea that American spies were once eager to promote a Muslim leader in the Middle East modeled after his own father, the famous evangelist Billy Graham.
The CIA often works in mysterious ways – and so it was with this little-known cloak-and-dagger caper, which set the stage for extensive collaboration between U.S. intelligence and Islamic extremists. The genesis of this ill-starred alliance dates back to Egypt in the mid-1950s, when the CIA made discrete overtures to the Muslim Brotherhood, the influential Sunni fundamentalist movement that fostered Islamic militancy throughout the Middle East. What started as a quiet American flirtation with political Islam became a cold war love affair on the sly – an affair that would turn out disastrously for the United States. Nearly all of today’s radical Islamic groups, including al-Qaeda, trace their lineage to the Brotherhood.
“The Muslim Brothers are at the root of a lot of our troubles,” says Colonel W. Patrick Lang, one of several U.S. intelligence veterans who were interviewed for this article. Formerly a high ranking Middle East expert at the Defense Intelligence Agency, Lang considers al-Qaeda to be “a descendent of the Brotherhood.”
For many years, the American espionage establishment had operated on the assumption that Islam was inherently anticommunist and therefore could be harnessed to facilitate U.S. objectives. American officials viewed the Muslim Brotherhood as “a secret weapon” in the shadow war against the Soviet Union and its Arab allies, according to Robert Baer, a retired CIA case officer who was right in the thick of things in the MiddleEast and Central Asia during his 21-year career as a spy. In Sleeping with the Devil, a book he wrote after quitting the CIA, Baer explains how the United States “made common cause with the Brothers” and used them “to do our dirty work in Yemen, Afghanistan, and plenty of other places.” This dicey covert relationship unraveledwhen the cold war ended, whereupon an Islamic Frankenstein named Osama bin Laden lurched into existence.
Described by ex-CIA analyst Graham Fuller as “the preeminent international Islamist organization,” the Muslim Brotherhood currently has a huge following, with autonomous branches, all in close contact, spread across the Arab world. But it is banned in several countries, including Egypt, its birthplace, for being an alleged front for terrorists – a claim its supporters adamantly deny even though bin Laden and other al-Qaeda leaders had close personal ties to the Brotherhood prior to September 11, 2001.
To understand what happened on that fateful day when terrorist strikes leveled the World Trade Center and damaged the Pentagon, one must revisit the turbulent changes that took place a half century earlier in the land of the sphinx. After seizing power in a 1952 military coup, Egyptian Colonel Gamal Abdul Nasser quickly threw prominent Communists in jail, and several trade union activists were hung after a sham trial. This raised eyebrows among U.S. cloak-and-dagger operatives, who were eager to oblige when Nasser requested help in upgrading Egypt’s ineffectual secret service. But the U.S. government “found it highly impolitic to help him directly,” the late CIA agent Miles Copeland acknowledged in his memoirs, so the CIA subcontracted more than a hundred German Third Reich vets, who specialized in Nazi security and interrogation techniques, to do the job.
Before long, however, U.S. officials grew wary of Nasser, who seemed like a loose cannon on the deck of Middle Eastern politics. A fervent pan-Arab nationalist, he rebuffed American appeals to join an anti-Soviet military pact and instead championed a neutralist coalition of Third World nations that favored an independent stance during the cold war. Non-alignment in the East-West conflict was an abomination to CIA director Allen Dulles and he bristled at Nasser’s growing stature as a charismatic leader who could galvanize Arabs and Muslims far beyond Egypt. “If that colonel of yours pushes us too far, we will break him in half,” Dulles admonished Copeland, the CIA’s man-on-the-spot in Cairo.
Copeland pondered ways to knock the pesky Nasser off his pedestal. One scheme called for slipping the Egyptian president a surreptitious dose of LSD to induce bizarre public behavior that would discredit him and tarnish his heroic image. But this wasn’t feasible. Instead of an acid hit, American spies opted for pushing “the opiate of the people,” as Karl Marx so famously described religion.
There were notable precedents for marshaling religious sentiment to advance America’s cold war agenda. In 1948, the fledgling CIA enlisted the cooperation of the Vatican and Catholic Action, the largest Catholic lay organization in Italy, in a successful campaign to deliver thevote and vanquish left-wing parties in a hotly contested Italian election. Although Muslims have no pope or authoritative religious hierarchy, CIA strategists figured they could win over Arab hearts and minds by manipulating Islamic piety. Copeland recounts in The Game of Nations how the CIA engaged in black propaganda operations that sought to demonstrate “Soviet ungodliness” by circulating anti-Islamic literature – including books with titles like Against the Veil and Mohammed Never Existed – while attributing its distribution to the Soviet embassy.
But cutting Nasser down to size was a much taller order than making the Soviets look like atheists. What the CIA really needed, according to Copeland, was a “religious spellbinder” to alter Arab opinion and “divert the growing stream of anti-American hostility.” As Copeland recalled, “I wanted to find and groom a messiah who would start out in Egypt, and then spread his word to Africans and perhaps other Third World peoples. Our Chosen One [would] immunize them against false prophets,” i.e., Nasser and other non-aligned nationalist leaders.
Miles Copeland knew “from what was happening in America that a religious movement didn’t have to make sense in order to attract adherents,” as he put it. He was referring to Billy Graham’s slick gospel-and-salvation road show, which drew huge crowds across the USA in the early 1950s. The meteoric transformation of this dime-a-dozen, Protestant Bible-thumper into a big-time celebrity evangelist evidently made quite an impression on Copeland, who came up with the bright idea to sponsor “a Moslem Billy Graham.”
Copeland was off and running. He visited several Egyptian mosques in search of an Islamic preacher who could sway the Arab masses in a manner most congenial to U.S. interests. Although Copeland never found the CIA’s messiah, his furtive machinations were not without impact. While on the prowl for “a Moslem Billy Graham,” Copeland reached out to leaders of the religious revival movement known as the Ikhwan, or Muslim Brotherhood, which sought to build an Islamic society from the bottom up. The seeds of a clandestine relationship between the CIA and the Ikhwan were planted by Copeland, who surmised that the Muslim Brothers, by virtue of their strong antipathy to Arab nationalism as well as Communism, might be a viable counterweight to Nasser. In the years ahead, U.S. intelligence would become a de facto partner of the Brotherhood as it evolved from a mass-based, social reform organization into the wellspring of Islamic terrorism.
“Any contact Miles had with the Muslim Brotherhood was not official policy,” insists retired CIA officer Raymond Close, Copeland’s colleague in the Middle East. “It was strictly solo work on his part. There were an awful lot of things that Miles did that were totally off the board.”
Whether Copeland’s efforts were “off the board” or otherwise, the Muslim Brotherhood was certainly a force to be reckoned with. Since its inception in 1928, the Society of the Muslim Brothers sought to restore Islamic law and values in the face of growing Western influence. Launched as a social welfare association, it became a focal point of resistance to British colonial rule. The Special Order Group, a secret paramilitary wing set up by the Brotherhood, carried out guerrilla raids in Egypt during the 1940’s, bombing British installations and killing British soldiers and civilians. By the time Brotherhood founder Hassan al-Banna was assassinated in 1949, the fast-growing Ikhwan, with its distinctive green flag crossed with white swords and a red Koran, had a half million Egyptian members and affiliates in several other countries.
When a group of young Egyptian army officers led by Colonel Nasser toppled the pro-British monarchy, the Muslim Brotherhood gave them full support. But the Brothers soon had a falling out with Nasser when it became apparent that he did not intend to establish an Islamic state. Egypt’s secular strongman cracked down hard on the Muslim Brethren, which comprised the largest organized popular force in the country and the last obstacle to his autocratic leadership. Nasser’s aim was not to banish religious expression from the political domain, but to prohibit any religious expression that was not government controlled.
In the wake of a failed assassination attempt against Nasser in October 1954, Egyptian authorities outlawed the Muslim Brotherhood, jailed and tortured thousands of its members, and killed several of its leaders. Some went underground or fled the country to escape successive waves of brutal repression aimed at smashing the Brethren.
Saudi Arabia became a magnet for many persecuted Islamist refugees not only from Egypt but also from Syria, Iraq, Libya, and other Arab states where the Muslim Brothers were perceived as a threat to the secular, nationalist order. Ikhwani expatriates were welcomed by the oil-rich Saudi monarchy, which became the principal patron of the Brotherhood on the Arabian Peninsula and elsewhere. A strategic U.S. ally, the Saudi royal family was so hostile to godless Communism that it did not even maintain diplomatic relations with Moscow.
American intelligence formed a three-way tryst with the Saudis and the Muslim Brothers, according to Robert Baer, the former case officer in the CIA’s Directorate of Operations. With the CIA’s implicit approval, the Saudi royals channeled funds to the Brothers who joined a U.S.-backed, anti-Nasser insurgency in Yemen in 1962. “Like any other truly effective covert action, this one was strictly off the books,” explains Baer. “There was no CIA finding, no memorandum of notification to Congress. Not a penny came out of the Treasury to fund it. . . All the White House had to do was give a wink and a nod to countries harboring the Muslim Brothers.”
Yemen was just a warm-up. To give a boost to Islamic proselytizing, the Saudis, with CIA encouragement, founded the World Muslim League in 1962. Underwritten initially by several donors including the Saudi-based Aramco oil consortium (then a CIA collaborator), the League established a formidable international presence with representatives in 120countries. Members of the Muslim Brotherhood occupied key staff positions at the League while it disseminated anti-Communist religious propaganda and sponsored the construction of mosques and Islamic centers around the world.
Exiled Ikhwani were also employed as teachers and imams in Saudi mosques, schools, and government agencies, where they promoted the extremist doctrine of Sayyid Qutb, the Brotherhood’s leading scribe and theorist. Executed in 1966 after tenyears of confinement in Egyptian torture chambers, Qutb is arguably the most influential religious scholar in modern Islam. He fashioned a lethal variant of political Islam that provided a Koranic justification for violence as the only way to rid the Muslim world of corrupting Western influences. Qutb’s hostility toward the West, in general, and the United States, in particular, was born during two years of study at the University of Northern Colorado in Greeley in the late 1940s. He returned to Egypt mortified by decadent, sex-crazed America, which he likened to a “brothel.”
The Muslim Brotherhood underwent a significant shift with the radicalization of Qutb in prison. What had been essentially a reformist organization in its formative phase veered off in a dangerous, new direction. In addition to introducing a harsh anti-American perspective to the Brethren, Qutb called for the formation of a revolutionary Islamic vanguard to spearhead the violent overthrow of secular Arab regimes. Qutb’s martyrdom bestowed instant credibility upon his message, which posthumously filled the ideological void left by the huge Arab defeat in the 1967 Six Day War with Israel, a defeat that shamed Nasser and discredited the Arab nationalist cause.
Qutb’s inflammatory writings would decisively influence a generation of young Islamic militants, including the future spear-carriers of al-Qaeda. Osama bin Laden, the tall, handsome scion of a wealthy Persian Gulf family, was first exposed to Qutb’s nostrums while attending King Abdul Aziz University in Jeddah. One of bin Laden’s instructors in religious studies was Egyptian Professor Muhammed Qutb, the exiled brother of Sayyid Qutb, who taught classes on the imperatives and nuances of Islamic jihad.
After Nasser died in 1970, the Muslim Brethren, buoyed by Saudi petrodollars, resurfaced in Egypt. the newly emboldened Ikwhani were wooed by President Anwar Sadat, Nasser’s successor, who freed Islamic activists from jail, lifted some restrictions on the Brothers, and turned them loose against the Nasserite die-hards and leftist student groups that disapproved of Sadat’s decision to make amends with the United States. Sadat’s courtship of the Brotherhood elicited more winks and nods from U.S. intelligence. Right under the CIA’s nose, the officially-banned but semi-tolerated Muslim Brotherhood was going through a momentous transformation in its country of origin.
French scholar Gilles Kepel, the author of Jihad: The Trail of Political Islam, describes how Qutb’s theories found a receptive audience at Egyptian university campuses, giving rise to a potent radical wing within the Islamist movement. When the older leaders of the Ikhwan, chastened by years of repression, repudiated armed confrontation in favor of gradual efforts to reform the system, renegade Brothers created several violent splinter groups and vowed to wage holy war against an authoritarian Egyptian regime, which they saw as corrupt, anti-Islamic, and a U.S. puppet. The heads of two Brotherhood breakaway factions— the Egyptian Islamic Jihad of Dr. Ayman al-Zawahiri and the Islamic Group of Sheik Omar Abdel Rahman—were among those implicated in the 1981 assassination of President Sadat.
Today Rahman, a blind Egyptian cleric, is serving a life sentence in the United States for plotting to blow up the United Nations, Manhattan’s FBI building, the George Washington Bridge, and other New York City landmarks, while Dr. Al-Zawahiri, a squat, bespectacled zealot with a round head and owlish face, appears in post-9-11 video footage sitting on the right-hand side of Osama bin Laden. Dubbed “the brains behind al-Qaeda,” al-Zawahiri became bin Laden’s top deputy after the Egyptian physician had matriculated through the ranks of the Muslim Brothers.
Muslim Brotherhood veterans have played a prominent role during every phase of bin Laden’s terrorist odyssey. As a college student he was mentored by Abdullah Azzam, a Palestinian Brother, who convinced the young Saudi to join the anti-Soviet jihad in Afghanistan, a cause embraced by Islamists worldwide, moderates and radicals alike, after the Red Army invaded in 1979. That same year, Islamic Shiite revolutionaries led by the Ayatollah Khomeini overthrew America’s longtime partner, the Shah of Iran. These tumultuous events underscored the geopolitical importance of the Saudi connection to unnerved U.S. officials. Henceforth, Saudi Arabia would serve as a Sunni Muslim bulwark against Shiite extremism, while also matching the United States dollar for dollar in support of the Afghan mujahedin guerrillas who were fighting against the Soviets.
In 1984, Azzam and bin Laden jointly set up the Service Bureau, based in Peshawar, which played a pivotal role in organizing Islamic militants from 43 countries, including the United States, who flocked to Pakistan’s Northwest Frontier territory to join the anticommunist jihad. With contacts spread across North Africa and the Middle East, the Muslim Brotherhood was instrumental in recruiting many of these foreign Islamic volunteers. Jane’s Defense Weekly estimates that 14,000 of theso-called “Afghan Arabs” (though none were Afghans and many were not Arabs) trained in guerrilla camps, where paramilitary drills were infused with radical Islamic teachings. Some of these outside agitators fought alongside CIA-backed mujahedin units during clashes with the Red Army.
Once again, an off-the-shelf approach to nation-tampering was deemed preferable by U.S. intelligence as the Afghanistan operation grew by leaps and bounds during the 1980s. It became the largest covert intervention in the CIA’s history, with Washington funneling more than three billion dollars worth of aid and military equipment to the mujahedin through Pakistani military intelligence, which served as a conduit for American and Saudi largesse. In Ghost Wars, a compelling narrative history of the CIA’s Afghan imbroglio, Steve Coll discusses how this cut-out arrangement provided U.S. intelligence with a layer of deniability while its Pakistani proxy pushed aside traditional Afghan mujahedin organizations lacking the requisite fundamentalist ardor and boosted the four mujahedin groups led by militants aligned with the Muslim Brotherhood. The CIA, according to Cole, never pressed Pakistan to back the more moderate, nationalist-oriented mujahedin rebels instead of the radical Islamic Afghan leaders who touted the writings of Sayyid Qutb, the Brotherhood’s intellectual godfather, which were translated into local Afghan dialects.
A well-known figure among the Muslim Brotherhood-linked Afghan factions, bin Laden also collaborated with top Saudi and Pakistani espionage officers. Although bin Laden had no official contact with the CIA, his efforts to create an Islamic foreign legion were generally looked upon with favor by U.S. intelligence. The more anticommunist forces in the fray the better, they figured. The going assumption was that these bearded extremists could be revved up and covertly deployed when Washington needed “a cheap no-American-casualties way to fight the Soviet Union,” as Baer put it.
Some of Baer’s colleagues at the CIA thought the foreign legion contingent should be formally endorsed and expanded. “The CIA examined ways to increase their participation . . . but nothing came of it,” then CIA deputy director Robert Gates said of the Islamic volunteers, who, if nothing else, were useful from a public relations perspective. The burgeoning international brigade was touted as proof that the entire Muslim world stood shoulder-to-shoulder with the Afghan mujahedin against the Evil Empire. No one at the CIA reckoned that the foreign legionnaires had their own agenda.
Even before the Red Army withdrew the last of its regiments from Afghanistan in 1989, bin Laden was already hatching ambitious plans towage a worldwide jihad. The Soviet pull-out prompted a wholesale scattering of foreign volunteers, who returned to their respective countries imbued with the spirit of Islamic revolution and ready to carry on the struggle. About 1000militants remained in Afghanistan; many of these men could not go home because they were wanted for crimes against the state. This self-selecting stay-behind network formed the core of al-Qaeda, which became even leaner and meaner when bin Laden transferred his base of operations to the Sudan in 1991.
For the next five years, bin Laden and his inner circle were holed up in Khartoum courtesy of Sheikh Hassan al-Turabi, the Sorbonne-educated head of the Muslim Brotherhood’s Sudanese branch. Dubbed the “black pope,” Turabi came to power on the heels of a military coup and immediately announced that Islamic law would be strictly enforced in his country. He was bin Laden’s protector during this crucial period of exile; together they hosted strategic powwows with representatives from several Islamic terrorist organizations, including Hamas, a Palestinian offshoot of the Brotherhood. There was considerable debate among jihadists over whether to target the “near enemy” (apostate regimes in the Muslim world) or the “far enemy” (the Western powers thwarting the implementation of Islamic rule). More militants parted ways with al-Qaeda when its leadership, dominated by Egyptian veterans of the Muslim Brotherhood, decided to go after “the head of the snake,” which is how they described the United States.
By a process of elimination, only the hardest of the hard-core stayed with bin Laden when he and 150 border-hopping Islamic radicals and their families moved back to Afghanistan in 1996. Shortly thereafter, according to the official September 11th commission, Khalid Sheikh Mohammed, a tubby young engineer, approached bin Laden and pitched an outlandish idea to hijack several commercial jets and fly them into buildings in the New York and Washington. This was the origin of the collective murder-suicide assaults that killed nearly 3000 people on September 11, 2001. Mohammed, the self-described mastermind of the 9-11 operation who had cut his teeth with the Kuwaiti chapter of the Muslim Brotherhood, is now in U.S. custody.
The emergence of anti-American terrorist cadres from the bowels of the CIA’s proxy war in Afghanistan took U.S. spymasters by surprise. It was a blunder as colossal as the CIA’s inability to predict the collapse of Soviet Bloc Communism. “Conceptually we failed,” admits Baer. “We didn’t consider Sunni Islam to be a threat to the West. . . We didn’t want to see it.” While CIA operatives fixated on Shiite Iran as the fount of religiously motivated terrorism, a stateless network of Muslim Brotherhood-inspired zealots morphed into a worldwide insurgency. “The militant wing of the Muslim Brotherhood is essentially what we’re facing today,” asserts Baer.
Perhaps Col. W. Patrick Lang, formerly with the Defense Intelligence Agency, summed it up best by noting the similarities between the Brotherhood and the Irish Republican Army (IRA): “There is the main IRA, which eschews violence, and the ‘Provisional IRA,’ the armed wing. And there’s also the ‘Real IRA,’ a more extreme spin-off from the Provisionals. . . These groups tend to fracture as they develop almost theological – and in the case of the Muslim Brothers actual theological – differences. They find each others’ projected courses of action to be insufficiently zealous or earnest or pure enough. And in Islam, of course, there’s no hierarchy to settle ideological disputes.”
And so it continues, as al-Qaeda chieftans criticize the Muslim Brotherhood for its accommodating stance toward secular rulers in Egypt and Jordan, where several Ikhwani sit in parliament. At the same time, moderate Brotherhood leaders – the Islamist movement’s elder establishment – have condemned terrorist attacks by bin Laden as “a grave sin.” Pursuant to their long-term strategy of using peaceful means to turn Egypt into an Islamic republic, the Muslim Brothers have taken over numerous trade unions and professional associations, while operating banks, businesses, health clinics, schools, and legal services that often outperformed shabby government institutions. With more than two million members divided into several thousand semi-clandestine cells throughout the country, the Brothers are still subjected to episodic police raids, incarceration, and torture. But these measures have failed to stifle popular support for a mainstream movement that, for better or worse, expresses the concerns, aspirations, and legitimate grievances of Muslims from all social strata.
America’s invasion of Iraq – “an avaricious, premeditated, unprovoked war against a foe who posed no immediate threat,” as one CIA agent scathingly put it – has energized the entire spectrum of Islamist groups. While they give voice to anti-U.S. passions and pervasive feelings of injustice in Muslim communities, moderate Islamists also risk losing followers to fanatical jihad cults spawned by the Brotherhood. (The opiate of the people turns out to be a gateway drug, as well.) According to a recent report by the London-based International Institute of Strategic Studies, Iraq is now a fertile breeding ground for new recruits that have swelled al-Qaeda’s ranks to more than 18,000 potential terrorists.
In response to a plethora of social and economic ills that bedevil the Muslim world, the answer from every Brotherhood chapter and affiliate has always been the same: “Islam is the solution.” Ironically, U.S .spymasters also once saw Islam as the solution to America’s problems in the Middle East. Fifty years ago, a CIA cad dreamed of an Arab messiah, “a Moslem Billy Graham,” who would plunk for U.S. priorities in Egypt and beyond. That’s how it all began. And now, ironically, its onward Christian soldiers with Rev. Franklin Graham, Billy’s prodigal son, denigrating Islam and trumpeting the clash of civilizations as he dispatches American missionaries to save souls in U.S.-occupied Iraq. A self-fulfilling prophet, Franklin carries on like God’s gift to bin Laden, who must be laughing somewhere in his cave or his grave.
Martin A. Lee is the author of Smoke Signals: A Social History of Marijuana — Medical Recreational and Scientific. He is the cofounder of the media watch group FAIR, director of Project CBD and a contributor to BeyondTHC.com. He is also the author of Acid Dreams and The Beast Reawakens.

LA CIA e Fratelli Musulmani: come la CIA ha preparato il terreno per 9-11

Razor Magazine, settembre 2004
Con Martin A. Lee

Reverendo Franklin Graham, il predicatore pugnace che ha consegnato la preghiera alla inaugurazione del presidente George W. Bush, potrebbe avere un conto in sospeso con la Central Intelligence Agency (CIA). Quando Franklin marca islam "una religione molto male e il malvagio", dopo gli attacchi terroristici 9-11, non aveva idea di che spie americane volta erano desiderosi di promuovere un leader musulmano in Medio Oriente modellato il proprio padre, il famoso evangelista Billy Graham .
La CIA spesso opera in modi misteriosi - e così è stato con questo poco conosciuto cappero di cappa e spada, che pose le basi per un'ampia collaborazione tra i servizi segreti americani e gli estremisti islamici.La genesi di questa alleanza sfortunato risale Egitto a metà degli anni 1950, quando la CIA ha fatto discrete aperture ai Fratelli Musulmani, l'influente movimento fondamentalista sunnita, che ha favorito la militanza islamica in tutto il Medio Oriente. Quello che era iniziato come un tranquillo flirt americano con l'Islam politico è diventato una storia d'amore guerra fredda in sordina - un affare che si sarebbe rivelato disastroso per gli Stati Uniti. Quasi tutti i gruppi islamici radicali di oggi, tra cui al-Qaeda, tracciare il loro lignaggio di Fratellanza.
"I Fratelli musulmani sono alla radice di molti dei nostri problemi", dice il colonnello W. Patrick Lang, uno dei tanti veterani dell'intelligence USA che sono stati intervistati per questo articolo. Un tempo era un alto posizionamento esperto di Medio Oriente presso la Defense Intelligence Agency, Lang ritiene che al-Qaeda di essere "un discendente della Fratellanza".
Per molti anni, la creazione di spionaggio americano aveva operato sul presupposto che l'Islam è intrinsecamente anticomunista e quindi poteva essere sfruttata per facilitare gli obiettivi degli Stati Uniti. I funzionari americani hanno visto i Fratelli Musulmani come "arma segreta" nella guerra ombra contro l'Unione Sovietica ei suoi alleati arabi, secondo Robert Baer, ​​un ex agente della CIA caso che era proprio nel bel mezzo delle cose nel MiddleEast e in Asia centrale durante la sua carriera di 21 anni come spia. A letto con il diavolo, un libro che ha scritto dopo aver smesso la CIA, Baer spiega come gli Stati Uniti ", ha fatto causa comune con i fratelli" e li ha usati "per fare il nostro lavoro sporco in Yemen, Afghanistan, e un sacco di altri posti." Questa rischiosa segreta relazione unraveledwhen fine della guerra fredda, dopo di che un islamico Frankenstein di nome Osama bin Laden barcollò in esistenza.
Descritto da analista ex-CIA Graham Fuller come "il preminente organizzazione islamista internazionale," la Fratellanza Musulmana ha attualmente un enorme seguito, con filiali autonome, tutti a stretto contatto, sparsi in tutto il mondo arabo. Ma è vietato in molti paesi, tra cui l'Egitto, la sua città natale, per essere un presunto fronte ai terroristi - una rivendicazione suoi sostenitori categoricamente negare anche se bin leader di al-Qaeda Laden e altri hanno avuto stretti legami personali con la Fratellanza prima dell'11 settembre, 2001.
Per capire cosa è successo in quel fatidico giorno in cui attacchi terroristici livellate il World Trade Center e danneggiato il Pentagono, bisogna rivisitare i turbolenti cambiamenti che hanno avuto luogo un mezzo secolo prima nella terra della sfinge. Dopo la presa del potere in un colpo di stato militare 1952, il colonnello egiziano Gamal Abdul Nasser lanciò rapidamente comunisti di primo piano in carcere, e diversi attivisti sindacali sono stati appesi dopo un processo farsa. Questo ha sollevato le sopracciglia tra USA operatori cappa e spada, che erano desiderosi di obbligare quando Nasser ha chiesto aiuto nel miglioramento dei servizi segreti inefficace dell'Egitto. Ma il governo degli Stati Uniti "ha trovato altamente impolitico di aiutarlo direttamente," alla fine degli anni agente della CIA Miles Copeland ha ammesso nelle sue memorie, per cui la CIA subappaltato più di un centinaio di tedeschi del Terzo Reich, i veterinari specializzati in sicurezza nazista e tecniche di interrogatorio, di fare il lavoro.
In poco tempo, però, i funzionari degli Stati Uniti è cresciuto diffidare di Nasser, che sembrava come una mina vagante sul ponte di politica mediorientale. Un fervente nazionalista pan-arabo, ha respinto appelli americani di aderire a un patto militare anti-sovietica e invece sostenuto una coalizione neutralista di nazioni del Terzo Mondo che hanno favorito una posizione indipendente durante la guerra fredda. Non allineamento nel conflitto Est-Ovest era un abominio a direttore della CIA Allen Dulles e lui setole alla crescente statura di Nasser come leader carismatico che potrebbe galvanizzare gli arabi ei musulmani ben oltre l'Egitto. "Se quel colonnello dei vostri ci spinge troppo lontano, noi lo spezzare a metà," Dulles ammonì Copeland, della CIA uomo-on-the-spot al Cairo.
Copeland riflettuto modi per battere il fastidioso Nasser dal suo piedistallo. Uno schema chiamato per scivolare il presidente egiziano una dose di LSD surrettizio per indurre comportamenti pubblici bizzarro che lo screditare e infangare la sua immagine eroica. Ma questo non era fattibile. Invece di un colpo acido, spie americane hanno optato per spingere "l'oppio dei popoli", come Karl Marx così notoriamente descritto religione.
Ci sono stati notevoli precedenti per il marshalling sentimento religioso per avanzare agenda di guerra fredda dell'America. Nel 1948, la neonata CIA arruolato la collaborazione del Vaticano e l'Azione Cattolica, la più grande organizzazione di laici cattolici in Italia, in una campagna di successo per fornire thevote e sconfiggere i partiti di sinistra in un'elezione italiana conteso. Anche se i musulmani hanno nessun papa o gerarchia religiosa autorevole, CIA strateghi capito che potevano conquistare i cuori e le menti arabe, manipolando la pietà islamica. Copeland racconta Nel gioco delle nazioni come la CIA impegnato in operazioni di propaganda nera che hanno cercato di dimostrare "empietà sovietico" facendo circolare la letteratura anti-islamico - compresi libri con titoli come contro il velo e Mohammed mai esistito - pur attribuendo la sua distribuzione al Soviet ambasciata.
Ma il taglio Nasser fino a dimensioni era un ordine molto più alto di rendere i sovietici sembrano atei. Che la CIA realmente necessario, secondo Copeland, è stato un "spellbinder religiosa" per alterare opinione araba e "dirottare il crescente flusso di ostilità anti-americana". Come Copeland ha ricordato, "ho voluto trovare e lo sposo un messia che avrebbe iniziare in Egitto, e poi diffondere la sua parola per gli africani e forse altri popoli del Terzo Mondo. Il nostro Prescelto [sarebbe] immunizzarle contro i falsi profeti ", cioè, Nasser e altri leader nazionalisti non allineati.
Miles Copeland sapeva "da quello che stava accadendo in America che un movimento religioso non aveva bisogno di dare un senso al fine di attirare seguaci", come diceva lui. Si riferiva alla chiazza di petrolio vangelo-e-salvezza road show di Billy Graham, che ha attirato grandi folle attraverso gli Stati Uniti nei primi anni 1950. La trasformazione fulminea di questa monetina una dozzina, protestante Bibbia thumper in una celebrità evangelista big-time evidentemente fatto una buona impressione su di Copeland, che si avvicinò con la brillante idea di sponsorizzare "un musulmano Billy Graham."
Copeland era fuori e in esecuzione. Ha visitato diverse moschee egiziane alla ricerca di un predicatore islamico che potrebbe influenzare le masse arabe in un modo più congeniale per gli interessi statunitensi.Sebbene Copeland non ha mai trovato il Messia della CIA, il suo furtivo macchinazioni non erano senza impatto. Mentre a caccia di "un musulmano Billy Graham," Copeland allungò la mano per i leader del movimento di risveglio religioso, l'Ikhwan o Fratelli musulmani, che ha cercato di costruire una società islamica a partire dal basso. I semi di una relazione clandestina tra la CIA e l'Ikhwan sono stati piantati da Copeland, che ha ipotizzato che i Fratelli musulmani, in virtù della loro forte avversione al nazionalismo arabo, così come il comunismo, potrebbe essere un possibile contrappeso a Nasser. Negli anni a venire, l'intelligence USA sarebbe diventato un socio di fatto della Fratellanza come si è evoluta da una organizzazione di riforma sociale di massa basata sul fonte del terrorismo islamico.
"Qualsiasi Miles contatto avuto con i Fratelli Musulmani non era la politica ufficiale," insiste in pensione della CIA Raymond Close, collega di Copeland in Medio Oriente. "E 'stato rigorosamente lavoro solista da parte sua. C'erano un sacco di cose che Miles fatto che erano totalmente fuori dalla tavola ".
Se gli sforzi di Copeland sono stati "fuori dalla tavola" o in altro modo, i Fratelli Musulmani era certamente una forza da non sottovalutare. Fin dalla sua istituzione nel 1928, la Società dei Fratelli musulmani ha cercato di ripristinare la legge islamica e dei valori di fronte alla crescente influenza occidentale. Lanciato come associazione benessere sociale, è diventato un punto focale della resistenza al dominio coloniale britannico. L'Ordine del Gruppo Speciale, un'ala segreta paramilitare istituito dalla Confraternita, effettuato incursioni della guerriglia in Egitto durante il 1940, bombardando le installazioni britanniche e uccidendo soldati britannici e civili. Con il tempo Fratellanza fondatore Hassan al-Banna fu assassinato nel 1949, l'Ikhwan in rapida crescita, con l'inconfondibile bandiera verde attraversata con il bianco spade e un Corano rosso, possedeva mezzo milione di membri egiziani e affiliati in diversi altri paesi.
Quando un gruppo di giovani ufficiali dell'esercito egiziano guidato dal colonnello Nasser rovesciò la monarchia filo-britannica, la Fratellanza Musulmana ha dato loro pieno sostegno. Ma i fratelli subito avuto un litigio con Nasser, quando divenne chiaro che non aveva intenzione di stabilire uno stato islamico. Forte laico dell'Egitto represso duramente i Fratelli musulmani, che comprendeva la più grande forza popolare organizzata nel paese e l'ultimo ostacolo alla sua leadership autocratica. Scopo di Nasser non fu di bandire espressione religiosa dal dominio politico, ma di vietare qualsiasi espressione religiosa che non era il governo controllato.
Sulla scia di un fallito attentato contro Nasser nell'ottobre del 1954, le autorità egiziane fuori legge i Fratelli Musulmani, incarcerato e torturato migliaia di suoi membri, e uccisero molti dei suoi leader. Alcuni sono andati sotto terra o lasciato il paese per sfuggire successive ondate di repressione brutale volte a fracassare i Fratelli.
L'Arabia Saudita è diventato una calamita per molti rifugiati islamici perseguitati non solo dall'Egitto, ma anche dalla Siria, Iraq, Libia e altri stati arabi, dove i Fratelli musulmani sono stati percepiti come una minaccia per il laico, nazionalista ordine. Ikhwani espatriati sono stati accolti dal ricco di olio monarchia saudita, che divenne il patrono principale della Confraternita nella penisola arabica e altrove. Un alleato strategico degli Stati Uniti, la famiglia reale saudita era così ostile al comunismo senza Dio che non ha nemmeno mantenere relazioni diplomatiche con Mosca.
Americano intelligenza formato un tre vie appuntamento con i sauditi e dei Fratelli musulmani, secondo Robert Baer, ​​ex case officer presso la Direzione delle Operazioni della CIA. Con implicita approvazione della CIA, i reali sauditi incanalato fondi per i Fratelli che si sono uniti un sostenuto dagli Usa, anti-Nasser insurrezione in Yemen nel 1962. "Come ogni altra azione segreta veramente efficace, questa era rigorosamente fuori dai libri", spiega Baer. "Non c'era CIA ritrovamento, non memorandum di notifica al Congresso. Non un centesimo è uscito del Tesoro per finanziare il progetto. . . Tutta la Casa Bianca doveva fare era dare una strizzatina d'occhio e un cenno del capo a paesi che ospitavano i Fratelli musulmani. "
Yemen era solo un warm-up. Per dare una spinta al proselitismo islamico, i sauditi, con l'incoraggiamento della CIA, fondarono la Lega musulmana mondiale, nel 1962. Inizialmente sottoscritto da diversi donatori tra cui il consorzio petrolifero saudita Aramco-based (quindi un collaboratore della CIA), la Lega ha stabilito una presenza internazionale formidabile con rappresentanti in 120countries. I membri dei Fratelli Musulmani occuparono posizioni chiave del personale presso la Lega mentre è diffusa la propaganda religiosa anti-comunista e sponsorizzato la costruzione di moschee e centri islamici di tutto il mondo.
Exiled Ikhwani sono state utilizzate anche come insegnanti e gli imam nelle moschee saudite, scuole e agenzie governative, dove hanno promosso la dottrina estremista di Sayyid Qutb, scriba leader della Fratellanza e teorico. Eseguito nel 1966, dopo dieci anni di reclusione in camere di tortura egiziane, Qutb è senza dubbio il più influente studioso di religione nell'Islam moderno. Ha plasmato una variante letale di Islam politico che ha fornito una giustificazione coranica per la violenza come l'unico modo per liberare il mondo musulmano di corrompere influenze occidentali. Ostilità di Qutb verso l'Occidente, in generale, e gli Stati Uniti, in particolare, è nata nel corso di due anni di studio presso la University of Northern Colorado a Greeley alla fine del 1940. E 'tornato in Egitto mortificato da decadente, ninfomane America, che ha paragonato ad un "bordello".
I Fratelli Musulmani ha subito un cambiamento significativo con la radicalizzazione di Qutb in prigione.Quello che era stato essenzialmente un'organizzazione riformista nella sua fase formativa virato in un pericoloso, nuova direzione. Oltre ad introdurre una prospettiva anti-americana dura per i Fratelli, Qutb chiamato per la formazione di una avanguardia rivoluzionaria islamica per guidare il rovesciamento violento dei regimi arabi secolari. Il martirio di Qutb conferito credibilità immediata al suo messaggio, che postumo riempito il vuoto ideologico lasciato dal grande sconfitta araba del 1967 Guerra dei sei giorni con Israele, una sconfitta che vergogna Nasser e screditato la causa nazionalista arabo.
Scritti di Qutb infiammatori sarebbero decisamente influenzare una generazione di giovani militanti islamici, compreso il futuro di lancia-portatori di al-Qaeda. Osama bin Laden, l'alto, bello rampollo di una ricca famiglia del Golfo Persico, è stato esposto a panacee di Qutb mentre frequentava Re Abdul Aziz University di Jeddah. Uno degli istruttori di bin Laden in studi religiosi era professore egiziano Muhammed Qutb, il fratello esiliato di Sayyid Qutb, che ha insegnato lezioni su gli imperativi e le sfumature della jihad islamica.
Dopo Nasser morì, nel 1970, i Fratelli musulmani, sostenuto dai sauditi petrodollari, riemersi in Egitto. il Ikwhani appena incoraggiato stati corteggiato dal presidente Anwar Sadat, successore di Nasser, che liberò gli attivisti islamici dal carcere, sollevò alcune restrizioni sul Brothers, e si voltò sciolti contro i duri a morire nasseriano e gruppi di studenti di sinistra che disapprovava la decisione di Sadat a fare ammenda con gli Stati Uniti. Corteggiamento di Sadat della Confraternita ha suscitato più winks e cenni di intelligence degli Stati Uniti. Proprio sotto il naso della CIA, l'ufficialmente vietato, ma semi-tollerati Fratelli Musulmani stava attraversando una trasformazione epocale nel suo paese di origine.
Studioso francese Gilles Kepel, autore di Jihad: The Trail of Islam politico, descrive come le teorie di Qutb hanno trovato un pubblico ricettivo nei campus universitari egiziani, dando luogo ad una ala radicale potente all'interno del movimento islamista. Quando i vecchi capi della Ikhwan, castigato da anni di repressione, ripudiati scontro armato in favore degli sforzi graduali per riformare il sistema, fratelli rinnegati creati diversi gruppuscoli violenti e ha promesso di fare la guerra santa contro il regime egiziano autoritario, che hanno visto come corrotto, anti-islamico, e un fantoccio degli Stati Uniti. I capi delle due fazioni separatiste-Jihad islamica egiziana del dottor Ayman al-Zawahiri e il Gruppo Islamico di Sheik Omar Abdel Rahman, sono stati tra quelli implicati nel 1981 assassinio del presidente Sadat fratellanza.
Oggi Rahman, un religioso egiziano cieco, sta scontando una condanna a vita negli Stati Uniti per aver complottato per far saltare le Nazioni Unite, FBI Building di Manhattan, il ponte George Washington, e di altri punti di riferimento della città di New York, mentre il dottor Al-Zawahiri, un tozzo, fanatico occhialuto con una testa rotonda e la faccia da gufo, appare in post-9-11 riprese video seduto sul lato destro di Osama bin Laden. Soprannominato "il cervello dietro Al Qaeda," al-Zawahiri è diventato top vice di bin Laden dopo il medico egiziano aveva immatricolato attraverso le fila dei Fratelli musulmani.
Fratelli musulmani veterani hanno giocato un ruolo di primo piano in ogni fase del odissea terroristica di bin Laden. Come uno studente di college è stato mentore da Abdullah Azzam, un fratello palestinese, che ha convinto il giovane saudita ad aderire al jihad antisovietica in Afghanistan, una causa abbracciata da islamisti in tutto il mondo, moderati e radicali allo stesso modo, dopo l'Armata Rossa invase nel 1979.Nello stesso anno, i rivoluzionari sciiti islamici guidati da partner di lunga data l'ayatollah Khomeini rovesciò dell'America, lo Scià di Persia. Questi eventi tumultuosi sottolineato l'importanza geopolitica della connessione saudita innervosito funzionari degli Stati Uniti. D'ora in poi, l'Arabia Saudita sarebbe servita come un baluardo contro l'estremismo sunnita musulmano sciita, mentre anche corrispondenza dollaro degli Stati Uniti per il dollaro a sostegno dei guerriglieri mujaheddin afghani che combattevano contro i sovietici.
Nel 1984, Azzam e bin Laden istituito congiuntamente il centro di servizi, con sede a Peshawar, che ha svolto un ruolo fondamentale nell'organizzazione di militanti islamici da 43 paesi, tra cui gli Stati Uniti, che accorrevano a Nordovest territorio di frontiera del Pakistan di unirsi alla jihad anticomunista. Con contatti sparsi in tutto il Nord Africa e il Medio Oriente, la Fratellanza Musulmana è stato determinante nel reclutamento di molti di questi volontari islamici stranieri. Difesa stime settimanali di Jane che 14.000 di theso cosiddetti "arabi afghani" (anche se nessuno era afgani e molti non erano arabi) addestrati in campi di guerriglia, paramilitari trapani dove sono stati infusi con gli insegnamenti islamici radicali. Alcuni di questi agitatori esterni combatterono a fianco delle mujaheddin appoggiati dalla CIA durante gli scontri con l'Armata Rossa.
Ancora una volta, un approccio off-the-shelf di nation-manomissione è stata ritenuta preferibile da intelligence degli Stati Uniti come l'operazione in Afghanistan è cresciuta a passi da gigante nel corso del 1980. E 'diventato il più grande intervento occulta nella storia della CIA, con Washington incanalando più di tre miliardi di dollari di aiuti e attrezzature militari per i mujahedin attraverso l'intelligence militare pakistana, che ha servito come un condotto per l'americano e saudita generosità. In Guerre fantasma, una storia narrativa avvincente di imbroglio afghana della Cia, Steve Coll discute come questo accordo cut-out fornito intelligence degli Stati Uniti con uno strato di negazione, mentre la sua delega pakistano ha spinto le organizzazioni a parte tradizionali mujahedin afghani che mancano l'ardore fondamentalista necessaria e potenziato le quattro gruppi di mujahedin guidati da militanti allineati con i Fratelli Musulmani. La CIA, secondo Cole, mai premuto il Pakistan per eseguire i più moderati, nazionalisti orientate ribelli mujaheddin anziché i radicali leader afghani islamici che hanno propagandato gli scritti di Sayyid Qutb, della Fratellanza intellettuale padrino, che sono stati tradotti in dialetto locale afghana.
Una figura ben nota tra le fazioni afghane Fratellanza-linked musulmani, Bin Laden ha collaborato anche con alti ufficiali spionaggio sauditi e pakistani. Anche se Bin Laden ha avuto alcun contatto ufficiale con la CIA, i suoi sforzi per creare una legione straniera islamica erano generalmente guardato con favore dai servizi segreti degli Stati Uniti. Le forze più anticomunisti nella mischia il meglio, hanno capito. L'ipotesi di andare era che questi estremisti barbuti potrebbero essere su di giri e segretamente schierati quando Washington aveva bisogno "di un buon mercato no-americani-vittime modo per combattere l'Unione Sovietica", come Baer mise.
Alcuni dei colleghi di Baer alla CIA pensato che la legione contingente straniero deve essere formalmente approvato e ampliato. "La CIA ha esaminato il modo di aumentare la loro partecipazione. . . ma se ne fece nulla ", allora vice direttore della CIA Robert Gates ha detto che dei volontari islamici, che, se non altro, erano utili dal punto di vista delle relazioni pubbliche. La brigata internazionale in rapida crescita è stato pubblicizzato come una prova che l'intero mondo musulmano stava spalla a spalla con i mujaheddin afghani contro l'Impero del Male. Nessuno alla CIA sottovalutare che i legionari stranieri avevano il loro proprio ordine del giorno.
Anche prima che l'Armata Rossa ha ritirato l'ultimo dei suoi reggimenti dall'Afghanistan nel 1989, bin Laden era già cova piani ambiziosi rimorchio una jihad mondiale. Il Soviet estraibile spinto una dispersione all'ingrosso di volontari stranieri, che sono tornati ai loro rispettivi paesi e colme di spirito della rivoluzione islamica e pronto a continuare la lotta. Chi 1000militants rimasti in Afghanistan, molti di questi uomini non potevano andare a casa perché erano ricercati per crimini contro lo Stato. Questa auto-selezione stay-behind network costituito il nucleo di al-Qaeda, che è diventato anche più snella e più subdola quando bin Laden trasferito la sua base operativa in Sudan nel 1991.
Per i prossimi cinque anni, bin Laden e la sua cerchia sono stati rintanati a Khartoum per gentile concessione di Sheikh Hassan al-Turabi, il capo Sorbona-colta del ramo sudanese dei Fratelli Musulmani.Soprannominato il "papa nero", Turabi è salito al potere sulla scia di un colpo di stato militare e subito annunciato che la legge islamica dovrebbe essere applicata rigorosamente nel suo paese. Lui era protettore di Bin Laden durante questo periodo cruciale di esilio; insieme hanno ospitato powwows strategiche con i rappresentanti di varie organizzazioni terroristiche islamiche, compreso Hamas, un ramo palestinese dei Fratelli. C'è stato un notevole dibattito tra i jihadisti sul fatto di indirizzare il "nemico vicino" (i regimi apostati nel mondo musulmano), o il "nemico lontano" (le potenze occidentali vanificare l'attuazione di dominio islamico). Altri militanti separarono con al-Qaeda, quando la sua leadership, dominato da veterani egiziano dei Fratelli Musulmani, ha deciso di andare dopo "la testa del serpente", che è come hanno descritto gli Stati Uniti.
Con un processo di eliminazione, solo la più dura della hard-core soggiornato con bin Laden, quando lui e 150 border-salti radicali islamici e le loro famiglie è tornato in Afghanistan nel 1996. Poco dopo, in base al 11 ° commissione ufficiale settembre, Khalid Sheikh Mohammed, un giovane ingegnere grassoccio, avvicinato bin Laden e ha lanciato l'idea bizzarra di dirottare alcuni aerei commerciali e volare in edifici di New York e Washington. Questa fu l'origine dei collettivi assalti omicidi-suicidi che hanno ucciso circa 3000 persone l'11 settembre 2001. Mohammed, la mente auto-descritto il funzionamento 9-11 che aveva fatto le ossa con il capitolo kuwaitiano dei Fratelli Musulmani, è ora in custodia degli Stati Uniti.
L'emergere di quadri terroristici anti-americani dalle viscere della guerra per procura della CIA in Afghanistan ha preso US spymasters di sorpresa. E 'stato un errore colossale, come l'incapacità della CIA per prevedere il crollo del blocco sovietico comunismo. "Concettualmente abbiamo fallito", ammette Baer."Noi non consideriamo sunnita di essere una minaccia per l'Occidente. . . Non volevamo vedere. "Mentre agenti della CIA fissati su Iran sciita come fonte di terrorismo a sfondo religioso, una rete senza stato di musulmani fanatici Fratellanza di ispirazione trasformata in una rivolta in tutto il mondo. "L'ala militare dei Fratelli Musulmani è essenzialmente ciò che abbiamo di fronte oggi", afferma Baer.
Forse Col. W. Patrick Lang, già con la Defense Intelligence Agency, ha sintetizzato meglio notando le analogie tra la Fratellanza e l'Esercito Repubblicano Irlandese (IRA): "C'è l'IRA principale, che rifugge la violenza, e la 'Provvisoria IRA, 'il braccio armato. E c'è anche il 'Real Ira', un più estremo di spin-off dalle Provisional. . . Questi gruppi tendono a fratturare come si sviluppano quasi teologica - e, nel caso dei musulmani effettive teologiche Brothers - differenze. Trovano corsi proiettate ogni altri 'di azione non sufficientemente zelante o serio o abbastanza puro. E nell'Islam, naturalmente, non c'è gerarchia per risolvere le controversie ideologiche ".
E così continua, come al-Qaeda Chieftans criticano i Fratelli Musulmani per il lassismo verso i governanti laici in Egitto e in Giordania, dove molti Ikhwani siedono in parlamento. Allo stesso tempo, i leader della Fratellanza contenuti - creazione anziano del movimento islamista - hanno condannato gli attacchi terroristici di Bin Laden come virtù di tale strategia a lungo termine di utilizzare mezzi pacifici per trasformare l'Egitto in una repubblica islamica, il musulmano "un peccato grave". Brothers hanno ripreso numerose organizzazioni sindacali e le associazioni professionali, mentre le banche operative, imprese, ospedali, scuole, e servizi legali che spesso hanno superato le istituzioni governative shabby. Con più di due milioni di membri divisi in diverse migliaia di cellule semi-clandestine in tutto il paese, i Fratelli sono ancora sottoposte a incursioni episodici polizia, incarcerazione e torture. Ma queste misure non sono riusciti a soffocare il sostegno popolare per un movimento tradizionale che, bene o male, esprime le preoccupazioni, le aspirazioni, e le rimostranze legittime di musulmani provenienti da tutti gli strati sociali.
L'invasione americana dell'Iraq - "un avaro, premeditato, la guerra non provocata contro un nemico che non rappresentava alcuna minaccia immediata", come un agente della CIA sarcasticamente messo - ha eccitato l'intero spettro di gruppi islamisti. Mentre danno voce alle passioni anti-Usa e sentimenti pervasivi di ingiustizia nella comunità musulmane, islamisti moderati anche rischiare di perdere i seguaci di culti fanatici della jihad generati dalla Confraternita. (L'oppio dei popoli si rivela essere una droga di passaggio, pure.) Secondo un recente rapporto dell'Istituto Internazionale di Studi Strategici di Londra-based, l'Iraq è oggi un terreno fertile per i nuovi assunti che hanno gonfiato al-Qaeda fila per più di 18.000 potenziali terroristi.
In risposta a una pletora di mali sociali ed economici che assillano il mondo musulmano, la risposta di ogni capitolo Brotherhood e affiliato è sempre stata la stessa: ".. L'Islam è la soluzione" Ironia della sorte, spymasters statunitensi anche una volta ha visto l'Islam come la soluzione a problemi dell'America in Medio Oriente. Cinquant'anni fa, una CIA cad sognava di un messia arabo, "un musulmano Billy Graham," che sarebbe buttare per le priorità degli Stati Uniti in Egitto e oltre. Ecco come tutto è cominciato. Ed ora, ironia della sorte, i suoi dei soldati dell'esercito cristiano con reverendo Franklin Graham, figlio prodigo di Billy, denigrando l'Islam e strombazzare lo scontro di civiltà come egli invia missionari americani per salvare le anime in US-Iraq occupato. Un auto-avvera profeta, Franklin continua come dono di Dio a bin Laden, che deve essere ridendo da qualche parte nella sua caverna e la sua tomba.
Martin A. Lee è l'autore di Smoke Signals: una storia sociale di Marijuana - Medical ricreativo e scientifico .Egli è il co-fondatore del Media Watch gruppo FAIR, direttore del Progetto CBD e un collaboratore di BeyondTHC.com. Egli è anche l'autore di Acid sogni e La Bestia risveglia .

Nessun commento:

Posta un commento