Translate

domenica 25 agosto 2013

L’ITALIA DEI SEGRETI

L’ITALIA DEI SEGRETI

foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)




di Gianni Lannes


L’Italia non è come ce la raccontano ufficialmente da 152 anni. Le verità inconfessabili del sistema di potere sono coperte dal segreto di Stato, la vera chiave di lettura intrecciata alle stragi di Stato a partire da Portella della Ginestra (1 maggio 1947) ai giorni nostri. La strategia della tensione attualmente ha mutato dinamiche ed obiettivi, utilizzando la guerra ambientale non dichiarata.

Per citare un solo esempio nell'economia di questo discorso: per legge è scaduto - dopo 35 anni - il segreto, eppure le carte riservate sul delitto diAldo Moro sono ancora inspiegabilmente coperte dal segreto di Stato, al pari del caso dei due giornalisti Graziella De Palo ed Italo Toni scomparsi a Beirut il 2 settembre 1980.

La menzogna da un secolo e mezzo con la presunta "unità d'Italia" (alla voce annessione forzata e repressa nel sangue dai Savoia finanziati dalla massoneria inglese) è la incontrastata protagonista del discorso politico contemporaneo.

Cito a memoria i riferimenti fondamentali, almeno per il Belpaese che dovrebbero essere indicati nei libri scolastici, a partire dalle scuole medie. E sfido chiunque, il Governo Letta in primis, ed il capo dello Stato Napolitano, inclusi i silenti storici di professione, a produrre questa documentazione e a renderla di dominio pubblico (come dovrebbe essere in uno Stato di diritto). Vale a dire:


1.      Clausole segrete della Convenzione d’armistizio del 3 settembre 1943.

2.      Clausole segrete del “Trattato di pace” firmato a Parigi il 10 febbraio 1947.

3.      Trattato integrale NATO siglato a Washington DC il 4 aprile 1949 ed in vigore dal primo agosto 1949.

4.      L’accordo segreto USA-Italia del 20 ottobre 1954 sottoscritto esclusivamente dai rappresentanti del Governo e mai sottoposto a verifica e ratifica del Parlamento italiano.

5.      Il Programma segreto di cooperazione (Program of Cooperation) in cui si stabiliscono le unità speciali del Paese ospitante che si devono addestrare all’uso eventuale delle armi nucleari e le tipologie di armamenti che gli USA assegnano all’uso delle forze del Paese ospitante.

6.      Accordi segreti sui depositi di ordigni nucleari in Italia: Stockpile Agreement.

7.      Memorandum d’intesa USA-Italia detto anche Shell-Agreement del 2 febbraio 1995.

8.      Stone Ax (ascia di pietra) firmato non a caso proprio l’11 settembre 2001, anch'esso segreto. Si tratta di un dispositivo tecnico per il dispiegamento delle armi nucleari in Italia. Risale alla metà degli anni ’50, ma è stato continuamente aggiornato, senza alcuna verifica e ratifica del Parlamento sovrano sulla carta.

Post scriptum

A proposito di segreti di Stati occidentali ho pubblicato due libri: NATO: E COLPITO E AFFONDATO (2009); IL GRANDE FRATELLO. STRATEGIE DEL DOMINIO (2012). In questi giorni sto portando a termine l’ultima fatica editoriale, con il volume zeppo di documenti significativi, intitolato ITALIA: USA E GETTA.

Su questo diario internautico sono stati pubblicati e sono disponibili documenti USA, classificati e declassificati! Basta digitare la parola ricercata nel motore interno di ricerca!

Nessun commento:

Posta un commento