Translate

sabato 10 agosto 2013

Marò: Ferragosto in India in compagnia di De Mistura.

I giornali indiani  parlano sempre dei marò, a differenza dei giornali italiani che non sono interessati al problema,in quanto loro  prendono ordini direttamente dai poteri forti e le notizie per loro sono le stupidaggini della Bonino,le cavolate di Mauro,le menzogne di De Mistura,e i brevi comunicati del Presidente Enrico Letta,ottimista pragmatico e contafrottole.
Non c’è giorno che passa in cui le sfumature  vengono a galla,quelle di parte chiaramente. Già i titoli sono un programma “Gli uccisori dei pescatori “ I  marines assassini, i killer dei pescatori…anche i giornali indiani li hanno già condannati,non esiste la presunzione d’innocenza , e non esiste un aspetto fondamentale “La giurisdizione del caso”.
Per oltre un anno Il governo italiano guidato dall’illuminato Monti ,tramite il suo ex ministro degli esteri Giulio Terzi rivendicava la giurisdizione,c’era sempre d’aspettare,una festa di qua,una festa di la ,ora non si aspetta più un pronunciamento della Corte Suprema,che comunque ha riconosciuto che le acque erano internazionali e quindi ha tolto al Kerala la giurisdizione,ma con le sue ambiguità e giocando su una zona contigua,non riconosciuta da nessun diritto internazionale si è ancora non pronunciata ,ma di questo giornali indiani e italiani sono fratelli.
I nostri marò si sono rifiutati di rispondere alle domande della polizia indiana lo sostiene il quotidiano Hindustan Times una fonte ufficiale ha detto al giornale :”Abbiamo convocato entrambi i fucilieri di Marina accusati perché registrassero le loro dichiarazioni. Ma loro si sono rifiutati di dire qualsiasi cosa".
E hanno fatto benissimo loro rispondono all’Italia e non ad altri paesi.
Dispiace che passeranno il ferragosto in India e in compagnia del signore che li ha riaccompagnati,del signore che è uno dei responsabili,e i nostri marò,purtroppo non possono nemmeno mandarlo a quel paese.
Alfredo d’Ecclesia

Nessun commento:

Posta un commento