Translate

giovedì 29 agosto 2013

Ministero Esteri: Prestiti agevolati alle aziende che delocalizzano


Anziche' sostenere e incentivare le imprese in Italia il governo pensa ad agevolare le imprese italiane che delocalizzano: praticamente con i soldi che prelevano alle aziende che restano in Italia si aiutano quelle che sottraggono posti di lavoro...

 

Rilanciare lo strumento dei crediti agevolati alle imprese italiane che intendono creare joint ventures con imprese locali nei Paesi in via di sviluppo: e’ quanto deciso dal Comitato direzionale per laCooperazione allo sviluppo della Farnesinaper venire incontro e coniugare le attivita’ a favore dei Paesi in difficolta‘ con la necessita’ di internazionalizzazione delle aziende italiane in un momento in cui, a causa della crisi economica, le risorse a disposizione sono sempre meno.
Lo strumento dei crediti agevolati, dopo aver conosciuto un boom nel corso degli anni ’90, ha subito un declino negli ultimi anni. Per rilanciarlo, il ministero degli Esteri ha approvato alcune modifiche, tra cui l’aumento del numero dei paesi eleggibili ai fini di tale credito, che passano da 29 a 95, includendo quelli a basso/medio reddito, altamente indebitati e meno avanzati.

 
In questo modo, si punta a favorire maggiori flussi di finanziamento per lo sviluppo dei Pvs e a coniugare maggiormente cooperazione allo sviluppo ed internazionalizzazione delle imprese italiane, in un’ottica piu’ ampia di cooperazione intesa come investimento strategico nell’interesse del Sistema Italia. (AGI) .


Fonte: imolaoggi.it 

Nessun commento:

Posta un commento