Translate

mercoledì 11 settembre 2013

E la Bonino continua a dire str…strane parole.


“ E’ meglio non fornire date a caso su un possibile rientro dei due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, l’importante è sapere che i due fucilieri della Marina, attualmente detenuti all’Ambasciata italiana a Nuova Delhi, stanno bene e che i contatti politici per un loro rientro sono al più alto livello.
In un’intervista a Radio24, risponde  sulla crisi dei marò, promettendo tuttavia “con cocciutaggine e tenacia” di risolvere “anche questo problema”.
Durante il G20 di San Pietroburgo, il presidente del Consiglio Enrico Letta ha incontrato il premier indiano Mohamed Singh, e sono state “confermate le stesse reciproche impostazioni di chiudere la vicenda il più veloce possibile, in modo adeguato”, ha spiegato la Bonino.
Per quanto riguarda il rientro il Ministro non si sbilancia: “Inutile dare date a caso, ciò che importante sapere è che i marò e le loro famiglie sanno perfettamente che i contatti sono frequenti e puntuali”, ha spiegatola Bonino,e che “tra pochi giorni” incontrerà le mogli dei due militari. “La nostra attenzione e pressione per risolvere questo problema così complicato e così contorto non è mai venuta meno”, ha concluso il Ministro, augurandosi di “riuscire presto con questo metodo a sbrogliare anche questa matassa”.
Certo che fino ad adesso questo metodo si è rivelato fallimentare .Tutti avranno chiesto alla Bonino quando avremmo visto i marò in Italia,non poteva lei dopo tutti quegli abbracci e cotillons sulla liberazione di Domenico Quirico,non rispondere subito sui marò. Tra l’altro si è sentita tirata in ballo dallo stesso Quirico,che nelle sue dichiarazioni ha più volte ricordato di aver consolato il suo compagno di prigionia raccontandogli che l’Italia non abbandona i suoi uomini,e siccome l’abbandono dei marò è innegabile,la signora radical chick ha voluto subito suonare la trombetta  ,e trasformare la più grande vergogna italiana in un affare diplomatico,come se le scelte non scelte del governo italiano non fossero state comprese e metabolizzate dall’opinione pubblica .

Nessun commento:

Posta un commento