Translate

venerdì 20 settembre 2013

FOTO TERRIFICANTE - Donna cristiana lasciata morire legata ad una colonna ad Aleppo: ecco chi sono i terroristi islamici

di Padre Nader Jbeil

20/09/2013 14:33:22
FOTO TERRIFICANTE - Donna cristiana lasciata morire legata ad una colonna ad Aleppo: ecco chi sono i terroristi islamici
Carissimi fratelli in Cristo,
la vostra preghiera è un sollievo per la mia anima così provata da tutto il dolore e l’orrore che si vive di giorno in giorno in Siria.
I ribelli islamici per la loro ferocia e crudeltà sono “l’incarnazione del male” e continuano a mietere vittime tra i cristiani rimasti nel paese.
I terroristi islamici di al-Nusra, grazie agli sforzi dell’esercito governativo, sono stati scacciati dal  villaggio di Ma’lula, ma hanno lasciato dietro di loro una scia di morte e distruzione.
Sfortunatamente i ribelli non sono fuggiti lontano, ma hanno sbarrato le vie di accesso al villaggio e i superstiti  rimasti sono sotto tiro dei cecchini che non permettono loro uscire dal villaggio.
“Nel silenzio della Croce tace il fragore delle armi e parla il linguaggio della riconciliazione, del perdono, del dialogo, della pace”.
Queste le parole di Papa Francesco alla veglia della Pace da lui fortemente voluta, a cui hanno aderito tutti i cristiani di qualsiasi rito, perché alla violenza non si può rispondere con la violenza.
Dio nella sua infinita misericordia ha accolto la preghiera umile del suo popolo e miracolosamente ha fermato l’attacco alla Siria.
Purtroppo il giorno dopo, questa grande preghiera corale per la pace, ha scatenato ancora di più le violenze, la ferocia e le barbarie da parte dei ribelli islamici, al qaedisti, kamikaze,  nei confronti dei nostri fratelli cristiani, e hanno messo a ferro e fuoco tutti i quartieri cristiani, massacrando con una violenza inaudita, indistintamente uomini, donne e bambini che si rifiutavano di convertirsi all’islam.
Potrei descrivere decine di scene raccapriccianti a cui ho assistito, ma voglio scrivere ciò che hanno fatto ad una ragazza cristiana di Aleppo, la cui unica colpa è quella di credere in Dio e di non volerlo rinnegare.
I ribelli terroristi islamici al qaedisti, hanno legato la donna cristiana ad una colonna nella piazza centrale di Aleppo, sotto i suoi piedi le hanno messo il suo documento di identità in cui era scritto il suo credo religioso, e un altro foglio in cui era scritto che chiunque passava in quella piazza era obbligato a sputarle addosso perché “infedele” e lasciata li spogliata della sua dignità, lasciata li a soffrire  sotto gli occhi assetati di sangue  dei suoi crudeli persecutori. Migliaia di morti nella terra siriana, e ai sopravvissuti non è rimasto nulla.
La fede ci insegna che il male si può combattere e respingere solo con la Misericordia di Dio, e l’arma più potente che abbiamo è proprio la preghiera,  ma “come la vedova che getta due spiccioli, dando nella sua miseria tutto ciò che aveva per vivere” (Lc 21), vi chiedo di sostenerci anche voi con i vostri “spiccioli” perché i nostri fratelli cristiani hanno bisogno di cibo per sopravvivere, ed io senza il vostro aiuto e sostegno, con le mie sole forze non riesco a sfamarli.
Il cibo è il bene di prima necessità ma urgono medicine, latte per bambini, acqua, coperte, gasolio ecc.. abbiamo bisogno di tutto.
Confido nel vostro sostegno e aiuto, e nella vostra fervente preghiera a Maria Regina della Pace.
Vostro fratello in Cristo.
Padre Nader Jbeil
Direttore di Radio Sawt el Sama
In Italia Cell. 3888787180
In Libano
Fax.  00961 8813316
Tel.   00961 8813300
Cell.  0096176800054
E-mail.  amiconader@yahoo.it
               sawtelsama@yahoo.it
WECARE  onlus
IBAN IT68 X030 3210 3000 1000 0001 482  

Il conto postale 73840522
Specificando per Cristiani Siriani
E per chi volesse donare il suo 5x1000 il codice fiscale è 01330580059

Nessun commento:

Posta un commento