Translate

giovedì 19 settembre 2013

POLIZIOTTI IN PIAZZA CONTRO I TAGLI ALLA SICUREZZA (di Maria D’Auria)

Operatori delle Forze dell’Ordine e cittadini insieme a Roma, in Piazza della Repubblica, 
il 25 settembre dalle 10.00 alle 14.00, per manifestare contro i tagli dei fondi per la sicurezza
POLIZIOTTI IN PIAZZA
Roma - Gli operatori delle forze dell’ordine scendono in Piazza il 25 settembre per protestare contro i continui tagli alla sicurezza. Alla pacifica contestazione promossa dalla segreteria Nazionale Autonomi di Polizia A.D.P., sono state  invitate a partecipare tutte le categorie di lavoratori disoccupati, precari e studenti. E’ la prima volta che in Italia, lavoratori e forze di Polizia, si troveranno fianco a fianco per reclamare e tutelare un interesse comune, la Sicurezza che a poco a poco va perdendo senso, svuotata del suo significato originario, impossibile da applicare quando chi è preposto alla garanzia della stessa, viene depredato degli strumenti e della dignità.
Non esiste sicurezza se la stessa è inattuabile, impraticabile, irrealizzabile ed ineseguibile. Non si può pretendere sicurezza se gli “addetti ai lavori”, consapevoli di una situazione che va sempre più verso lo sfacelo, vengono continuamente bistrattati nelle loro richieste, se il loro grido d’allarme rimane inascoltato per lungo, troppo tempo, da chi può fornire loro la possibilità di fare bene il proprio lavoro.
Insieme a questa singolare manifestazione, titolata “SICUREZZA E POLIZIOTTI IN MUTANDE”, si sottolineano anche altre aspetti degradanti della situazione in cui oggi riversano gli operatori delle forze dell’ordine, come l’ulteriore blocco contrattuale 2014 che vede per l’appunto ancora  bloccati gli stipendi e gli assegni di funzione. Si chiede pertanto un nuovo contratto “fermo” da troppi anni, il riordino delle carriere, una previdenza complementare e, infine, si pone l’attenzione su un altro tema molto caro alle FF.OO: lo scorrimento delle graduatorie per vice sovrintendente.
Per rendere meglio l’idea della manifestazione, gli operatori delle forze dell’ordine, in quel giorno, distribuiranno moltissime mutande ai passanti affinché, con questo indumento simbolico, si possa comprendere lo stato in cui sono “ridotti”.
Di seguito, pubblichiamo la lettera della segreteria Nazionale ADP, pervenuta alla nostra Redazione.
                                                                            
                  ADP                  LOGO MOVIMENTO POLIZIOTTI
Disoccupati, precari, cassa integrati,  parliamo anche a Voi.
Il 25 Settembre 2013 anche Noi operatori delle forze dell’ordine scenderemo in piazza  a Roma a manifestare.
(Piazza della repubblica ore 10.00/14.00)
Vi vorremmo al nostro fianco, ci metteremo tutti “IN MUTANDE” perché  così  lo Stato ci ha lasciato.
E’  giunta l’ora di dire BASTA a chi vorrebbe ancora una volta TAGLIARE i fondi per la sicurezza. Come sempre ribadito, lo Stato non esiste senza le “3S” fondamentali:
SANITA’, SCUOLA e SICUREZZA.
Vi chiediamo un appoggio, vi chiediamo solidarietà e vi chiediamo di spargere la notizia a macchia d’olio: “FORZE DELL’ORDINE INSIEME AL CITTADINO IN PIAZZA A MANIFESTARE”.
 Pretendiamo però che nessuno venga in piazza con idee violente o convinto di “assaltare il fortino”, perché Noi operatori delle forze dell’ordine rispettiamo le leggi e lo Stato e quindi  la manifestazione dovrà essere pacifica e senza estremismi. Sarà la prima volta che scenderemo in piazza insieme e già questo sarà un segno importante verso chi ci sta pian piano cancellando.
Vi ringraziamo  già da adesso a nome di tutti gli operatori delle forze dell’ordine.  
Ai COLLEGHI e a tutti gli OPERATORI DELLE FORZE DELL’ORDINE  ora vi diciamo :
- NO all’ulteriore blocco contrattuale 2014 che vede ancora bloccati i nostri stipendi e gli assegni di funzione;
- SI al nuovo contratto fermo da troppi anni (l’ultimo contratto risale ad 2008-   2009);
- SI al riordino delle carriere poiché ormai è necessario;
- SI alla previdenza complementare;
- SI allo scorrimento delle graduatorie per vice sovrintendente.
Aggiungiamo inoltre:
BASTA prendere in giro il cittadino chiedendoci di stilare statistiche fasulle;
 BASTA con la chiusura di Commissariati, Scuole, uffici distaccati e dire poi che tutto può funzionare lo stesso
BASTA offendere l’onore e il decoro della divisa, continuando a farci stare in strada con DIVISE e MEZZI che risalgono al Medioevo.
NOI TUTTI DICIAMO BASTA, NON VOGLIAMO PIU’ PRENDERE IN GIRO IL CITTADINO  E VOGLIAMO DIRE LA VERITA’, TUTTA LA VERITA’, NIENT’ALTRO CHE LA VERITA’
RUGGERO STRANO (Segretario Nazionale del Sindacato di Polizia Autonomi di Polizia)
 CUDICIO MAURIZIO (Vice Segretario Nazionale  del sindacato di Polizia A.D.P. Autonomi di Polizia e Fondatore del Movimento Poliziotti su FB).

2 commenti:

  1. Bravi, questa presa di posizione è coraggiosa e di gran conforto ai cittadini che ormai stanno annaspando in enormi difficoltà.
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Bravi, questa presa di posizione è coraggiosa e di gran conforto ai cittadini che ormai stanno annaspando in enormi difficoltà.
    Grazie.

    RispondiElimina