Translate

martedì 22 ottobre 2013

E la Bonino continua a stupire,ora ci parla in inglese.

E’ ammirevole lo sforzo dei devoti e dello staff,sotto la  direzione,del Ministro degli Affari Esteri italiano Emma Bonino.Mai un attimo di tregua,sempre pronti a sperimentare ,pur di raggiungere una comunicazione chiara,limpida a senso unico,e senza nessuna rottura di scatole. Ora c’è una novità,nella pagina non si parla più in italiano,ma in inglese.
Non voglio ripetere le anomalie di questa pagina,dove l’impossibilità a dialogare è evidente,voglio anche ricordare che uno dei suggerimenti che ho segnalato allo staff è stato accolto,quel post d’altri è stato giustamente eliminato dopo la mia segnalazione,se non fanno scrivere non devono metterlo,e il regolamento fb,nelle informazioni però c’è ancora una descrizione fuori luogo che va cambiata:” Sono contenta di avere questa opportunità di confronto con voi. Vorrei rispondere a tutti, ma purtroppo non ho sempre il tempo di farlo. Vi chiedo quindi di comprendere e avere pazienza. Per parte mia cercherò di fare del mio meglio. Grazie. Emma”.
Il punto 6 del regolamento della pagina va cambiato in quanto dice” 6. Per questioni di buon uso dei servizi Internet ed educazione nei confronti di chi legge, chi scrive è tenuto a utilizzare un linguaggio comprensibile alla collettività, almeno dal punto di vista formale in modo da risultare chiaro agli utenti della pagina Facebook”.
La domanda è ovvia perché il Ministro Emma Bonino ora comunica in inglese? Perché spera così di evitarsi le domande sui marò? Ha assunto il guru americano di Monti? Vuole soddisfare le richieste dei suoi devoti fans che soffrono a sentire il linguaggio (termine usato da loro)da carrettieri usato nella pagina?
Comunque sia c’è qualcosa di patologico in questa pagina,dopo il ghetto virtuale,la pagina internazionale,non risponde a nessuna domanda,forse l’inglese serve a ridurre le domande.
Alfredo d’Ecclesia

Nessun commento:

Posta un commento