Translate

giovedì 3 ottobre 2013

L’INTERNAUTA CHI E’ COSTUI ?

Ho letto con interesse su vari giornali ed addirittura su un’Agenzia ANSA riferimenti ad un “internauta” . Nell’articolo di Repubblica a pag 19 dove viene riportata l’improvvisa uscita del Ministro “non è accertata l’innocenza dei due marò” che rinnega ogni forma di garantismo si parla “di un internauta che sul caso Marò ha anche aperto un blog”.

Ho fatto ricerche, ho approfondito qualche modesta analisi e sono giunto ala conclusione che con ogni probabilità l’internauta potrebbe essere il Gen. Della riserva Fernando TERMENTINI che ha fatto sua dal 18 febbraio 2012 la vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, senza mai esprimere giudizi o ipotesi di colpevolezza o innocenza ma limitandosi ad analizzare i fatti attraverso un’attenta lettura degli stessi, mosso da un unico motivo : l’etica maturata in 40 anni di servizio militare che lo ha visto sempre anteporre gli interessi dei propri collaboratori a qualsiasi tornaconto personale.

Un’ipotesi che fosse lui suffragata dal fatto che gestisce dal 2010 un blog in cui tratta analisi geostrategica ed in cui la vicenda dei due Marò naturalmente ha coagulato parecchio spazio (http://fernandotermentini.blogspot.it/) .

Ipotesi che si trasforma in certezza se si vanno a leggere i post dello stesso nella pagina del Ministro che coincidono con quanto virgolettato e riferito da Repubblica all’internauta. Una realtà che riempie di mestizia ma nello stesso tempo ci fa rendere conto dello stile sicuramente non comunicativo dello staff che ha passato al quotidiano in questione la precisazione. Oserei dire un approccio che lascia sorpresi perché Fernando Termentini ha postato in chiaro, su una pagina pubblica e quindi quale è il motivo che ha spinto ad utilizzare un sostantivo peraltro non usuale nel lessico italiano ? Un altro dei misteri che si somma agli altri che hanno contraddistinto il lancio del Thread destinato ad ospitare commenti e chiarimenti sulla vicenda dei due Marò immediatamente sparito per motivi sicuramente non di trasparenza, piuttosto indotti da uno spirito censorio.

Tanto dovevo per chiarezza .
fonte "Un italiano"/www.facebook.com/un.italiano.94?fref=ts

Nessun commento:

Posta un commento