Translate

domenica 24 novembre 2013

Boldrini: “Ho avuto un passato difficile..”. Ma lo zio è l’ex vicepresidente dell’Eni!

boldrini
“Ho avuto un passato difficile”: questa esternazione il presidente della Camera Laura Boldrini poteva anche evitarla. In un’intervista a “La stampa” invita le donne a ribellarsi per farsi strada nel mondo del lavoro. Facile parlare quando si ha un parente come con Massimo Boldrini, ex vicepresidente dell’Eni; la Boldrini non accenna neppure di aver lavorato all’Agi, agenzia giornalistica di proprietà proprio dell’Eni. Parla senza, però raccontare dei privilegi che lei ha avuto per arrivare dove è oggi: una famiglia benestante, un’educazione borghese, buone parentele, entrature giuste, buoni studi e bei viaggi, insomma una sfilza di privilegi.
Ma l’importante non è quello, ovviamente, è ribellarsi, sennò sarebbero capaci tutti. A vent’anni prende lo zaino e parte alla volta  del Venezuela a lavorare in un’azienda di riso. Ma non le riesce proprio di farsi passare per una mondina, così la mettono dietro la scrivania di un comodo ufficio. Nel frattempo gira anche tutto il sud America: attraversa il Costa Rica, Panama, l’Honduras, il Guatemala, il Messico, un tour avventuroso e ribelle che però non si conclude né a Tegucigalpa né a Caracas, ma nella più confortevole New York, prima di tornare in Italia.
 Qui prenderà, per seguire le orme del padre “che non mi ha parlato per otto anni per la mia scelta di andare in Venezuela”, iscrivendosi alla Facoltà di Giurisprudenza. La Boldrini è la rappresentazione della classica parabola da radical chic, che ama gli ultimi ma nella vita parte avvantaggiata, perché se così non fosse stata non avrebbe potuto fare molte cose, come entrare in Rai, per esempio, dove è praticamente impossibile senza agganci ed amicizie che contano. Dovrebbe spiegare la sua infanzia difficile a tutti quei bambini che vivono nel disagio, nelle difficoltà economiche che pressano le loro famiglie. Lei non può neppure immaginare cosa prova un bimbo che vorrebbe anche solo un giocattolo in più, ma la mamma gli dice: “Non posso: non ci sono i soldi…”. Ce lo spieghi il suo passato difficile, presidente Boldrini. Lo spieghi agli italiani che sta prendendo in giro. Anche questa volta.
Fonte: www.bastacasta.altervista.org

Nessun commento:

Posta un commento