Translate

domenica 24 novembre 2013

Gli americani e la Casa Sollievo della Sofferenza


Il complesso ospedaliero Casa Sollievo della Sofferenza, immerso nel verde, sorto laddove c'era solo una montagna brulla e petrosa.
Nel primo decennio del XX secolo l’antichissimo ospedale di San Giovanni Rotondo, di cui si ha notizia certa sin dal 1304, aveva cessato di esistere. La chiusura era stata l’epilogo di discordie nate tra gli amministratori del Monte di San Giacomo, che lo gestiva. Seguì per San Giovanni Rotondo un periodo molto difficile dal punto di vista sanitario.
Nel 1917, malgrado l’antichissima vocazione ospedialiera del paese, la Congregazione di Carità , un ente istituzionale di natura assistenziale, bocciò un progetto di un semplice pronto soccorso, presentato dal Dr. Leandro Giuva. Questa volta la causa era la cronica carenza di fondi .
Padre Pio, sebbene il convento si trovasse distante dal paese, era sempre al corrente di tutto. Il frate era l’immagine vivente della sofferenza e capiva bene quanto fosse importante un ospedale per San Giovanni Rotondo.
Oltre alle stimmate, altre malattie inspiegabili avevano accompagnato i suoi giorni, prima e dopo la consacrazione sacerdotale. Le sue febbri superavano i 50° centrigradi. I termometri scoppiavano. I medici assistevano sbalorditi l’eccezionale malato e si chiedevano per quanto tempo ancora avrebbe resistito in quelle condizioni fisiche.
Chi, più di lui, poteva capire le necessità del malato che soffre?
Era ancora l’epoca in cui il vaiolo, la tubercolosi, la pellagra, la sepsi e le setticemie mietevano molte vittime, soprattutto tra i poveri. Inoltre la prima guerra mondiale aveva restituito ai loro cari degli uomini distrutti nella mente e nel corpo, talvolta feriti o mutilati. E se malauguratamente un paziente aveva bisogno di un intervento chirurgico, i parenti erano obbligati a trasportarlo con mezzi di fortuna nell’ospedale di Foggia, distante oltre quaranta chilometri, per strade malandate, senza una garanzia che vi sarebbe arrivato vivo.
Se non si avevano possibilità economiche, si aspettava in casa l’arrivo di sorella morte.
Padre Pio era molto dispiaciuto di questa situazione , finchè nel 1921, tramite un apposito comitato, informò la Congregazione di Carità di volerle donare 50.000 lire per erigere un ospedale.
Ma la sua realizzazione fu ostacolata dalle beghe politiche e dalle lotte personali scatenatesi tra i consiglieri della Congregazione circa l’ubicazione da dare all’ospedale.
Dopo due anni finalmente la scelta ricadde sulla sede dell’ex monastero delle suore Clarisse, situata nel centro storico del paese.
Il progetto di ristrutturazione e di ampliamento del monastero fu approvato nel mese di marzo 1923.
A questo punto i membri della Congregazione deliberarono con entusiasmo l’intendimento di chiamare la nuova opera filantropica «Ospedale Civile Padre Pio da Pietrelcina», per dimostrare agli oblatori che i soldi raccolti erano stati «spesi e devoluti per un ospedale, per opera ed intercessione di questo pio fraticello d’Assisi».
Ma il loro desiderio non trovò il benestare di Padre Pio e l’ospedaletto fu intestato a San Francesco d’Assisi.
Inaugurato il 23 aprile 1925, esso si presentava bello, elegante ed attrezzato; aveva una sala operatoria, due corsie e due camerette riservate, con un totale di venti posti letto, sufficienti per le esigenze più urgenti. Si dimostrò di grande utilità per tutte le classi sociali, con brillanti interventi medici e chirurgici.
Con l’andar del tempo la Congregazione di Carità non riuscì più a coprire le spese di manutenzione e di gestione dell’ospedaletto, i cui bisogni si erano moltiplicati a causa delle continue richieste di ammissione gratuita presentate dagli ammalati poveri, per i quali era sorto.
Questi infelici erano abbandonati da tutti in misere stamberghe oppure sulla strada, dove si dolevano della loro misera sorte.
Il concorso economico del Comune, che non nuotava certamente nell’oro, e i contributi degli altri Enti pubblici si rivelarono del tutto inadeguati. Il deficit di gestione costrinse gli amministratori ad effettuare una graduale riduzione dei servizi.
L’ospedale “San Francesco” funzionò fino al 1938. I cronisti riportano che in quell’anno una scossa di terremoto danneggiò gravemente il fabbricato, dando il colpo di grazia alla pia istituzione. Stranamente, però, l’Istituto Nazionale Italiano di Geofisica e Vulcanologia non ha registrato eventi sismici degni di rilievo sul Gargano né nel 1938, né negli anni immediatamente precedenti e successivi.
E’ possibile quindi che le reali cause della chiusura dell’ospedale siano state la penuria di fondi e l’insufficiente impegno di chi ne avrebbe dovuto assicurare il funzionamento.
La chiusura di questa prima creatura di Padre Pio, appena tredici anni dopo l’inaugurazione, lo addolorò profondamente.
Dove sarebbero stati curati ora i poveri del paese? Chi si sarebbe preso cura di loro?
La sua mente cominciò allora ad accarezzare un sogno. Ed eccolo quindi che lancia una nuova sfida.
Gli uomini e gli enti preposti non erano riusciti a mantenere l’ospedaletto? Lui ne avrebbe costruito uno più grande, capace di accogliere anche i malati dei paesi vicini. Questa volta, però, l’avrebbe affidato in gestione a persone affidabili e capaci, anime buone che la Provvidenza gli avrebbe mandato.
Ben presto la “Casa Sollievo della Sofferenza” si sarebbe stagliata, maestosa, tra le rocce garganiche, grazie alla caparbietà di un Santo e alla generosità dei suoi figli spirituali.
Ma in quanto tempo sarebbe riuscito a realizzarlo? E con quali mezzi?
Nel pomeriggio del 9 gennaio 1940 un generoso manipolo di persone costituì una prima commissione per la fondazione di una “clinica” secondo le sue intenzioni. Si trattava di persone fidate, molte delle quali avevano accettato l’invito del padre a stabilirsi a San Giovanni Rotondo
Tra loro c’erano tre pilastri dell’opera: il farmacista Carlo Kisvarday, originario di Zara, il medico Guglielmo Sanguinetti, venuto dal Mugello, e l’agronomo perugino Mario Sanvico.
Il cappuccino approvò con gioia il nuovo organismo e alla presenza di tutta la commissione esclamò:
«Da questa sera ha inizio la mia grande opera terrena».
Continuando a conversare, si soffermò a parlare dell’Amore misericordioso di Dio e dell’energia che l’uomo deve impiegare nell’amare il prossimo. Poi espresse concetti riguardanti i fratelli che soffrono:
«L’uomo che, superato se stesso, si china sulle piaghe del fratello sventurato eleva al Signore la più bella, la più nobile preghiera, fatta di sacrificio, di amore vissuto e realizzato, di dedizione in corpo e in spirito…
In ogni uomo ammalato vi è Gesù che soffre! In ogni povero vi è Gesù che langue! In ogni ammalato povero vi è due volte Gesù che soffre e che langue!… » 1
Quella sera il Cappuccino tirò fuori dalla pettorina una monetina d’oro elargitagli da una vecchina sconosciuta e disse di voler essere il primo a fare un’offerta per la clinica. Il suo obolo diede inizio ad una straordinaria catena di solidarietà umana che avrebbe coinvolto poveri e ricchi di tutto il mondo.
Il dr. Kisvarday cominciò ad annotare le offerte su un quaderno.
Il 10 gennaio fu raccolto un capitale di 967 lire, costituito dalle offerte dei membri della commissione e di alcuni fedeli. L’obolo di due lire del povero cieco sangiovannese Pietruccio Cugino, assiduo frequentatore del convento, toccò il cuore di tutti.
Il 14 gennaio 1940 Padre Pio comunicò il nome della clinica: «Sollievo della Sofferenza».
Essa sarebbe sorta vicino al convento, su un terreno donato per metà da una torinese e l’altra metà da una sangiovannese.
Gli inizi furono duri, perché erano consapevoli che occorreva molto più denaro di quello che si riusciva a raccogliere.
Si riuscì a mettere insieme un milione e mezzo di lire. Poi tutto si fermò, a causa della guerra. Per evitare la svalutazione del capitale, gli amministratori acquistarono saggiamente una tenuta agricola in agro di Lucera.
Il 5 ottobre 1946 si costituì la società «Immobiliare Casa Sollievo della Sofferenza S.p.a.» con capitale di un milione, suddiviso in azioni da mille lire, e con espressa rinuncia dei soci ad ogni utile da parte.
Quel giorno Padre Pio assisteva papà Grazio alla santa morte, in casa di Mary Pile. Informato dell’evento, diede il suo benestare.
La posa della prima pietra della clinica avvenne il 16 maggio 1947, con una disponibilità finanziaria complessiva di quattro milioni di lire.
Il terreno prescelto era deserto ed inospitale, buono soltanto per le greggi di pecore e di capre, che si aggiravano tra le rocce in cerca di pregiati ciuffi d’erba.
Una squadra di braccianti locali aggredì la possente roccia garganica con eccezionale vigore . Ben presto le esplosioni dei candelotti di dinamite rompevano il silenzio millenario di quelle contrade.
La distanza dal paese rendeva tutto più difficile. Mancavano l’acqua e le infrastrutture logistiche. Furono quindi installati in loco gli impianti per la lavorazione della pietra e degli altri materiali occorrenti. Ben presto tutto diventò un gran fermento di attività e di voci concitate che impartivano precise istruzioni.
L’idea di costruire un ospedale in quel posto sperduto, con l’esigua somma di quattro milioni di lire in cassa, indusse più d’uno a credere che quei pionieri dai volti scavati dalla fatica e dal sole fossero diventati tutti matti.
Invece ciò rispondeva al piano di padre Pio di effettuare i lavori a tappe, man mano che si raccoglievano i fondi per i vari lotti.
Pur volendo considerare che c’era stata una guerra di mezzo, i sette anni impiegati per racimolare quattro milioni facevano preludere tempi proibitivi per realizzare la clinica, il cui costo complessivo avrebbe superato di gran lunga il miliardo di lire. Ma una forza sconosciuta spingeva tutti a proseguire nell’intento.
L”Italia del dopoguerra era in gran parte da ricostruire, materialmente e spiritualmente, e questo rendeva tutto più complicato. Occorreva un vero miracolo, perchè il sogno di Padre Pio potesse avverarsi.
E il miracolo sarebbe avvenuto con l’arrivo a San Giovanni Rotondo di Barbara Ward.
Barbara Ward e i fondi americani dell’UNNRA
Barbara Ward in posa davanti ad una vetrata della cappella della Casa Sollievo della Sofferenza in cui la Madonna è rappresentata con il suo volto.
La Provvidenza si presentò sul Gargano sotto le sembianze di una donna dai tratti delicati: Barbara Ward, giornalista cattolica del «The Economist», massimo settimanale economico-finanzario inglese.
In uno dei suoi viaggi a Roma, aveva sentito parlare di Padre Pio dal suo amico marchese Bernardo Patrizi ed espresse il desiderio di conoscerlo.
Il marchese sapeva che la donna coltivava amicizie con americani di alto livello, molto influenti. Perciò fu ben lieto di accompagnarla a San Giovanni Rotondo, pensando che la Ward potesse essere di aiuto per la causa di Padre Pio.
La giornalista giunse nei pressi del convento nell’autunno del 1947. La sua attenzione si soffermò su un nutrito gruppo di uomini, grondanti sudore. Essi picconavano la roccia con insolito vigore, come se avessero individuato un filone d’oro. Vide anche il sacerdote pietralcinese don Giuseppe Orlando, dirigere i lavori ed impartire istruzioni a destra e a manca.
Don Orlando non era riuscito a capire il motivo per cui Padre Pio gli avesse imposto di aprire il cantiere dell’ospedale, con i pochi soldi a disposizione. Però aveva obbedito e assunto gli operai, rifornendoli di picconi e badili.
Quindi aveva dato inizio allo spianamento del terreno per collegare la strada sterrata preesistente al costruendo ospedale, dopo aver delimitato il nuovo tratto stradale utilizzando picchetti in legno ed un gomitolo di spago.
Come mai tutta quella fretta in Padre Pio?
Le azioni degli uomini santi sono avvolte spesso nel mistero ed è difficile dare una risposta plausibile.
Può darsi che il frate, grazie alle sue facoltà premonitrici, sapesse già dell’arrivo della giornalista e che abbia voluto stuzzicare la sua curiosità preparandole quel curioso quadretto di operosità umana, in quel luogo dall’aspetto lunare.
Difatti, parlando di Barbara Ward, don Giusepe Orlando lasciò scritto nelle sue memorie:
«Domandò proprio a me: Che cosa fate?
E io ri­sposi: Una grande clinica.
E che denaro vi oc­corre?
Sparai allora una bomba: 400 milioni.
E chi paga?
Chi passa paga. E la signorina passò e andò dal Padre».
Durante il colloquio con il Padre la donna gli chiese di pregare per la conversione al cattolicesimo del fidanzato Robert G. A. Jackson, di religione protestante.
Il cappuccino disse soltanto:
«Se il Signo­re vuole, si convertirà»
E lei: «Ma quando?».
La risposta la lasciò perplessa: «Se il Signore vuole, anche adesso».
Tornata a Londra, la Ward apprese del battesimo del fidanzato. Il suo stupore crebbe quando venne a sapere che si era battezzato proprio nelle ore in cui lei si era intrattenuta in colloquio con il frate stigmatizzato.
Jackson era ufficiale delle Nazioni Unite e consigliere delegato dell’UNRRA. Pertanto, era in contatto con molti membri del Governo americano.
Impressionato dal racconto della Ward, egli si prodigò a favore del progetto dell’ospedale voluto da Padre Pio.
Per meglio convincere gli interlocutori a finanziarlo, disse che una eventuale donazione sarebbe avvenuta in memoria del politico italo-americano Fiorello La Guardia, amatissimo dagli americani, originario della provincia di Foggia e scomparso da pochissimo tempo.
Intermezzo informativo
Fiorello Enrico La Guardia era nato nel Bronx l’11 dicembre 1882. Gli americani lo soprannominarono “the Little Flower” (“piccolo fiore”), traduzione letterale del nome italiano, che bene si addiceva alla sua bassa statura.
Trasferitosi con la famiglia in Europa nel 1898, dopo il congedo dal servizio del padre come maestro di banda militare, dal 1901 al 1906 prestò servito nei consolati degli Stati Uniti a Budapest, Trieste e Fiume.
Ritornato negli Stati Uniti, continuò gli studi all’università di New York. Contemporaneamente sfruttò la conoscenza di ben sette lingue lavorando come interprete sull’isola di Ellis (1907-1910), dove affluivano gli emigranti europei.
Candidato nella circoscrizione orientale di Harlem, popolata soprattutto da italiani, nel 1916 fu eletto alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, distinguendosi come appassionato riformatore.
Dal 1917 al 1919 La Guardia servì le forze armate americane come ufficiale dell’aeronautica sul fronte italo-austriaco. Avendo ricoperto a più volte anche la carica di sindaco di New York e quella di direttore generale dell’UNRRA, la proposta del maggiore Jackson di inviare fondi a San Giovanni Rotondo in in memoria di Fiorello la Guardia, incontrò il favore del Congresso degli Stati Uniti.
Intanto i braccianti sangiovannesi, ignari di tutto, continuavano a lavorare, asportando dalla montagna, con i loro poveri mezzi e con la fatica delle braccia, quasi centomila metri cubi di roccia.
Nel mese di maggio 1948 si inaugurò la fornace per la calce. Tutto era pronto per dare inizio alla costruzione del fabbricato; ma con quale denaro?
Puntuale come un orologio, arrivò il soccorso della Provvidenza.
Il 21 giugno 1948 il Governo italiano ricevette la notizia che l’UNRRA di Washington donava 400 milioni di lire per la costruzione dell’ospedale di Padre Pio.
Le autorità governative caddero dalle nuvole. Un ospedale a San Giovanni Rotondo? Nessuno ne sapeva nulla.
Ciò fece sussultare di gioia Padre Pio e tutta la Commissione. Purtroppo a San Giovanni Rotondo arrivarono solo 250 milioni. Il Governo italiano trattenne per sé i restanti 150, per motivi mai precisati.
La cosa suscitò la forte contrarietà del Padre, che considerò il fatto alla stregua di un furto legalizzato perpetrato ai danni della Provvidenza.
Un seme per il futuro
La mattina del 26 luglio 1954 venne aperto il poliambulatorio, do­tato di pronto soccorso, medicina generale, pedia­tria, otorinolaringoiatria, odontoiatria e laboratorio di analisi cliniche
L’ospedale, costato complessivamente un miliardo e mezzo di lire, fu inaugurato il 5 maggio 1956.
Il 5 maggio 1957, primo anniversario dell’attività ospedaliera della Casa, Padre Pio tirò le somme del lavoro svolto e programmò quello futuro, parlando della realizzazione di una «città ospedaliera tecnicamente adeguata alle più ardite esigenze cliniche», con molti più posti letto, di due case, una per donne e una per uomini «dove gli spiriti e i corpi affaticati e stanchi vengano al Signore e ne ab­biano da Lui sollievo», di un «Centro studi intercontinentale» per il perfezionamento della cultura professionale e per la formazione cristiana dei sanitari, affinché l’Opera diventasse sempre più «tempio di preghiera e di scienza, dove il genere umano si ritrovi in Gesù Crocifisso come un solo ovile, sotto un solo pastore».
Col trascorrere degli anni la Casa Sollievo della Sofferenza è diventata una cittadella sanitaria immessa nel verde. Il numero dei posti letto è passato dai 250 del 1956 ai 1.200 attuali. Ha una cubatura di 300.000 m3. Fino a qualche anno fa la sua crescita non ha conosciuto soste, al punto che in paese tutti la chiamavano scherzosamente “la fabbrica di San Pietro”.
Dal 1991 la Casa è anche «Isti­tuto di Ri­covero e Cura a carattere Scientifico» con riconoscimento del Ministero della Sanità. Vi operano circa 2.500 dipendenti.
Parte del programma del Santo è stato realizzato. Manca ancora un «Centro studi intercontinentale».
Ma la Provvidenza è grande e prima o poi un’altra persona generosa appartenente a qualche altro Ente filantropico “passerà e lascerà”, come è successo per Barbara Ward e i fondi dell’UNRRA, e anche quest’opera potrà essere realizzata.
L’italo-americano Fiorello La Guardia, direttore dell’UNRRA.
Nel mese di ottobre 1917 gli Stati Uniti inviarono due gruppi di avieri presso la scuola di addestramento dell’aeronautica militare italiana funzionante nell’aeroporto “Gino Lisa” di Foggia. Uno dei due gruppi era comandato dal Cap. Fiorello La Guardia.
Agli inizi del 1918 gli allievi americani frequentanti erano 411. Molti di loro conseguirono a Foggia uno o due brevetti, con diritto a fregiarsi con l’aquila coronata del pilota italiano e con le ali del distintivo americano.
I piloti statunitensi ebbero il battesimo del fuoco in un’azione bellica compiuta con altri gruppi italiani a Falzé di Piave, dove c’era una forte concentrazione di truppe nemiche.
Nel mese di ottobre 1918 Fiorello La Guardia fu richiamato in Patria per formare squadriglie di piloti per i bombardieri Caproni costruiti negli Stati Uniti.
La scuola italiana, quindi, contribuì alla nascita dell’aeronautica militare americana, della quale la stessa Foggia avrebbe saggiat0 la forza distruttiva.
Durante il secondo conflitto mondiale, infatti, tra il mese di maggio e il mese di agosto 1943, i bombardieri dell’USAAF effettuarono sulla città pugliese, poco distante da San Giovanni Rotondo, ben dodici incursioni, due delle quali furono devastanti.
Il 22 luglio 1943 entrarono in azione i B17 del 97° e del 99° Bomb Group dell’USAAF. In un’altra incursione del 19 agosto furono impiegati settantuno «Liberator» e centosessantadue fortezze volanti, che sganciarono su Foggia 586 tonnellate di bombe.
A fine estate il 75% della città risultava gravemente danneggiata, con ampi quartieri rasi al suolo. Circa ventiduemila furono le vittime civili.
Per un amaro scherzo del destino, alcuni piloti americani avevano imparato la tecnica del volo e del bombardamento proprio nella scuola militare di Foggia. In guerra, purtroppo, i soldati sono chiamati a compiere per intero il loro dovere e devono obbedire sempre, anche quando l’azione può colpire persone alle quali si è legati da antichi sentimenti di amicizia.
Nello stesso anno, in base ad un piano preparato a Washington, si costituì l’UNRRA, 1 un’organizzazione finanziata dalle nazioni che non avevano subito l’invasione delle forze dell’Asse. Questo ente aveva lo scopo di dare immediata e concreta assistenza ai paesi particolarmente colpiti dal secondo conflitto mondiale, al fine di favorirne la ricostruzione.
L’UNRRA aveva la sede amministrativa negli Stati Uniti d’America, che conferivano il 75% dei fondi.
L’Italia è tra le nazioni che ebbero maggiori benefici, avendo ricevuto circa 420 milioni di dollari in generi di prima necessità, che il Governo fu autorizzato a rivendere alla popolazione civile per realizzare i vari piani di assistenza nazionali.
Questi fondi e la grande laboriosità degli italiani resero possibile la rapida ripresa economica del Paese, messo in ginocchio dalla guerra.
Foggia fu bombardata principalmente perché era un attivissimo nodo ferroviario. La città aveva poi la sfortuna di essere situata in una zona altamente strategica, perfettamente pianeggiante, ricca di aeroporti utilizzati dalle forze aeree italo-tedesche.
La sua distruzione fu anche frutto della strategia elaborata e proposta dal comandante inglese dei bombardieri della RAF Arthur Travers Harris, accettata dagli alleati, che prevedeva il bombardamento indiscriminato di obbiettivi civili al fine di “concentrare le operazioni sul morale della popolazione” e accelerare la fine del conflitto.
L’arrivo degli alleati in Capitanata determinò nella zona la più alta concentrazione di aerei nella storia della seconda guerra mondiale. Dai suoi aeroporti decollarono i grossi bombardieri anglo-americani che sferrarono attacchi senza precedenti agli obiettivi militari e alle città dell’Europa centrale ed orientale.
L‘ONE WORD GROUP A SAN GIOVANNI ROTONDO
Alla fine di agosto 1948 Edward Corsi, Commissario Industriale del Governatore Dewey’s preannunciò l’arrivo a Roma di una delegazione statunitense. Ma la sua tappa principale era San Giovanni Rotondo, per partecipare alla cerimonia di intitolazione dell’ospedale in costruzione alla memoria di Fiorello La Guardia.
Il Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi ricevette l’One Word group nel suo ufficio, per esprimere l’apprezzamento del governo e per offrire offrire la sua cooperazione.
La popolazione della Capitanata, ancora frastornata dalle luttuose vicende belliche e dalle ripetute scosse di terremoto del mese di marzo, poteva vivere finalmente una giornata ricca di solidarietà umana e di speranza per il futuro.
La rappresentanza americana capeggiata da Edward Corsi atterrò con un aeroplano Fiat G 12 nell’aeroporto «Amendola» di Foggia la mattina del 2 settembre 1948.
Il velivolo assunse le sembianze di una grossa colomba che si posava in terra di Capitanata con un messaggio di pace nel becco.
Una persona puntò l’indice verso l’aereo ed esclamò: «Ecco l’americano buono che viene dal cielo!».
Gli ospiti furono ricevuti dalle massime autorità provinciali, tra cui il Prefetto, il sindaco, il questore, i deputati provinciali, i deputati della Repubblica De Caro, De Meo, Petrilli, Giuntoli, i senatori Lanzetta e il sangiovannese Tamburano, il generale dell’Aeronautica Scarlatti e il colonnello Giordano, nonché dai rappresentanti di molte associazioni civili.
Gli americani erano impazienti di partire per San Giovanni Rotondo, per conoscere Padre Pio e i primi frutti della Provvidenza e della generosità americana. I duecentocinquanta milioni dell’UNRRA , infatti, avevano fatto riprendere i lavori dell’ospedale e l’edificio cominciava a mostraere le sue forme.
Mentre gli americani attraversavano in automobile l’abitato di San Giovanni Rotondo, contadini e braccianti gremivano ambo i lati della strada ed esultavano festanti.
Uno striscione di benvenuto agli americani. (Foto di Elia Stelluto)
La strada, addobbata a festa, era attraversata da striscioni riportanti le scritte a caratteri cubitali «Welcome», «Viva l’America», «Viva La Guardia». 2
Gli americani non potevano capire quanto quella riconoscenza della popolazione fosse giustificata! I soldi dell’UNRRA, affidati al buon cuore di Padre Pio, avevano contribuito ad allontanare da San Giovanni Rotondo lo spettro della fame ed il pericolo di gravi disordini, simili a quelli scoppiati nel 1860 e nel 1920.
Nel 1946, con il rientro dei soldati dal fronte, la situazione in paese si era aggravata moltissimo a causa dell’enorme aumento dei disoccupati. La scarsezza di viveri aveva fatto impennare i prezzi. Pane e farina erano diventati generi reperibili soltanto al mercato nero, esercitato da manipolatori senza coscienza. C’erano state anche dimostrazioni di protesta davanti alla sede del Comune e alla Caserma dei Carabinieri.
Padre Pio aveva pregato l’americana Mary Adelaide Pyle di accompagnare il Presidente dell’Associazione degli ex Combattenti presso il Comando americano del campo d’aviazione di Amendola, per ottenere l’ingaggio di molti operai di San Giovanni Rotondo. Ma i lavori da eseguire nell’aeroporto erano stati pressoché ultimati e la sua missione era fallita.
I morsi della fame avevano fatto esplodere una sommossa popolare gravissima, che l’esigua forza pubblica non riuscì a sedare. Erano state bloccate le vie di accesso al paese e assaltate le case di coloro che notoriamente esercitavano il mercato nero.
Dopo alcuni mesi la crisi poté rientrare, grazie alla decisione di Padre Pio di anticipare l’apertura del cantiere per la costruzione della Casa Sollievo della Sofferenza. Furono assunti temporaneamente un centinaia di padri di famiglia, i cui salari avrebbero ben presto prosciugato la cassa con gravi conseguenze per l’ordine pubblico. Poi, fortunatamente, arrivarono i fondi dell’UNRRA.
Il cav. Francesco Morcaldi, conosciuto anche come “il sindaco di Padre Pio”, una trentina di anni dopo annotò:
«Dal 1947 il problema sociale di San Giovanni Rotondo, che costituiva una delle più pesanti situazioni della provincia di Foggia, e che aveva dato luogo a gravi sommosse popolari con conseguenze spesso cruente venne affrontato e risolto in pieno dalle iniziative di carità e di fraternità cristiana esercitate dall’umile padre cappuccino, per la cui opera la montagna più dimenticata e depressa del Gargano si trasformò in un’oasi di opere meravigliose a gloria di Dio e a sollievo della sofferenza umana». 3
Circondati da quel clima pregno di gratitudine e di speranza per il futuro, gli ospiti americani giunsero al convento.
La porta si aprì. Il frate stigmatizzato uscì e andò loro incontro. La folla entrò in fibrillazione.
Tutti avevano gli occhi velati dalla commozione, gridavano ed applaudivano don Peppino Orlando, il dott. Guglielmo Sanguinetti, il Marchese Bernardo Patrizi e soprattutto gli americani, la cui presenza aveva indotto il frate ad uscire dal convento, come solo raramente accadeva. Finalmente la popolazione poteva stringersi intorno all’artefice del suo avvenire!
Il frate rimase bloccato. Per fargli percorrere le poche decine di metri che lo dividevano dal fabbricato in costruzione, si dovette utilizzare un’automobile protetta da un cordone di carabinieri.
Le fondamenta dell’ospedale poggiavano su un solido basamento di roccia calcarea che si affacciava sulla strada.
Un nutrito comitato di accoglienza comprendente i funzionari di governo, l’arcivescovo, i sacerdoti delle chiese del paese e molti frati, attendeva nello spiazzo antistante l’ospedale.
Gli ospiti furono sommersi dalla gente, dalla polvere, dal rumore e dalle attenzioni amichevoli. Erano diventati il principale punto d’interesse. Agli occhi degli americani, invece, il vero «eroe» del pomeriggio fu Padre Pio, la cui fama si era sparsa ormai oltre i confini d’Italia, che si era messo in testa di costruire un ospedale su una montagna così inospitale, partendo da una misera monetina d’oro.
Protetto da un ombrello, il Padre acconsentì a farsi ritrarre con i membri della delegazione dai fotografi della stampa, che abitualmente lo infastidivano.
Le contadine si spingevano e si accalcavano l’una sull’altra nel tentativo di raggiungerlo, di inginocchiarsi, di baciargli le mani, di ricevere la sua benedizione.
I membri della delegazione erano trattati con affetto e semplicità.
Faceva parte del gruppo la famosa giornalista Freda Kirchwey, la quale descrisse sul giornale americanoThe Nation gli avvenimenti della giornata.
Un membro del comitato d’accoglienza la tirò per un braccio e riuscì a farla incontrare con Padre Pio, aprendole un varco tra la folla.
Poi un uomo la fece sedere sotto il pronao della nascente clinica. Ragazze del luogo servirono un rinfresco.
Mentre riempivano di cibo il piatto della giornmalista, l’accompagnatore in un eccellente inglese le raccontò a di aver lasciato la città di Firenze, la sua casa, la sua famiglia ed una carriera stabile come ingegnere, per vivere in una casetta a San Giovanni Rotondo, come discepolo del frate santo. Poi le presentò sua sorella, una ragazza graziosa che trasportava un vassoio di caffé.
«E’ venuta a trovarmi – le confidò l’uomo – mentre era convalescente da una malattia. La vera ragione della sua venuta qui era di convincermi a tornare a casa. La mia famiglia non è religiosa e non può capire i motivi della mia scelta di vivere qui. Ma come vedete il loro piano non è riuscito: io sono rimasto qui e mia sorella con me! Anche lei ha imparato che cosa vuol dire restare accanto a Padre Pio».
La cerimonia proseguì con la benedizione della prima copertura del fabbricato, essendo stato realizzato il solaio tra il piano terra e il primo piano. Poi venne il momento tanto atteso: un drappo venne giù dal muro e apparve una lapide che intitolava il fabbricato a Fiorello La Guardia, per premiare la generosità degli Stati Uniti d’America.
La fanfara intonò l’inno americano, mentre bandiere a stelle e strisce e il tricolore italiano sventolavano tra le mani degli operai.
Durante la cerimonia Edward Corsi si espresse in un “ottimo italiano di New York”. Insieme all’incaricato d’affari statunitense Homer M. Byngton, auspicò con calore e sincerità la rinascita del popolo italiano, forte di un patrimonio millenario di civiltà, ma messo in ginocchio dalla guerra. 4
Il vicesindaco di San Giovanni Rotondo, il dr. Sanguinetti, il Marchese Patrizi, don Peppino Orlando, l’on. Petrilli nei loro discorsi ringraziarono gli americani, mettendo in evidenza l’importanza di quell’ospedale.
Seguirono i ringraziamenti del Governo Italiano, affidati alle parole dell’Alto Commissario per l’Igiene e la Sanità.
Infine, la benedizione del Vescovo di Manfredonia scese su umili e potenti, poveri e ricchi, grandi e piccoli, accomunati tutti in un unico abbraccio. 5
Finiva così una giornata settembrina, caratterizzata dalla solidarietà umana e dalla voglia di dire “Grazie” ad un’America dal cuore d’oro.
Le autorità risalirono soddisfatte sulle automobili e ripartirono per Foggia, per altre cerimonie, discorsi e panini “eccellenti ed enormi”.
La delegazione tardò a raggiungere l’aeroporto e il pilota dell’aereo si rifiutò di ricondurla a Roma. Essendo ormai sera e conoscendo i limiti del suo velivolo, egli preferì sorvolare gli Appennini alle prime luci del giorno seguente.
Gli americani trovarono Roma invasa dai giovani. Duecentomila ragazze dell’azione cattolica, giunte da ogni parte d’Italia, marciavano in corteo e affollavano i marciapiedi. Poi, accompagnate dalle suore, sciamarono nelle chiese per partecipare ai vari incontri.
Le cerimonie erano state preparate dal governo; si poteva osservare dappertutto lo sventolio di berretti rosso-mattone.
Scomparse le ragazze, un esercito di ragazzi ancora più grande, qualcosa come 300.000 giovani, si riversò nelle strade. La chiesa ed il governo stavano mostrando la loro unione politica nel modo più convincente, con gli eserciti della gioventù cattolica in marcia. 6
A San Giovanni Rotondo intanto si era aperta un’altra oasi di carità, con nuove, più ricche e ancora più qualificate opportunità di lavoro.
Con i fondi UNRRA circa quattrocento disoccupati poterono guadagnarsi il pane come operai nella costruzione dell’ospedale, con un salario corrispondente alla paga sindacale e con l’assicurazione contro le malattie e gli infortuni, cosa rara per quei tempi nel meridione d’Italia. Non era che l’inizio. I lavori proseguirono alacremente. Le difficoltà economiche si riaffacciavano di tanto in tanto, ma non facevano più paura. Ormai i fior di milioni americani avevano dato fortissimo impulso a tutto l’apparato mobilitatosi a favore dell’ospedale. Le iniziative di beneficenza, infatti, si moltiplicarono.

Nessun commento:

Posta un commento