Translate

giovedì 21 novembre 2013

La filosofia Rothschild:


La filosofia Rothschild:

1) Il diritto è la forza sotto mentite spoglie. Si trova proprio nel vigore ("più forte") il diritto a governare sta nella forza.

2) La libertà politica è un'idea, non un fatto. Al fine di usurpare il potere politico, tutto ciò che è necessario è quello di predicare 'liberalismo', e gli elettori daranno sempre di più potere per i cospiratori.

3) Il denaro è onnipotente. I governi sono insignificanti rispetto al denaro. Dal momento che i governi controllano il denaro, che il controllo deve essere rimosso dai governi, e mettere nelle mani dei cospiratori.

4) Qualsiasi e tutti i mezzi per raggiungere l'obiettivo di dominare il mondo dai congiurati è giustificata.

5) Le dimensioni, la portata e la potenza delle risorse dei congiurati devono rimanere nascoste.

6) Alcol, droga e corruzione morale devono essere utilizzate per indebolire la volontà del popolo.

7) Le guerre devono essere istigato e orchestrato in modo che entrambe le parti sarebbero nel loro debito (in altre parole, i cospiratori avrebbero trarne profitto e del potere, non importa chi "ha vinto" la guerra!).

8 Propaganda e il controllo delle informazioni dovrebbero essere utilizzati per influenzare l'opinione.

9) pre-programmato e panici finanziari artificialmente manipolati e depressione dovrebbero essere utilizzati per domare il popolo, e indebolire i governi, in modo da formare in definitiva un unico governo mondiale, con i cospiratori come i governanti.


Le menti dietro il Nuovo Ordine Mondiale :

1) Lord Jacob de Rothschild.
2) His son Nathaniel Rothschild.
3) Baron John de Rothschild
4) Sir Evelyn de Rothschild
5) David Rockefeller
6) Nathan Warburg
7) Henry Kissinger
George Soros
9) Paul Volcker
10) Larry Summers
11) Lloyd Blankfein
12) Ben Shalom

Le famiglie in ordine di importanza:

Rothschild family
Warburg family
Schiff family
Oppenheimer family
Royal Family of England
Saxe-Coburg-Gotha family
Rockefellar family
Morgan family
Harriman family
Carnegie family


I proprietari della Federal Reserve

Rothschild Le banche di Londra e Berlino
Lazard Brothers Bank di Parigi
Israel Moses Sieff Banca d'Italia
Batik Warburg di Amburgo e Amsterdam
Lehman Brothers Bank of New York
Kuhn Loeb Bank di New York
Chase Manhattan Bank di New York (controllata dai Rockefeller)
Goldman Sachs Bank of New York

I BURATTINI POLITICANTI CHE GIOCANO A LORO FAVORE:

https://www.facebook.com/photo.php?v=495095090578506&set=vb.293694004051950&type=3&theater

Ecco una lista dei membri di spicco della famiglia ebraica della dinastia dei Rothschild e le loro funzioni principali:

Jacob Rothschild: Nato nel 1936 in Inghilterra. Dopo aver acquisito rilievo nella banca di famiglia, ‘NM Rothschild & Figli’ a Londra, ha istituito nel 1988, la società di investimenti ‘Rothschild Investment Trust’, ora nota come ‘RIT Capital Partners’ la quale detiene il controllo degli interessi di investimeni della compagnia petrolifica ‘Royal Dutch Shell Oil’.
Jacob Rothschild è il presidente di Yad Hanadiv, un società Caritativa sionista dei Rothschild qui, che ha dato a Israele la Knesset e la Corte Suprema.

Nathaniel Rothschild: Nato nel 1971 in Inghilterra. È il figlio e l’erede apparente di Jacob Rothschild. Ha iniziato la sua carriera nel 1994 presso la ‘Lazard Brother’s di Londra, banca gemella dei Rothschild.
Al momento, Nathaniel Rothschild è nell’organo esecutivo (dove altro avrebbe potuto essere?) con la ‘Gleacher Partners’, di New York, fusioni e acquisizioni (M & A), impresa di consulenza fondata da Eric Gleacher, ex capo di M & A, un altra sorella ebrea della banca dei Rothschild , la Lehman Brothers.

Evelyn Rothschild: Nato nel 1931 in Francia. Ha iniziato la sua carriera come direttore della sede a Parigi della banca ‘Frères de Rothschild’. Tra il 1976 e 1982 è diventato presidente della ‘NM Rothschild & Figli’ in Inghilterra, e della banca ‘Banca Rothschild’ di Zurigo. Egli è anche il direttore onorario della ‘De Beers Miniere’ e della ‘IBM Regno Unito Holdings Limited’.
Evelyn Rothschild è un uomo di propaganda dai molti cappelli. Ha servito in direzione di fama internazionale, ‘The Economist’, e giornali di proprietà di Lord Beaverbrook, che comprendevano il ‘London Evening Standard’ e il ‘Daily Express’. Egli ha anche servito come direttore del Signor Nero nel ‘Daily Telegraph’.

René David Rothschild: Nato nel 1942 a New York. È attualmente il Partner Senior della ‘Rothschild & Cie Banque de Franc’ qui. Egli ha assunto la Presidenza della ‘NM Rothschild & Figli’ di Londra, dal “pensionamento” di Evelyn Rothschild nel 2003.

Benjamin Rothschild: Nato nel 1963 in Francia. Sostituì suo padre, Edmound Rothschild, in qualità di presidente qui del Gruppo LCF Rothschild in Francia. Il Gruppo LCF Rothschild, centrato a Parigi con una succursale a Tel Aviv, ha qui una rete globale di istituzioni finanziarie, con un patrimonio oltre i € 100 miliardi di euro.

David Rockefeller: Banchiere statunitense, nato a New York. E’ una delle persone più ricche del pianeta con un patrimonio che si aggira intorno ai 2 miliardi di dollari. Ha diretto una delle banche più grandi del mondo la "JPMorgan Chase" ed è stato anche presidente del "Museum of Modern Art" di New York, dal 1962 al 1972 e dal 1987 al 1993.

Sesto figlio di John Davison Rockefeller jr, nella sua carriera dirigenziale ha ricoperto ruoli rilevanti nella "Exxon Mobil", nata dalla "Standard Oil" fondata dal nonno, e nella General Electric. In America è famoso anche per le sue attività lobbistiche: è, infatti, uno dei membri fondatori del Gruppo Bilderberg, che comprende personalità influenti in campo economico, politico e bancario, ed è presidente onorario del "Council on Foreign Relations", un'associazione composta soprattutto da uomini d'affari e politici che studiano i problemi globali e giocano un ruolo chiave nella definizione della politica estera degli Usa.

Tra le varie onorificenze, è stato nominato, nel 1972, dal capo di Stato Giovanni Leone, Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana, su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
La dinastia dei Rothschild controlla la politica sionista

LO STATO DI ISRAELE non esisterebbe se non fosse per la Dinastia dei Rothschild. Shimon Peres, l’attuale Presidente di Israele, circa i Rothschild, ha recentemente affermato quanto segue:

“Mai una famiglia ha donato così tanto della propria ricchezza e benessere per la realizzazione dello Stato di Israele.”

Tra il 1890 e il 1924 Edmound Rothschild attraverso il suo co-finanziamento del Fondo nazionale ebraico qui, aveva stabilito molti insediamenti in Palestina. Più tardi suo figlio, James, stabilì Yad Hanadiv, per finanziare l’entità sionista di Israele. Oggi, Jacob Rothschild è il direttore di Yad Hanadiv.

A causa della donazione di Yad Hanadiv di 6 milioni di Sterline israeliane per la costruzione del palazzo della Knesset e altri milioni in più per la Corte suprema israeliana, e a causa della sua continua beneficenza, Jacob Rothschild è stato nominato ‘mebro onorario di Gerusalemme’ (Honorary Fellow of Jerusalem). In altre parole, la Dinastia dei Rothschild è la sottoscrizione dello Stato sionista di Israele.

Corsa al petrolio, sconvolgimenti economici, scontro di civiltà, guerra sacra e chi più ne ha più ne metta, compreso il rapimento di soldati! Molti pensano che queste siano le ragioni per il quale molte o tutte le guerre nascono e si moltiplicano come tumori inesorabilmente mortali.
Purtroppo non è così, i motivi di questa violenza in realtà non sono "i" motivi ma "gli" strumenti per raggiungere un obiettivo previsto in realtà da molto tempo. La verità c'è, è sotto i nostri occhi ricoperti di melma fatta di tv, stress da troppo lavoro, alcol, droga, gadgets elettronici, ecc. La verità è nascosta tra le pagine della storia, non quella ufficiale, ma quella troppo spesso tenuta nascosta a noi povere cavie confinate nelle nostre piccole gabbiette di cemento e mattoni.

Tutto, o quasi, parte ufficialmente il 24 giugno del 1717, quando i "grandi capi" della massoneria si riuniscono a Londra e tracciarono le linee guida per il "Novus ordo Sec(o)lorum" in base ad un disegno nato dalle ceneri del pensiero di grandi profeti come Jan Amos Kominsky (noto come Comenius) a sua volta erede spirituale di Johann Valentin Andreae. Questi due signori si possono considerare i veri padri del mondialismo moderno, il loro pensiero spaziava dalla politica al sociale, dall'economia all'educazione, Comenius parlava di un mondo dove tutte le razze si sarebbero fuse in una sola, così come le religioni. Un mondo dove l'educazione scolastica sarebbe dipesa da un'unica università madre di tutte le altre e di fatto oggi è così. Una politica centralizzata nel quale il nuovo mondo si sarebbe riconosciuto come figlio di un unico governo mondiale.
Per fare questo ci sarebbero voluti diversi secoli e una serie di eventi, questi ultimi tappe fondamentali del cammino della nuova Massoneria speculativa per raggiungere l'obbiettivo finale: il Nuovo Ordine Mondiale.

L'ordine del giorno delle Massonerie riunite era quello di ovviare al problema dei poteri che allora operavano in Europa, ma anche quello di accelerare la nascita di un potere più forte e che fosse lontano dal Vecchio Continente, ed ecco la nascita degli Stati Uniti d'America (4/7/1776) attraverso lo sterminio di intere etnie alle quali inoltre è stato possibile rubare millenni di conoscenze di alchimia e medicina molto care a "maghi e stregoni" moderni.
In Europa il problema era più serio, troppe monarchie troppi cervelli che pensavano e soprattutto troppo grande il potere della Chiesa, quindi ci voleva un drastico cambio di direzione che avrebbe portato alla distruzione delle monarchie a partire dalle più potenti: 1789 Rivoluzione Francese.

Il Secondo passo prevedeva (come da prassi) che dalle ceneri di una distruzione così grande nascesse una società rinnovata, che oltre ad aver perso i suoi punti di riferimento spirituali, anche grazie all'opera dell'Inquisizione che, specie nella prima parte del secondo millennio, aveva debellato i liberi pensatori e le tradizioni più antiche tacciandole di Satanismo o Stregoneria, perdeva ora anche i riferimenti istituzionali visti i periodi bui che l'Europa si apprestava a vivere.
Dalle ceneri rinasce solo la Fenice ed eccola allora svolazzare sulla vecchia Europa per approdare ad un'altra tappa fondamentale non solo per l'Italia, ma per tutto il movimento Massonico in essere da quel momento in poi: 1847-1860 Risorgimento.

Mazzini e Garibaldi come profeti e fautori della nuova Italia, il secondo aiutato dalla Massoneria Inglese attraverso lo stanziamento di fondi e l'invio di parecchi soldati (si dice 20 mila) il che fa capire come sia riuscito a fare ciò che ha fatto. Altro che mille! Il primo autentico profeta e figura di spicco nell'ambito della Massoneria Europea; i moti Mazziniani non erano atti alla sola unificazione dell'Italia ma anche a quella dell'intera Europa. C'è una lettera molto interessante che Mazzini scrisse ad uno dei profeti più importanti ( se non il più importante) della Massoneria moderna, Albert Pike con il quale condivideva una profonda amicizia.
Eccovi qualche passo di questa lettera che spiega da sola quello che stiamo cercando di spiegare in questo articolo:

La prima Guerra Mondiale doveva essere combattuta per consentire agli "Illuminati" di abbattere il potere degli zar in Russia e trasformare questo paese nella fortezza del comunismo ateo. Le divergenze suscitate dagli agenti degli "Illuminati" fra Impero britannico e tedesco furono usate per fomentare questa guerra. Dopo che la guerra ebbe fine si doveva edificare il comunismo e utilizzarlo per distruggere altri governi e indebolire le religioni.
La Seconda Guerra Mondiale doveva essere fomentata approfittando della differenza fra fascisti e sionisti politici. La guerra doveva essere combattuta in modo da distruggere il nazismo e aumentare il potere del sionismo politico, onde consentire lo stabilimento in Palestina dello stato sovrano d'Israele. Durante la Seconda Guerra Mondiale si doveva costituire un'Internazionale comunista altrettanto forte dell'intera Cristianità. A questo punto quest'ultima doveva essere contenuta e tenuta sotto controllo sin quando richiesto per il cataclisma sociale finale. Può una persona informata negare che Roosevelt e Churchill hanno realizzato questa politica?

La Terza Guerra Mondiale dovrà essere fomentata approfittando delle divergenze suscitate dagli agenti degli Illuminati fra sionismo politico e dirigenti del mondo islamico. La guerra dovrà essere orientata in modo che Islam (mondo arabo e quello musulmano) e sionismo politico (incluso lo Stato d'Israele) si distruggano a vicenda, mentre nello stesso tempo le nazioni rimanenti, una volta di più divise e contrapposte fra loro, saranno in tal frangente forzate a combattersi fra loro fino al completo esaurimento fisico, mentale, spirituale ed economico.
Cosa ne dite? Questa lettera è stata scritta nel 1870! Ecco invece cosa scrive il Pike in un'altra delle tante lettere che i due grandi amici si spedivano spesso a proposito di quello che sarebbe accaduto dopo la Terza Guerra Mondiale, lettera che si dice sia catalogata presso la biblioteca del British Museum di Londra:

"Noi scateneremo i nichilisti e gli atei e provocheremo un cataclisma sociale formidabile che mostrerà chiaramente, in tutto il suo orrore, alle nazioni, l'effetto dell'ateismo assoluto, origine della barbarie e della sovversione sanguinaria. Allora ovunque i cittadini, obbligati a difendersi contro una minoranza mondiale di rivoluzionari, questi distruttori della civiltà, e la moltitudine disingannata dal cristianesimo, i cui adoratori saranno da quel momento privi di orientamento alla ricerca di un ideale, senza più sapere ove dirigere l'adorazione, riceveranno la vera luce attraverso la manifestazione universale della pura dottrina di Lucifero rivelata finalmente alla vista del pubblico, manifestazione alla quale seguirà la distruzione della Cristianità e dell'ateismo conquistati e schiacciati allo stesso tempo!"

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10201935190614248&set=a.1696900355213.87455.1618983089&type=1&theater

Nessun commento:

Posta un commento