Translate

sabato 25 aprile 2015

Sgominata cellula di Al Qaeda in Italia, indizi di un attentato in Vaticano

Roma, 24 apr – L’organizzazione sgominata provvedeva ad alimentare la rete criminale destinando una parte della loro attività all’introduzione illegale sul territorio italiano di pachistani o afgani che venivano successivamente smistati in alcuni paesi del nord Europa. La base operativa di questa cellula di Al Qaeda era in Sardegna.
Un vero e proprio network che operava congrandi quantitativi di soldi e armi con la finalità di mettere a segno attentati anche nel nostro paese. Tra gli obiettivi, secondo le intercettazioni, anche il Vaticano.
E’ la “scoperta” fatta dalla Polizia di Stato che al termine di indagini scattate già nel 2009 ha smantellato l’organizzazione. Sono 18 le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse, nove delle quali eseguite nei confronti di 8 pachistani e di un afgano, mentre altri tre sono ancora ricercati e altri ancora risultano emigrati all’estero.
Le provincie coinvolte nel blitz sono quelle di Sassari, Bergamo, Macerata, Roma, Frosinone e Foggia. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di atti terroristici all’estero (il più grave, la strage nel mercato cittadino Meena Bazar in Peshawar il 28 ottobre del 2009, con oltre 100 vittime) e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, usata come fonte di autofinanziamento.
Per aggirare le norme sugli ingressi e permanenza sul territorio, la cellula terroristica ricorreva a falsi contratti di lavoro rilasciati da imprenditori compiacenti o si spacciavano i diretti interessati per vittime di persecuzioni etniche o religiose.
Per gli investigatori due membri dell’organizzazione avevano prestato i loro servigi al fianco diOsama Bin Laden con il compito di proteggerlo. Ma il ruolo principale nel network attivo nel nostro Paese era ricoperto da un dirigente del movimento pietistico Tabligh Eddawa. L’uomo, Imam e formatore coranico operante tra Brescia e Bergamo, stimolava la raccolta di fondi presso le comunità pakistano-afgane radicate nel nostro territorio. Tramite alcuni corrieri i soldi venivano successivamente spediti in Pakistan.
Giuseppe Maneggio
http://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/cellula-al-qaeda-in-italia-attentato-vaticano-21917/

Nessun commento:

Posta un commento