Translate

mercoledì 25 novembre 2015

La Russia smonta la versione della Turchia sull’abbattimento del Su-24

La Russia assicura che l’aereo, il SU-24, non stava minacciando la Turchia nè aveva violato il suo spazio aereo quando è stato abbattuto dopo aver completato una missione di attacco contro il denominato Stato Islamico nel territorio siriano.
Il Ministero della Difesa Russo ha pubblicato questo Martedì un video dei voli dove ha avuto luogo l’abbattimento del Su-24 russo che conferma che l’aereo non aveva violato lo spazio aereo turco come afferma il Governo di Recep Erdogan.
Nel video si osserva che il SU-24 non ha violato lo spazio aereo della Turchia, al contrario del F-16 Turco che ha attraversato la frontiera con la Siria per attaccare il caccia bomabrdiere russo.
Il Ministero della Difesa ha dettagliato che il SU-24 aveva lasciato la base aerea di Jmeimim, ed aveva ralizzato il volo ad una distanza di un Kilometro dalla frontiera con la Turchia.
Allo stesso modo, si è saputo che l’aereo russo si era allontanato dalla frontiera ed era stato raggiunto dall’F-15 della Turchia nello spazio aereo della Siria dove è stato successivamente abbattuto con un missile.
Dopo l’incidente, il portavoce del Governo russo, Dmitri Peskov , ha annunciato che il presidente Vladimir Putin potrebbe convocare il Consiglio di Sicurezza Nazionale di Emergenza, per causa dell’abbattimento dell’aereo militare russo.
Successivamente, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha giustificato l’abbattimento dell’aereo russo Su-24. da parte della Turchia. Nel corso della conferenza stampa assieme al suo omologo francese, Francois Hollande , Obama ha sostenuto che “la Turchia, come qualsiasi paese, ha il diritto di proteggere il suo territorio ed il suo spazio aereo”.
Anche la NATO ha confermato la versione turca dell’incidente ed ha invitato i due paesi ad abbassare la tensione.
Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha annullato la sua visita prevista in Turchia ed ha invitato i concittadini russi a non recarsi nel paese ottomano anche per l’aumento delle minacce terroristiche che arrivano dal territorio turco.
Lavrov ha sostenuto che la Turchia appoggia di fatto i gruppi terroristi in Siria ed in Iraq anche con l’acquisto e lo stoccaggio del petrolio e dei suoi derivati che viene estratto illegalmente dallo Stato Islamico nei pozzi sotto il suo controllo.
Le complicità della Turchia con i gruppi terroristi sono evidenti ed confermate da tempo.
Nonostante questo la NATO dimostra divoler appoggiare in toto la Turchia che ha dimostrato di essere il paese che funge da retroterra per i gruppi terroristi in Siria.
Gli osservatori notano che il livello di tensione raggiunto fra i due paesi (Russia e Turchia) non ha precedenti.
Fonte: Telesur
Traduzione e sintesi: Luciano Lago
tramite http://www.complottisti.com/la-russia-smonta-la-versione-della-turchia-sullabbattimento-del-su-24/

Nessun commento:

Posta un commento