Translate

lunedì 23 novembre 2015

Occidente, petrolio, propaganda, dominio ed altri inganni

La tragedia di Parigi rappresenta un fatto di eccezionale gravità, perché ha coinvolto persone totalmente estranee ad ogni ideologizzazione e sorprese in un momento di vita quotidiana.  Le vittime sacrificali di questo eccidio sommuovono la coscienza, la mettono in subbuglio, perché si tratta di qualcosa che la nostra ragione ci fa comprendere è accaduto in casa nostra. Non segue a questo pensiero una considerazione "buonista", che aggravi la coscienza con il senso di colpa del non saper avvertire lo stesso dolore per quel che ogni giorno accade in Siria.  Sarà eticamente importante, ma non è questo il punto che trasforma un sentimento in un pensiero politico.  La soglia di trasformazione è data dal pensiero: cui prodest? a chi serve? chi ne trae vantaggio? 

simon elliott 05b70E' possibile trascurare il fatto che gli autori dell'attentato, di quest'ultimo del 13 novembre come di quello alla redazione di Charlie Hebdo del 7 gennaio sono stati realizzati da musulmani di seconda generazione, residenti in Francia e in Belgio.

E' del tutto inopportuno trarre facili conseguenze o proporre semplificazioni inadeguate. Tuttavia, chi scrive non può dimenticare di aver girato buona parte del Medio-Oriente e, per quanto l'età d'oro di un mondo musulmano che voleva in tutto e per tutto emulare il modello di vita occidentale si sia appannato dopo l'ingiusta operazione contro Saddam Hussein (accusato di avere armi chimiche, secondo un castello di accuse costruito ad arte da Dick Cheney e Valerie Plame per giustificare l'intervento militare a sostegno dei petrolieri voluto da Bush), tuttavia è indiscutibile che la stragrande maggioranza, per non dire pressochè la totalità di coloro che vivono nei Paesi del Medio Oriente, null'altro vogliono che vivere tranquilli e in pace.
Cos'ha fatto dunque l'Occidente nel momento in cui la Tunisia, l'Egitto, persino lo Yemen hanno chiesto, con i movimenti della cosiddetta Primavera Araba, hanno chiesto democrazia e libertà?  Nulla, proprio nulla.  Niente.  Anzi, no. L'Occidente ha colto l'opportunità di operare lo sfruttamento delle risorse del Medio Oriente in modo ancora più cinico.

E' evidente che l'Occidente non vuole la democrazia e l'emancipazione dei popoli che intende piuttosto dominare e sfruttare.  I disordini all'interno di questi Paesi permettono di attuare la più classica delle politiche di sfruttamento: divide et impera.  I militari presidiano i giacimenti petroliferi, l'estrazione del greggio avviene pressoché gratuitamente.  Le popolazioni sono messe le une contro le altre, e si guadagna anche dalla vendita delle armi.  Si saccheggiano le fortezze. Si trafugano opere d'arte.  Gli eserciti regolari fanno la loro parte. Al resto ci pensano le truppe mercenarie.

Eccoci al punto.  Le truppe mercenarie.  Sotto il presidio di garanzia degli eserciti regolari, sono loro che fanno il lavoro sporco.  Sono loro che scambiano armi per droga.  Su questo genere di indagini, per esempio, sono morti Ilaria Alpi e Mauro Rostagno.  Qualcuno ricorderà, spero.  E non c'è bisogno di ricorrere a fonti "esotiche" o di estrema sinistra per sapere che, da quando le truppe occidentali sono stanziate in Afghanistan, la produzione di oppio è decuplicata: è Time a dichiararlo. L'establishment non fa più mistero delle sue nerfandezze, le espone, con la certezza che la notizia, iperinflazionata, sarà notata solo da alcuni, senza giungere alla coscienza dell'opinione pubblica, della coscienza collettiva.

Sapendo questo, risulta così sorprendente l'affermazione che Al-Qaida è stata una struttura sotto controllo CIA, i cui leader sono stati formati e addestrati proprio in questo contesto?  E può sorprendere che la CIA sia sotto controllo da parte di forze occulte come la Pentalfa? E' così impensabile che Bin Laden e Al-Baghdadi siano stati formati da questi ambienti? E, da ultimo, come attualmente circola la notizia sul web, che il sedicente califfo Al-Baghdadi non sia che un agente del Mossad, il cui vero nome è Simon Elliot? E' tutto questo così incredibile?  Oppure, come sempre, la realtà supera la fantasia?

Prima di chiudere questo articolo, due considerazioni vanno svolte.

La prima, avvertendo che quanto qui scritto non si adagia su un facile "complottismo".  Soprattutto, nessuno pensi che qui sia espressa una posizione antisemita e anti-israeliana.  Al contrario, la posizione è certamente filo-israeliana: ma a favore di quell'Israele sognato da quegli intellettuali ebrei che già all'alba del riconoscimento di Israele come stato nazionale, opponevano a questo preteso "trionfo del sionismo" la scelta di un "sionismo spirituale", che rifiutava di immaginare il nuovo Israele come stato nazionale proprio a causa di quel tremendo olocausto che i nazionalismi aveva fatto subire al popolo ebraico che dunque, invece che stato nazionale, avrebbe dovuto essere un protettorato internazionale, sede ospitante di quel che avrebbe dovuto essere "un popolo di sacerdoti", "luce per le nazioni".  Naturalmente, questa idea venne respinta dalla maggioranza.

LA seconda, che rattrista ancor più, è data dal fatto che il ventre molle del capitalismo imperialista si nutre sempre di più di giovani ignari delle conseguenze di quel che fanno, ragazzi come quelli che hanno commesso questi attentati non sono nemmeno consapevoli del fatto che stanno servendo interessi completamente lontani e distanti dai loro e da quelli del loro popolo che, anzi, proprio per quel che hanno fatto, subiranno nuove vessazioni.  Il sistema dei siti web per adescare i cosiddetti "jihadisti" è controllato dalla propaganda militare dei servizi segreti occidentali, e si nutrono di loro, a loro insaputa.

A noi restano leggi liberticide e l'ipocrisia della politica, che distilla l'odio tra le religioni e la divisione tra i popoli.

Ad onta delle anime nobili che continuano a sognare il dialogo tra i popoli, l'educazione e l'istruzione universale come accesso alla vita spirituale di tutti e di ciascuno.

Svegliamoci, è tempo.
Davide Crimi
http://www.movimentoroosevelt.com/redazioni/politica-attualita/357-occidente-petrolio-propaganda-dominio-ed-altri-inganni.html#.VlLmQ27F2G4.facebook

Nessun commento:

Posta un commento