Translate

mercoledì 16 dicembre 2015

Al Qaeda moderata

liwa-al-tawhid
Fonte: Harper’s Magazine –  autore Andrew Cockburn
Nota: Harper’s Magazine  è una rivista mensile di letteratura, politica, cultura, finanza e arte. Apparve negli USA la prima volta nel giugno 1850. È la seconda rivista più antica degli negli Stati Uniti (Scientific American è la più antica).
Nell’estratto che segue, tratto dall’articolo ”A Special Relationship The United States is teaming up with Al Qaeda, again” viene descritto come la distinzione tra al Qaeda e i gruppi moderati è una operazione di ‘rebranding’ puramente lessicale fatta appositamente per l’opinione pubblica. ma totalmente falsa.
Buona lettura   Vietato Parlare
Nel 1996, la CIA ha istituito un’unità speciale per rintracciare bin Laden, guidata dal esperto di antiterrorismo Michael Scheuer. Quando si stabilì in Afghanistan, il capo di Al MichaelScheuer-500x281Qaeda aveva almeno teoricamente rotto con il regime saudita che un tempo lo aveva supportato insieme ad altri jihadisti antisovietici . Tuttavia, Bin Laden sembrava aver mantenuto i legami con la sua terra d’origine – e un po ‘la CIA era sensibile a questo fatto.
Quando ho intervistato Scheuer nel 2014 per il mio libro Catena Kill, mi dissero che una delle sue prime richieste ai sauditi erano concernenti  informazioni di routine sul ricercato: certificato di nascita, documenti finanziari, e così via. Ma non ci fu risposta. E ripetute  richieste non produssero nulla. Infine è arrivato un messaggio  dalla capo della Cia a Riyadh, John Brennan, che ha ordinato di fermare tali richieste  – “.
Cinque anni dopo, Al Qaeda, impiegando una squadra suicida in gran parte saudita, distrusse il World Trade Center. In un mondo sano, con questo disastro sarebbe dovuto finire in modo permanente il vecchio gusto  di Washingtondi miscelare l’Islam con la politica (per fini terzi). Ma le vecchie abitudini sono dure a morire.
Nella primavera e nell’estate dello scorso anno, un gruppo che si fa chiamare Jaish al-Fatah – l’Esercito della Conquista -(una coalizione di gruppi ribelli siriani che costituiscono una grave minaccia per il regime di Assad ), ha attaccato la provincia nord-occidentale di Idlib .
Ahrar al-Sham
Ahrar al-Sham
A guidare l’attacco è stato ramo siriano di Al Qaeda, conosciuto localmente come Jabhat al-Nusra (Fronte Nusra).
L’altra componente importante della coalizione era Ahrar al-Sham, un gruppo che si era formato nelle prime fasi della rivolta anti-Assad e cercato ispirazione per altri che Abdullah Azzam.
Dopo la vittoria, Nusra massacrò venti membri di fede drusa, considerata eretica dai fondamentalisti, e costrinse il drusi rimanente a convertirsi all’Islam sunnita. (La popolazione cristiana dell’area era saggiamente fuggita.) Ahrar al-Sham nel frattempo ha pubblicato i video delle fustigazioni pubbliche inflitte  a quelli che saltavano la preghiera del venerdì.
Questa potente alleanza di milizie della jihad si era formata sotto gli auspici dei principali sostenitori della ribellione: Arabia Saudita, Turchia e Qatar. Ma ha anche apprezzato l’approvazione di altri due giocatori importanti. All’inizio dell’anno, leader di Al Qaeda Ayman al-Zawahiri aveva ordinato ai suoi seguaci di cooperare con gli altri gruppi. Nel mese di marzo, secondo diverse fonti, una “sala di coordinamento” USA-turca-saudita situata nel sud della Turchia   aveva anche ordinato ai gruppi ribelli che si rifornivano di cooperare con Jaish al-Fatah. I gruppi, in altre parole, sarebbero stati inseriti all’interno della coalizione di Al Qaeda.
Pochi mesi prima dell’offensiva Idlib, un membro di un gruppo appoggiato dalla CIA aveva spiegato la vera natura del suo rapporto con il franchise di Al Qaeda. Nusra, ha detto al New York Times, permette alle milizie consentite e controllate dagli Stati Uniti di apparire indipendenti, in modo che esse avrebbero continuato a ricevere rifornimenti americani. Quando ho chiesto a un ex funzionario della Casa Bianca attore della politica della Siria, se questo non era un’alleanza de facto, ha dichiarato: “Non direi che Al Qaeda è il nostro alleato, ma un giro d’affari di armi è probabilmente inevitabile. Sono fatalista a riguardo. Sta per succedere. ”
All’inizio della guerra siriana, i funzionari statunitensi hanno almeno mantenuto la pretesa che le armi venivano incanalati solo ai cosiddetti gruppi di opposizione moderati. Ma nel 2014, in un discorso a Harvard, il vice presidente Joe Biden ha confermato che stavamo armando estremisti, ancora una volta, anche se era ben attento a dare la colpa sugli alleati dell’America nella regione, che ha denunciato come “il nostro problema più grande della Siria”.
Alla domanda di uno studente, ha risposto:
i nostri alleati erano così determinati a mettere giù Assad e che  essenzialmente era una guerra per procura  tra sunniti e sciiti . Quindi  che cosa hanno fatto? Hanno versato centinaia di milioni di dollari e decine, migliaia di tonnellate di armi a tutti coloro che la lottano contro Assad. Solo che le persone che venivano rifornite sono gli elementi estremisti jihadisti provenienti da altre parti del mondo, al-Nusra e Al Qaeda .
La spiegazione di Biden ricorda le scuse ufficiali per l’aiuto ai fondamentalisti in Afghanistan già presentate nel corso del 1980. Quelle scuse sosteneva che i pakistani avevano il controllo totale della distribuzione di armi fornite dagli USA e che la CIA era incapace di intervenire quando la maggior parte di queste armi finirono a personaggi del calibro di Gulbuddin Hekmatyar. Alla domanda sul perché gli Stati Uniti d’America non fermavano le nazioni come il Qatar, con una popolazione di 2.190.000 abitanti, dal rifornire di braccia gli arsenali di Nusra e gruppi simili, un ex consigliere di uno degli Stati del Golfo ha risposto dolcemente: «Non volevano .”
La guerra siriana, che ha finora ucciso verso l’alto di 200.000 persone, è cresciuta a seguito di proteste pacifiche nel marzo 2011, un periodo in cui  movimenti simili stavano spazzando altri paesi
Ahrar al-Sham
Ahrar al-Sham
arabi. L’amministrazione Obama, ha dato il benvenuto a tale recrudescenza tumultuosa . Sembrava rappresentare la definitiva sconfitta di Al Qaeda e del jihadismo radicale, una visione opportunamente riportata riflessa in titolo del New York Times  di quel febbraio: ‘come i regimi cadono nel mondo arabo, cade Al Qaeda. Il presidente aveva appena visto l’uccisione di Osama bin Laden maggio 2011 come il coronamento della sua vittoria . Peter Bergen, esperto di  terrorismo  della CNN, aveva fatto da sponda a questa tesi  che certifica la primavera araba e la morte di Bin Laden come “reggilibri finali” della guerra globale al terrorismo.
Al Qaeda, invece, aveva una diversa interpretazione della primavera araba, che è vista come un fatto del tutto positivo per la causa jihadista. Lungi dalla paura ossessiva che Obama aveva suggerito, al Zawahiri era colmo di ottimismo. I “tiranni” sostenuti dagli Stati Uniti, egli disse dal suo quartier generale sconosciuta, stanno vedendo loro troni crollare allo stesso tempo come “il loro maestro” era stato sconfitto. “Il progetto islamico”, ha dichiarato Hamid bin Abdullah al-Ali, un filantropo di  Al Qaeda con sede in Kuwait, ha detto che al Qaeda stessa sarebbe “la più grande beneficiaria di un ambiente di libertà.”
Mentre le rivoluzioni erano in corso, l’amministrazione Obama si focalizzò  sull’ “Islam moderato”, come l’opzione politica più adatta per le democrazie arabe emergenti – e ha concluso che i Fratelli Musulmani facevano al caso. Questa organizzazione islamista  era stata quella originariamente favorita dagli inglesi come un mezzo per contrastare movimenti di sinistra e nazionalisti nell’impero. Come potenza britannica svanì, altri, tra cui la CIA ei sauditi, furono felici di sponsorizzare il gruppo per lo stesso scopo, incuranti di cosa avrebbe portato il loro programma a lungo termine. (I sauditi, però, hanno sempre avuto cura di evitare che tale organizzazione operi all’interno del loro regno.)
La Fratellanza è infatti l’antenato ideologico dei movimenti islamisti più violenti dell’era moderna. Sayyid Qutb, animatore dell’organizzazione fino a quando fu impiccato in Egitto nel 1966, servì come fonte di ispirazione al giovane Zawahiri per iniziare la sua carriera nel terrorismo. Gli estremisti hanno seguito l’esempio di Qutb nel chiedere un califfato risorto in tutto il mondo musulmano, con un ritorno alle usanze premoderne prescritte dal Profeta.
Nessuna di queste evidenze ha però impedito all’ amministrazione Obama di vedere la Fratellanza come un rappresentante relativamente benigno dell’Islam moderato, non molto diverso dal tipo al potere in Turchia, dove il partito AKP (collegato alla Fratellanza) aveva presieduto quella che sembrava essere una democrazia fiorente e una economia vivace, anche se la tradizione laica del paese era indietreggiata. Come l’autocrazia di Mubarak era stata sbriciolata in Egitto, i funzionari americani avevano attivamente promosso la Confraternita locale; l’ambasciatore statunitense, Anne Patterson, secondo come riferito ha tenuto incontri regolari con la leadership del gruppo. “L’amministrazione è stato motivata a dimostrare che gli Stati Uniti avrebbero trattato con gli islamisti”, mi ha detto l’ex funzionario della Casa Bianca , “anche se il rovescio della medaglia della Confraternita era piuttosto ben compreso.”
vlcsnap-2014-09-13-12h57m59s111-1024x576Allo stesso tempo, che veniva cautamente corteggiata dagli Stati Uniti, la Fratellanza ha goduto di un legame stabile con la cricca dominante in Qatar. Il piccolo paese era sempre desideroso di affermare la propria indipendenza in un contesto regionale dominato da Arabia Saudita e l’Iran. Mentre ospita i militari americani presso la grande base aerea di Al Udeid al di fuori di Doha, il Qatar ha messo un peso finanziario decisivo dietro a quello che hanno osservato come un progetto vincente della politica araba. Erano certi – mi ha detto -l’ex funzionario della Casa Bianca , “che il futuro  era realmente nelle mani degli islamisti,” e che si vedeva “dalla parte  giusta della storia.”
L’opposizione siriana sembrava un candidato ideale per questo tipo di assistenza, soprattutto da quando Assad era da qualche tempo nel mirino degli Stati Uniti . (Il primo e unico governo democraticamente eletto nel paese era stato rovesciato da un colpo di stato istigato della CIA nel 1949 per valere interessi petroliferi americani , i quali erano infastiditi dalla richiesta della Siria per i tendenti ad ottenere termini migliori su un accordo di un oleodotto.) Nel dicembre 2006, William Roebuck, il consigliere politico di l’ambasciata americana a Damasco, ha inviato un messaggio a Washington, poi diffuso da Wikileaks, proponendo “azioni, dichiarazioni e segnali” che avrebbero potuto contribuire a destabilizzare il regime di Assad. Tra le altre iniziative raccomandate è stata una campagna, coordinata con i governi egiziano e saudita, di alimentare l’ allarme esistente tra sunniti siriani circa l’influenza iraniana nel paese.
Roebuck poteva contare su un pubblico ricettivo. Un mese prima, Condoleezza Rice, il segretario di Stato, aveva testimoniato a Capitol Hill che c’era un “nuovo allineamento strategico” in Medio Oriente, che separava gli “estremisti” (Iran e Siria) dai “riformatori” (Arabia Saudita e di altri stati sunniti ). Il sostegno di questi eufemismi diplomatici era qualcosa di più fondamentale. Il principe Bandar bin Sultan, che è tornato a Riyadh nel 2005 dopo molti anni come ambasciatore saudita a Washington, aveva detto senza mezzi termini in una conversazione precedente con Richard Dearlove, il capo di lunga data del britannico MI6. “Il tempo di agire non è lontano in Medio Oriente”, aveva detto Bandar “, quando sarà, letteralmente Dio aiuti gli sciiti. Più di un miliardo di sunniti hanno semplicemente avuto abbastanza.” Le implicazioni erano chiare. Bandar stava parlando di distruggere gli stati sciiti dell’Iran e dell’Iraq, così come  la leadership alawita in Siria.
Eppure i governanti sauditi erano profondamente consapevoli della loro esposizione. La loro corruzione e le altre pratiche irreligiose erano respinti dagli jihadisti, che avevano più volte dichiarato il Screen-Shot-2014-01-24-at-4.23.44-PMloro desiderio di pulire casa per casa. Tali timori erano evidenti a Dearlove in occasione della sua visita a Riyadh con Tony Blair subito dopo 9/11. Come egli ricordò in seguito, il capo dell ‘intelligence saudita gli disse che i recenti attentati di Manhattan e Washington erano stati una “semplice puntura di spillo”, rispetto al caos che gli estremisti si prevedeva stavano per scatenare nella propria regione: “Ciò che questi terroristi vogliono è quello di distruggere il Casa di Saud e di rifare il Medio Oriente! ” (…)
All’inizio del 2012, l’Arabia Saudita, Qatar, Turchia e gli Stati Uniti sono stati tutti fortemente coinvolti nel sostenere la ribellione armata contro Assad. In teoria, il sostegno americano per il Free Syrian Army era limitato ad armi “non letali”  fornite sia dal Dipartimento di Stato che dalla CIA. Il Qatar, che aveva preparato con successo l’opposizione: il Consiglio nazionale siriano con i membri della Fratellanza Musulmana. Un flusso di carichi aerei da trasporto del Qatar decollò da Al Udeid e si diresse verso la Turchia, da dove il loro carico letale è stato spostato in Siria.
“Al Qatar non interessava chi avesse ricevuto le armi”, mi ha detto l’ex funzionario della Casa Bianca . “Erano solo un dono per destinatari fortunati.” Fra i più fortunati erano Nusra e Ahrar al-Sham, entrambi i quali aveva beneficiato di una strategia di rebranding istituito da Osama bin Laden. L’anno prima di essere ucciso, Bin Laden aveva lamentato il danno che stava producendo Al Qaeda in Iraq, con il suo gusto per le decapitazioni e atrocità simili, aveva deteriorato l’immagine della sua organizzazione. Così ha diretto il suo staff media per preparare una nuova strategia che avrebbe dovuto permettere di evitare “ogni cosa che avrebbe avuto un impatto negativo sulla percezione ” di Al Qaeda. Tra le proposte di rebranding discusse al suo compound era il semplice espediente di cambiare nome dell’organizzazione. Tale strategia è stata gradualmente attuata per le nuovi propaggini del gruppo, permettendo così a al Nusra e a Ahrar al-Sham di presentarsi al creduloni come kinder, islamisti dolci.
Il programma di rebranding è stato paradossalmente assistito dal sorgere dello Stato Islamico, un gruppo che si era scisso dall’organizzazione  di Al Qaeda in parte in disaccordo sulla necessità  di migliorare l’ immagine  ingiunta da Zawahiri. Anche se lo Stato Islamico ha attirato molti disertori e guadagnato territorio a spese dei suoi ex partner di al Nusra, la sua reputazione è stata assiduamente caratterizzata dalle estreme crudeltà fatte , tanto  che gli altri gruppi sembrano umani al confronto. (Secondo Daveed Gartenstein-Ross, della Fondazione per la Difesa delle Democrazie, molti membri Nusra sospettano che lo Stato Islamico è stato creato dagli americani “per screditare jihad.”)
L’Arabia Saudita, nel frattempo, è stata guidata principalmente dalla sua virulenta ostilità verso l’Iran,principale sostenitore di Assad, era ansiosa di gettare il suo peso dietro la crociata anti-Assad. Entro dicembre 2012, la Cia stava organizzando invii di grandi quantità di armi, pagati dai sauditi, che sarebbero passate dalla Croazia quindi in Giordania e poi alla Siria.
video-jasad-wahid“I sauditi hanno preferito operare per nostro tramite”, ha spiegato l’ex funzionario della Casa Bianca. «Non avevano una capacità autonoma di trovare le armi. Eravamo gli intermediari, con un certo controllo sulla distribuzione. C’era una illusione implicita da parte degli Stati Uniti che le armi saudite stavano andando a gruppi con un certo potenziale atteggiamento filo-occidentale. “Questa è stata la curiosa illusione che si intratteneva, dato truce cultura dell’Arabia Saudita di austerità wahhabita, nonché le dichiarazioni del segretario di Stato Hillary Clinton, che in un cablo classificato del 2009, dichiarava “i donatori in Arabia Saudita costituiscono la principale fonte di finanziamento a gruppi terroristici sunniti in tutto il mondo.”
Alcuni negli ambienti dell’intelligence sospettano che tale finanziamento è in corso. “Quanti soldi saudita e Qatar – e non sto suggerendo finanziamenti governativi diretti, ma sto suggerendo forse tramite altri sistemi – vengono inviati ad ISIS », chiese Dearlove nel mese di luglio 2014. “Se ISIS è in grado di aumentare così notevolmente nelle aree sunnite dell’Iraq nel modo in cui è fatto di recente deve essere la conseguenza del sostegno di cospicui finanziamenti . Queste cose semplicemente non accadono spontaneamente. “Quelli che sono fatti oggetto degli attacchi dello stato islamico concordano. Alla domanda su cosa si potrebbe fare per aiutare l’Iraq a seguito assalti fulminei del gruppo nell’estate del 2014, un diplomatico iracheno ha risposto: “Bombardare l’ Arabia Saudita.”
Tuttavia, il denaro affluisce, i sauditi certamente hanno finito per essere gli artefici della  coalizione islamista. “I sauditi non armati di al-Nusra”, ha ricordato il consigliere di Stato del Golfo. “Hanno previsto che ci saranno ‘ambizioni da parte delle milizie islamico che appoggiano. Così hanno formato un  esercito rivale chiamato Jaish al-Islam. Questa era l’alternativa saudita – ancora islamista, ma non quella dei Fratelli Musulmani “.
”Dentro Jaish al-Islam in ultima analisi,  non ci sembrano essere un sacco di spazio per i valori occidentali in ordine del giorno del gruppo” ha risposto al principe Bandar, che divenne il capo dei servizi segreti saudita nel 2012,. Il suo leader, Zahran Alloush, era figlio di uno studioso di religione siriana. Ha parlato correttamente ai giornalisti occidentali sui meriti della tolleranza , ma al momento di affrontare i suoi compagni jihadisti potrebbe tornare a questi temi politicamente scorretti, come l’espulsione di massa di alawiti da Damasco . Allo stesso tempo, i giovani sauditi si sono riversati  in Siria, pronti a lottare per qualsiasi gruppo estremista che li avrebbe presi, anche quando questi gruppi iniziarono a combattere tra di loro. Notando l’enorme numero di giovani sauditi sulle linee di battaglia in Siria, un talk-show saudita ha lamentato che “i nostri bambini stanno combattendo da entrambe le parti” – il che significa al Nusra e lo Stato islamico. “I sauditi,” esclamò, “stanno si stanno uccidendo l’un l’altro!”
La determinazione  della Turchia (un alleato NATO) e del Qatar (l’ospite della più grande base americana in Medio Oriente) nel sostenere gruppi jihadisti estremi divenne crudamente evidente alla
Al-Zawahiri nuovo leader di al-Qaeda
Al-Zawahiri nuovo leader di al-Qaeda
fine del 2013. Il 6 dicembre, i combattenti armati Ahrar al-Sham e altre le milizie hanno fatto irruzione nei magazzini di Bab al-Hawa, al confine con la Turchia, e sequestrato forniture appartenenti al Free Syrian Army. Aseguito di questi fatti , si è proceduto ad un incontro di un gruppo di coordinamento internazionale sulla Siria, il cosiddetto London Eleven, che  è stato programmato per la settimana seguente. I delegati degli Stati Uniti, dell’Europa e del Medio Oriente eranoconcrdi sul rilascio di una condanna severa verso gruppo jihadista incriminato.
I turchi e Qatar, però,  hanno categoricamente rifiutato di firmare. Come uno dei partecipanti mi ha detto più tardi, “Tutti i paesi rappresentati della stanza hanno capito che l’opposizione della Turchia allacondanna di Ahrar al-Sham era perché fornivano gli sostegno “. Il rappresentante del Qatar ha insistito che era controproducente  condannare tali gruppi come terroristi. Se gli altri paesi lo faranno così,  il Qatar avvrebbe cessato di cooperare in Siria. La fonte mi ha detto: “Fondamentalmente, dicevano che se li chiamiamo terroristi, possiamo andare a prendere la nostra palla e andare a casa,” . Il delegato Usa ha detto che il Fronte Islamico, un’organizzazione ombrello, sarebbe il benvenuto al tavolo delle trattative – ma Ahrar al-Sham, che è  il suo membro di spicco, non lo avrebbe fatto. I diplomatici discussero, le concessioni negoziate, la lingua impostata. Alla fine la versione finale non conteneva alcuna condanna, e addirittura non parlava di Ahrar al-Sham.
Due anni più tardi, la capacità di Washington di negare quando si trovava di fronte a fatti sconvenienti rimase immutata. Nell’affrontare il predominio di estremisti dell’opposizione siriana, Leon Panetta, un ex direttore della CIA, ha accusato la nostra precedente incapacità di armare quei moderati sfuggenti. Le conseguenze catastrofiche di questo approccio in Libia sono raramente menzionati. “Se fossimo intervenuti più velocemente in Siria”, dice Gartenstein-Ross, “nella migliore delle ipotesi, probabilmente sarebbe stata un’altra Libia. Il che significa che avremmo ancora a che fare con uno stato fallito con conseguenze in altri stati del Medio Oriente e in Europa. ”
al Nusra esegue prigionieri SAA
al Nusra esegue prigionieri SAA
Anche se abbiamo continuato la nostra campagna di saltuari bombardamenti contro lo Stato islamico, Ahrar al-Sham e Nusra stanno guadagnando sempre più la rispettabilità internazionale. Un mese dopo la riunione degli undici a Londra , un gruppo di studiosi della Brookings Institution ha pubblicato in un editoriale la causa della Ahrar al-Sham: “disegnando il gruppo come organizzazione terroristica ciò potrebbe ritorcersi contro  spingendolo completamente nel campo di Al Qaeda . “(è stato senza dubbio una coincidenza che di recente sembra abbia ricevuto, $ 15 milioni di sovvenzioni pluriennali dal Qatar .)
Negli ultimi dodici mesi, altre figure illustri hanno espresso sostegno per un rapporto sempre più stretto con le estensioni ‘rimarchiate’ di Al Qaeda. David Petraeus, un altro ex capo della CIA, ha sostenuto per armare almeno le parti più “moderati” di Nusra. Robert Ford, un ex ambasciatore in Siria e sostenitore rumorosa della causa dei ribelli, ha invitato l’America a “canali aperti per il dialogo” con Ahrar al-Sham, anche se i suoi membri avevano talvolta abbattuti alcuni alawiti e dissacrato siti cristiani. Anche gli affari esteri, una scheda Istituzione cassa di risonanza, ha fatto eco queste nozioni, suggerendo che era giunto il momento per gli Stati Uniti di “ripensare la sua politica nei confronti di al-Qaeda, in particolare la sua mirati di Zawahiri”.
“Dobbiamo cercare di essere chiari con la CIA”, ha detto  il primo ministro pachistano Benazir Bhutto, nel lontano 1993 quando le conseguenze di promozione della jihad stavano già diventando dolorosamente chiare ai suoi sponsor. “Non hanno mai capito che queste persone che stavano addestrando a combattere sovietici in Afghanistan un giorno avrebbero morso  la mano che li nutriva.”
Le cose sono più chiare sul terreno. Non molto tempo fa, lontano dai think tank e sale informative in cui le politiche vengono formulate e filate, un ragazzino nel cuore del territorio Nusra diceva così ad un regista del Vice cin cerca di opinioni  su Osama bin Laden. “Ha terrorizzato e combattuto gli americani”, ha detto con reverenza. Accanto a lui, suo fratello, un bambino ancora più piccolo, ha descritto così il suo futuro: “Voglio diventare un combattente suicida per amore di Dio”. E ragazzi più grandi  che viaggiavano su un autobus è stato chiesto a quale gruppo appartenessero : “Al Qaeda, Al Qaeda”, hanno risposto allegramente.
fonte vietato parlare

Nessun commento:

Posta un commento