Translate

giovedì 24 dicembre 2015

Caro Babbo Natale,di Stefano Davidson.

Caro Babbo Natale,
fa che gli italiani questa notte si addormentino sereni, ma si sveglino consapevoli che la variante di valico con il matteopoldo non ha niente a che vedere, salvo il taglio del nastro. Fu pensata da altri, progettata da altri, contestata da altri e costruita praticamente tutta da altri. Così come che il Grande Inauguratore non c'entrava un beneamato coll'Expò che però ha fatto diventare Expoldo a furia di farsi bello con quello che però, al solito, era stato voluto e conquistato invece da altri. Fa che si destino sapendo che quello che continua a fare parlando dei suoi progetti per opere grandiose sono solo specchietti per le allodole o, se veramente realizzate, versamenti diretti sui conti correnti di Cosa Nostra e Ndrangheta. Fa che costoro si risveglino consapevoli che il ducetto di Rignano delle emergenze del Paese non ne ha affrontata una che sia una, anzi con il giochetto di Banca Etruria ha creato in un sol colpo 130.000 poveri in più, tra l'altro mentendo spudoratamente su quanto dettato dall'UE. Già perché gli incartamenti tra governo italiano e Commissione europea, dicono semplicemente che l'Europa ha sì messo vincoli alle modalità del salvataggio, ma nello stesso tempo che ha lasciato al nostro Governo cioé al matteopoldo il libero arbitrio, e lui ha scelto di agire a danno dei truffati a favore del rallentamento delle indagini affidate a un solo Commissario quando queste potevano e dovevano essere di competenza della magistratura ordinaria che avrebbe potuto giudicare e a sanzionare per direttissima. Qui si parla di persone che hanno perso tutto, che devono sopravvivere. Spero quindi che tutti si sveglino consapevoli del fatto che quanto fatto dal Governo e da Bankitalia va contro le norme della Convenzione Europea sui diritti Umani e che quindi lo Stato, se i truffati ricorreranno in CEDU, potranno denunciare lo Stato. E chi pagherà? I cittadini ovviamente. Vorrei che tutti, al risveglio, avessero capito che quindi, quanto è accaduto, non è stato per colpa dell'UE ma per colpa del solito INELETTO. E poi vorrei che tutti si svegliassero e si ricordassero che il matteopoldo circa un anno e mezzo fa aveva assicurato gli italiani che in tre mesi le Amministrazioni Pubbliche avrebbero onorato i loro debiti nei confronti delle imprese ma... boh? non se ne parla più, chissà?
Quindi, parafrasando Jannacci:
"E l'importante è inaugurare... E l'importante è inaugurare...E l'importante è inaugurare... e se hai in mano solo mosche non lo dir mai a niscùn."
Comunque sia Buon Natale e speriamo che quelli che queste cose non le sanno già le imparino per magia in questa notte.
Stefano Davidson

Nessun commento:

Posta un commento