Translate

domenica 6 dicembre 2015

Generale Wesley Clark dà ragione a Putin: “Tutti sanno che l’ISIS serve gli interessi di Turchia e Arabia Saudita”

resizeL’ex Supreme Allied Commander Europe della NATO dal 1997 al 2000: “Tra tutti c’è sempre stata l’idea che la Turchia stesse sostenendo l’ISIS in qualche modo”
“Cerchiamo di essere molto chiari: l’ISIS non è solo un’organizzazione terroristica, è un’organizzazione terroristica sunnita. Ciò significa che prende di mira gli sciiti. E questo significa che serve gli interessi della Turchia e dell’Arabia Saudita – anche se è una minaccia per loro “, il generale in pensione Wesley Clark
L’ex Supreme Allied Commander Europe della NATO dal 1997 al 2000 e generale americano Wesley Clark ha rivelato in una intervista con la CNN che lo Stato Islamico resta geo-strategicamente necessario per le nazioni sunnite, la Turchia e l’Arabia Saudita, nella loro lotta di potere contro le nazioni sciite, Siria, Iraq e Iran. Il Generale ha spiegato che “né la Turchia né l’Arabia Saudita vogliono un asse Iran-Iraq-Siria-Libano che isoli la Turchia, l’Arabia Saudita e le tagli fuori.”
Quando gli è stato chiesto dal conduttore della CNN se le accuse del presidente russo Vladimir Putin alla Turchia – che starebbe “aiutando l’ISIS” – avessero qualche validità, ha risposto: “Tra tutti c’è sempre stata l’idea che la Turchia stesse sostenendo l’ISIS in qualche modo. Sappiamo che hanno permesso il transito di miliziani. C’è qualcuno che acquista il petrolio che l’ISIS vende; sembra che attraversi il confine turco ma i turchi non lo riconoscono”.
Dopo aver spiegato le rotte del petrolio dello Stato Islamico, Clark si è affrettato a sottolineare che le accuse di Putin circa il sostegno della Turchia all’ISIS non sono del tutto scevre da ipocrisia. La Russia, naturalmente, sostiene l’amministrazione del presidente Bashar al-Assad in Siria contro i gruppi ribelli sostenuti dagli Stati Uniti – nonostante le continue smentite da parte di funzionari degli Stati Uniti che quella particolare il teatro è il suo interesse primario nella regione.
“Putin accusa la Turchia dicendo che sostiene i terroristi, ma la verità è che anche lui appoggia i terroristi. Voglio dire, le tattiche usate dal regime di Assad sono tattiche terroristiche. Stanno sganciando barili bomba su civili innocenti. ”
Clark conclude l’intervista con una dichiarazione che rispecchia il crescente sentimento di molti occidentali stanchi della guerra:
“Non c’è nessun buono – si tratta di una lotta di potere per il futuro del Medio Oriente.”

Nessun commento:

Posta un commento