Translate

mercoledì 9 dicembre 2015

“Nel 2016 finirà l’Europa, nel 2043 il Califfato a Roma”. La profezia della veggente che predisse l’11 settembre


I suoi seguaci erano convinti che possedesse abilità paranormali, e c’è già chi è pronto a scommettere che le sue profezie saranno presto realtà, come l’ultima, tra le più drammatiche: “Nel 2016 ci sarà una guerra che porterà alla fine dell’Europa e nel 2043 il Califfato avrà Roma come epicentro”. Ad affermarlo fu Baba Vanga, al secolo Vangelia Pandeva Dimitrova, una mistica e chiaroveggente bulgara, ribattezzata da molti la ‘Nostradamus dei Balcani’, famosa per aver predetto nel corso degli anni molti avvenimenti funesti, come il crollo delle Torri Gemelle o lo tsunami che nel 2004 si abbatté nel sudest asiatico.
Nata il 31 gennaio 1911 a Strumica, in Macedonia, e morta nel 1996, Baba Vanga condusse una vita normale fino all’età di 12 anni, quando secondo la leggenda, perse misteriosamente la vista durante una grande tempesta. La famiglia la ritrovò diversi giorni più tardi, scrive il ‘Times of India’, con gli occhi chiusi e sigillati da croste con uno strato di sporcizia e polvere. In oltre 50 anni pronunciò centinaia di predizioni, sostenendo che le sue capacità avevano a che fare con la presenza di creature invisibili che non riusciva a spiegare. Secondo i suoi seguaci, Vanga predisse il riscaldamento globale “Un’enorme ondata coprirà una grande costa coperta di persone e città, e tutto scomparirà sotto l’acqua. Tutto si scioglierà, proprio come il ghiaccio”, e lo tsunami di Santo Stefano, quando avvertì che “Le regione fredde diventeranno calde e i vulcani si risveglieranno”.
Di lei si dice inoltre che predisse l’attentato terroristico delle Torri Gemelle. Celebre la frase “Orrore, orrore! I fratelli americani cadranno dopo essere stati attaccati dagli uccelli d’acciaio. I lupi urleranno in un cespuglio e sangue innocente sgorgherà”, o ancora, che abbia indovinato il 44esimo presidente statunitense, “un afro-americano” che sarebbe stato però “l’ultimo presidente degli Stati Uniti”. Tuttavia, molte delle persone che le erano vicine sostengono che la veggente non abbia mai fatto alcune delle profezie che le sono state in seguito attribuite. Tra le più drammatiche, guardando ai recenti attentati di Parigi, la previsione di una guerra nucleare tra il 2010 e il 2016, che porterà all’abbandono dell’Europa. Poco prima della sua morte, nel 1996, ha detto che una ragazzina di 10 anni cieca, che vive in Francia, avrebbe ereditato il suo dono, promettendo che il mondo avrebbe sentito presto parlare di lei.
http://www.complottisti.com/nel-2016-finira-leuropa-nel-2043-il-califfato-a-roma-la-profezia-della-veggente-che-predisse-l11-settembre/

Nessun commento:

Posta un commento