Translate

lunedì 14 dicembre 2015

I Pontefici più scandalosi della storia

70472_l11

Pensavate che le dimissioni del papa fossero una cosa negativa? Cosa ne dite invece di quel papa così malato di sifilide da non poter predicare? O di quello che partecipava ad orge? O di quello che ha avuto un figlio con la sorella?

DIMISSIONI DI BENEDETTO XVI, 2013
Le dimissioni di Benedetto XVI sono state un fulmine a ciel sereno: è stato il primo papa a dimettersi in quasi 600 anni, l’ultimo fu Gregorio XII, che lasciò il pontificato nel 1415 per porre fine ad uno scisma. Il pontefice 85enne annunciò che si sarebbe fatto da parte il 28 febbraio per motivi di salute, citando la sua “incapacità di svolgere adeguatamente il ministero che gli è stato affidato.” Salito al potere nell’aprile del 2005, Benedetto fu una scelta sorprendente: nato in Germania, nel 1927, Joseph Ratzinger, fu membro, durante la seconda guerra mondiale, della Gioventù hitleriana. In qualità di cardinale, Benedetto è stata una delle personalità più conservatrici della Chiesa, fatto che stona ulteriormente se pensiamo al Papa Giovanni Paolo II, notoriamente riformista.
PEDOFILIA NELLA CHIESA AMERICANA, 2001 – OGGI
Ci sono sempre state voci riguardo gli abusi sessuali perpetrati dai preti cattolici americani – con un vescovo che ne parlò addirittura nel 1950 – tuttavia il ruolo della chiesa, nel coprire tali misfatti, emerse solo nel 2002 quando il Boston Globe pubblicò un’indagine approfondita sul sacerdote John Geoghan, sospettato di aver molestato circa 150 bambini in un periodo di 30 anni. Geoghan alla fine, sarebbe stato giudicato in sede penale e condannato a 10 anni di carcere (venne ucciso dopo 2 anni di carcere). Il vero scandalo, però, fu che la chiesa non solo sapeva di Geoghan: lo spostarono di parrocchia in parrocchia, lo mandarono in terapia e cercarono di nascondere la cosa, anche dopo il 1998 (anno in cui tornò laico). Dopo il caso Geoghan, vennero scoperti centinaia di fatti simili anche a Los Angeles, dove la Chiesa accettò di pagare, nel 2007, più di $ 600 milioni alle varie vittime.
PAPA PIO XII E L’OLOCAUSTO, 1940
Il rapporto della Chiesa cattolica con il popolo ebraico è sempre stato tumultuoso: solo nel 1965, il Vaticano, respinse l’idea che gli ebrei furono responsabili della morte di Cristo e non riconobbe Israele fino al 1993. Papa Pio XII, che regnò dal 1939 al 1958, fu a lungo conosciuto come “Papa di Hitler” per non essersi impegnato abbastanza per fermare l’Olocausto, soprattutto da quando ricoprì il ruolo di n ° 2 sotto il regno del precedente papa e prima come delegato in Germania. Al Museo dell’Olocausto nazionale di Israele, un pannello a muro critica la condotta di Pio XII durante la guerra, anche se ha subito un “restyling” nel 2012 per includere i casi in cui la “neutralità” della chiesa ha salvato delle vite. Il Vaticano insiste che Pio usasse una diplomazia silenziosa e che, se avesse parlato pubblicamente, ci sarebbero stati molti più morti. In un libro pubblicato nel febbraio 2013, lo storico britannico Gordon Thomas rivendica il fatto che Pio acconsentì alla creazione di case sicure in Città del Vaticano e che ordinò ai sacerdoti di condurre un’operazione segreta per nascondere gli ebrei.
PUBBLICAZIONE CARTEGGI SEGRETI, 1869-1870
Si scopre che i VatiLeaks non sono gli unici documenti segreti ad essere trapelati nel corso della storia. Al Concilio Vaticano I nel 1869, convocato dal Papa Pio IX per discutere sull’influenza strisciante del razionalismo, del liberalismo, e del materialismo, la Chiesa introdusse quello che sarebbe poi diventato uno dei suoi insegnamenti più importanti: l’infallibilità del papa. A quanto pare, però, la sicurezza del Papa non fu così infallibile: dei carteggi segreti del Concilio finirono pubblicati sui giornali tedeschi.
CHIESA NEGA GALILEO E LA SCIENZA IN GENERALE, DAL 600 AL 1992
Galileo Galilei, scienziato del 16 ° secolo, ha dichiarato che la Terra è un pianeta del sistema solare che orbita intorno al sole. Questo, naturalmente, andava contro gli insegnamenti della chiesa, la quale vedeva la Terra come il centro dell’universo di Dio. Quando Galileo pubblicò le sue scoperte, la chiesa vietò il libro, gli ordinò di comparire davanti all’Inquisizione di Roma. Non ci vuole un genio per capire cosa accadde in seguito: Galileo, 68enne e malato, ritrasse pubblicamente le sue scoperte. Purtroppo, non visse fino al 1822, quando la Chiesa finalmente tolse il divieto sul suo libro. Il Vaticano nel 1960 approvò i risultati di Galileo e nel 1992, Papa Giovanni Paolo II chiese scusa per le azioni intraprese contro Galileo.
PAPA LEONE X E LE INDULGENZE, 1513-1521
Papa Leone X all’inizio del 1500, permise e attivamente incoraggiò, i cattolici a pagare per i loro peccati in modo da ottenere il perdono. Ma non temete, non era del tutto privo di scrupoli: mise prezzi più alti su peccati come l’omicidio e l’incesto. Da questo evento, Martin Lutero, un monaco oltraggiato, creò uno scisma con le sue novantacinque tesi. Il resto, naturalmente, è storia protestante.
PAPA GIULIO II, ACCUSATO DI ATTI OSCENI, 1511
Per iniziare, Giulio rilasciò la dispensa che permise ad Enrico VIII di sposarsi con Caterina d’Aragona, nonostante fosse stata sposata in precedenza. Chiaramente non era un fan del celibato ecclesiastico, Giulio fu padre di almeno una figlia illegittima ed ebbe diverse amanti. Nel 1511, la chiesa lo accusò di atti sessuali osceni, definendolo un “sodomita coperto di ulcere vergognose.” Era noto per trascorrere la maggior parte del tempo con fanciulli e prostituti di sesso maschile, è il primo papa noto ad aver contratto la sifilide. Venerdì Santo del 1508, era così devastato dalla sifilide che non riuscì nemmeno a continuare la Messa. La sua eredità non è tuttavia completamente negativa: un grande mecenate delle arti, Giulio posò la prima pietra della nuova Basilica di San Pietro, era amico di molti grandi artisti del tempo e commissionò a Michelangelo il soffitto della Cappella Sistina.
ALESSANDRO VI, IL PEGGIOR PAPA DI SEMPRE, 1492-1503
Gli storici concordano sul fatto che Papa Alessandro VI sia stato il peggiore tra i papi. Membro della famigerata famiglia Borgia, Alessandro divenne famoso per aver organizzato orge, inclusa la “Giostra delle puttane”, nel 1501, in cui 50 spogliarelliste di epoca medievale si denudarono attorno al papa. Alessandro e la sua famiglia gettavano poi a terra del cibo per far combattere le donne – e l’uomo che faceva sesso con il maggior numero di donne avrebbe ottenuto gioielli e abiti raffinati. Ma non è tutto. Alessandro ebbe sei figli e tre figlie da donne diverse. Morì per una mela avvelenata.
INNOCENZO VIII E L’ETA’ DELL’ORO DEI BASTARDI, 1484-1492
Innocenzo si vantava dei suoi “bastardi”, avendo riconosciuto pubblicamente otto figli illegittimi ( anche se si sospetta che fossero molti di più). Non fece solo sesso, perseguito e ampliò la crociata della Chiesa contro la stregoneria nel 1484.
SISTO IV HA UN BAMBINO CON LA SORELLA, 1470
Pensateci la prossima volta che visitate la Cappella Sistina: è stata commissionata da Sisto IV, il quale aveva sei figli illegittimi, uno dei quali fu il risultato di una relazione incestuosa con la sorella. Raccolse una tassa sulle prostitute della chiesa e incaricò dei sacerdoti di prendersi cura delle amanti, sotto il suo regno crebbe l’omosessualità tra i sacerdoti.
PAPA GIOVANNI XII UCCISE UN UOMO, TRASFORMO’ IL PALAZZO PAPALE IN UN BORDELLO E ALTRO, 955-64
Alessandro VI, forse, avrà offeso Papa Giovanni XII detenendo il titolo di peggior papa della storia. Non solo Giovanni XII era considerato pigro e infantile, fu accusato di invocare demoni, compiere omicidi, mutilare le persone, piromania e gioco d’azzardo. Il suo regno come papa non durò a lungo, morì infatti a circa 25 anni, presumibilmente a letto con una donna sposata. Ah, giusto: è stato anche accusato di aver trasformato il palazzo papale in un “bordello” compiendo adulterio con sua nipote e con la fidanzata del padre.
LA PAPESSA GIOVANNA, LA PRIMA DONNA PAPA. 800
No, questa non è la trama di un romanzo di Louise Erdrich. C’è un racconto mitico di una donna conosciuta come Papessa Giovanna, che nel 9 ° secolo si travestì da uomo e servì come pontefice per due anni. Anche se la Chiesa cattolica respinge in toto questa tesi, ci sono circa 500 cronache che narrano della sua esistenza. Si ritiene sia nata a Mainz, in Germania, la papessa sarebbe stata portata ad Atene “vestita con abiti da uomo procurati da un suo amante.” Da lì, si crede abbia viaggiato verso Roma, dove divenne una cardinale e poi papessa. Com’è stato scoperto il suo segreto? Secondo la leggenda, andò in travaglio a 2 anni e mezzo del suo regno. Qui la storia diventa meno chiara, alcuni dicono che il bambino venne ucciso sul posto (probabile) altri che venne mandata in un convento e suo figlio crebbe fino a diventare vescovo di Ostia (molto improbabile, ma romantico).
UN PAPA NERO, 189-199
Nel passato la maggior parte dei papi erano italiani, tuttavia il papa Vittore I era originario del Nord Africa, e fu certamente d’impatto per la Chiesa: fu lui che cambiò il linguaggio della Messa dal greco al latino. Vittore I da allora è stato canonizzato e la sua festa si celebra il 28 luglio.
http://lastella.altervista.org/i-pontefici-piu-scandalosi-della-storia/

Nessun commento:

Posta un commento