Translate

domenica 6 dicembre 2015

USA si rifiutano di garantire debito Ucraina, Russia pronta a dichiarare default Kiev

Kiev

La stessa Russia aveva formulato un'offerta per spalmare il debito ucraino in 3 anni sotto la garanzia di Stati Uniti, UE o di un'istituzione finanziaria internazionale, tuttavia Washington si è rifiutata di fornire tali garanzie, sottolinea il ministero delle Finanze russo.

Il ministero delle Finanze della Federazione Russa ha confermato di voler citare in giudizio l'Ucraina in caso di inadempienza del suo debito il 20 dicembre, si legge in un comunicato del dicastero russo.
"Nonostante nessuna richiesta ufficiale dell'Ucraina al governo russo in merito alla ristrutturazione del debito sovrano di 3 miliardi di dollari, la Russia ha avanzato un'offerta per spalmare in 3 anni (2016-2018) il rimborso del debito ucraino sotto la garanzia di Stati Uniti, Unione Europea o di una delle istituzioni finanziarie internazionali di prim'ordine", — si legge nel comunicato.
Nel documento si rileva che "abbiamo offerto condizioni ancora migliori di quelle richieste dal Fondo Monetario Internazionale."
"Questa settimana abbiamo ricevuto un rifiuto ufficiale da parte del governo degli Stati Uniti per fornire la garanzia sulle obbligazioni dell'Ucraina. Pertanto non abbiamo altra scelta se non quella di presentare un esposto contro l'Ucraina in caso di inadempienza dei suoi obblighi sul debito il 20 dicembre di quest'anno, fatto che significherebbe il default del debito sovrano ucraino," — sottolinea il ministero delle Finanze russo.
"Inoltre al momento è concreto il rischio che l'Ucraina non riceva la nuova tranche del Fondo Monetario Internazionale per il fatto che finora non è stato approvato il bilancio statale per il 2016, che corrisponda ai parametri del programma del FMI a seguito della mancanza di un progetto concordato di riforme fiscali e di cambiamenti strutturali necessari," — è aggiunto nel comunicato.


Leggi tutto: http://it.sputniknews.com/economia/20151206/1673638/UE-FMI-Finanze-Ristrutturazione.html#ixzz3tYUmTdaE

Nessun commento:

Posta un commento