Translate

domenica 24 gennaio 2016

Giorgio Napolitano riceve il premio per l'alto tradimento .



Ci provano in tutte le maniere a demistificare la realtà.Dopo il premio ricevuto da Kissinger suo collega nella superloggia massonica criminale three eyes ,gli arriva anche il premio "Altiero Spinelli"
Invece di fare il pensionato d'oro è ingaggiato fino all'ultimo respiro.La cessione di sovranità è reato e cedere alla finanza la sovranità nazionale  è doppiamente criminale.
Quelli che dovevano difendere l'Italia sono quelli che l'hanno venduta e re Giorgio Napolitano era ed è uno di questi referenti.Ora hanno paura che tutti i loro nomi e tutte le loro azioni vengano allo scoperto ed ecco che continuano a martellare con li loro stronzate.Da denuncia le parole di Napolitano,come se spiegasse e giustificasse il suo essere traditore.
Credo che sia materiale molto interessante per un magistrato onesto che indagasse sulla vicenda.
Quelli che si riconoscono nella nostra Costituzione sono gli eurodistruttori e bisogna reagire al"al vilipendio continuato che viene rozzamente da quella parte nei confronti delle conquiste dell’integrazione e unità europea".
Può rappresentare il paese uno che vuole distruggerlo?
Voglio sapere come mai su questa questione nessuno grida sveglia? Voglio sapere i deputati che cosa fanno e perchè non chiedono una commissione d'inchiesta se ci fosse un rappresentante dei cittadini,anche uno solo a questo signore gli romperebbe le scatole utti i giorni e chiederebbe tutti i giorni spiegazioni.Quello che ha fatto questo signore non deve passare nel dimenticatoio.E da vivo che deve essere processato e non da morto.Sveglia sveglia sveglia.
Alfredo d'Ecclesia. 




“E’ necessario accompagnare a motivate insoddisfazioni e critiche per il presente stato dell’Unione Europea, l’attenzione a non avallare mai nessun catastrofismo. E’ questo il compito di tutte le forze europeiste”. Lo ha dichiarato il Presidente della Repubblica emerito Giorgio Napolitano, ricevendo oggi a palazzo Giustiniani il premio Altiero Spinelli per il suo impegno europeista.
L’ex capo dello Stato ha ricordato, nel suo intervento, “le profetiche parole di Jean Monnet nel 1976: ‘…oggi, i nostri popoli debbono imparare a vivere insieme sotto regole e istituzioni comuni liberamente consentite se vogliono raggiungere la dimensione necessaria al loro progresso e restare padroni del loro destino. Le nazioni sovrane del passato non sono più il quadro in cui esse possano risolvere i problemi del presente’”.
“Altro che – ha dunque commentato Napolitano – rientro nei confini degli Stati nazionali, altro che rilancio delle sovranità nazionali, come predicano gli euroscettici, gli eurodistruttori. Ed è tempo, aggiungo, di reagire al vilipendio continuato che viene rozzamente da quella parte nei confronti delle conquiste dell’integrazione e unità europea. Reagirvi non solo sul piano della verità storica ma anche valorizzando i passi avanti che pur in questo così tormentato periodo si sono fatti”.
fonte  ADNKRONOS


1 commento:

  1. Nel Medioevo, dopo che uno era morto ma le aveva fatte grosse (come Alto Tradimento, per esempio) se l'aria era cambiata, lo disseppellivano e sottoponevano post mortem il cadavere (come avvenne persino per un Re d'Inghilterra; toccò pure a Pietro d'Abano, accusato di eresia … astrologica!) all'esecuzione della pena dovuta (anche squartamento, c'era) ad aedificationem populi.
    Quindi potrebbe esserci sempre qualche speranza per qualcuno ...

    RispondiElimina