Translate

martedì 12 gennaio 2016

Marò e pena di morte: nessuno finga di non sapere

Come sempre il contributo di Luigi Di Stefano è preziosissimo e dice quelle cose che nessuno vuole sentire altrimenti cadrebbe nel vuoto l'interessamento nei confronti dei nostri fucilieri della marina.
1)Questo governo è assente totalmente assente come quelli che lo hanno preceduto
2)E' già un miracolo che hanno ricorso all'arbitrato internazionale ma non sono riusciti a fare un'azione degna di nota.Come già sottolineato dal sottoscritto nell'articolo "Che fine ha fatto la diplomazia italiana?"Non esiste più azione diplomatica diciamocelo senza giri di parole.L'ultimo ministro degli esteri che abbiamo avuto degno di questo nome è stato Giulio Terzi .Dopo di lui il niente.La Sorosiana Bonino e il pacione Gentiloni non sono definibili da un punto di vista diplomatico,sono dei pupazzi portatori di interessi altri,non possono perdere tempo nemmeno a ricordare i nomi(vedi Bonino).
3)Tutte le azioni e le non azioni prodotte da questo governo e dai precedenti sono legate solo ed esclusivamente al beneficio di un mondo terzo,non appartenente all'Italia e agli italiani e per qiesto altro mondo che si producono pensieri ed azioni.
Bastava denunciarla all'Onu l'India e si sarebbe risolto,bastava minacciare il ritiro dA TUTTE LE MISSIONI INTERNAZIONALI.
Terzi li aveva riportati ue volte in Italia perchè li hanno fatti rientrare. Vi ricordate tutto il casino sulla parola di un italiano?  I De Mistura i Padellaro Pisani,nessuno ha aperto bocca tutti a celebrare questo sistema vigliacco e traditore .Tutto quello che è stato e che non è stato fatto è documentato.Si aspettano processi e commissioni senza guardare in faccia nessuno...nel frattempo torno a dirlo e ripeterlo fino a quando non si risolve questa questione Latorre rimane in Italia voglio vedere chi è il coglione che vuole rimandarlo in India gli accordi con i banditi non si fanno .Girone viene nominato diplomatico e deve tornare subito in Italia .
Poi intervenisse l'Onu ,la Nato,Quella barzelletta chiamata Europa saltassero tutti gli accordi internazionali,a non non ce ne frega niente e si chiudessero le relazioni diplomatiche con l'India.
Quegli imprenditori che amano fare affari con l'India ,si trasferisserò la tanto dei cazzi loro non sappiamo che farcene.
Alfredo d'Ecclesia



latorre-gironeRoma, 12 gen – Fra pochissimi giorni avremo due appuntamenti importanti sulla vicenda dei due Marò che tuttora, senza nemmeno il deposito dei capi di accusa, dopo quattro anni sono ancora sotto la giurisdizione indiana:
– Sabato 16 gennaio Massimiliano Latorre, da circa un anno in Italia per curare i postumi di un ictus, dovrebbe tornare in India: gli è scaduto il “permesso”
– Lunedi 18 il Tribunale Internazionale dell’Aia dovrebbe pronunciarsi sulla richiesta italiana di far rientrare dall’India Salvatore Girone. O meglio sottrarre i due dalla “giurisdizione penale indiana” a cui sono ora sottoposti. Questa richiesta italiana era già stata inoltrata al Tribunale del Mare di Amburgo ma non accolta.
Nel frattempo, da Agosto 2015 a oggi, abbiamo terminato l’analisi tecnico-giudiziaria dei variAllegati (Annexes) depositati a Amburgo il 6 agosto 2015 dal rappresentante della Republic of India (dico “abbiamo” per ringraziare ancora una volta chi ha collaborato e sta collaborando con me). Allegati che avrebbero dovuto dimostrare la colpevolezza dei due accusati ma che si sono rivelati un clamoroso autogol certificando limiti, omissività e inconsistenze delle accuse. E questo lo sappiamo da mesi dall’analisi dei singoli documenti via via rese pubbliche (e verificabili sui documenti giudiziari indiani finalmente usciti dalla cassaforte). Ma dall’esame degli ultimi Annex analizzati, quelli relativi alle “testimonianze” è emerso che lo sproloquio indiano del 6 Agosto (i Marò sono colpevoli e l’Italia cerca compassione) era funzionale ad andare a processo utilizzando la legge antipirateria SUA Act, per mezzo delle “testimonianze-fotocopia” abborracciate in tutta fretta il 1 agosto 2015 per inserirle come allegato nelle “Osservazioni scritte” del 6 Agosto.
Andare a processo col Sua Act consentirebbe all’accusa di andare a processo senza produrre le prove della colpevolezza (che mancano totalmente) e di rovesciare l’onere della prova sugli accusati. Come ai tempi della caccia alle streghe (trovate tutto nei link). Pochi lo possono capire, solo chi ha maturato una conoscenza approfondita della vicenda. Ma non è la prima volta che le autorità indiane giocano sull’ambiguità abilmente sostenuta dalle autorità italiane per mantenere i due militari con il collo nel capestro (sempre per mantenere aperti i lucrosi maneggi commerciali delle Prime Tessere e gli scambi quattrini-armi). La prima volta è stato quando Latorre e Girone furono rispediti in India a fronte di “rassicurazioni” indiane che non sarebbe stata applicata la pena di morte, con frasi che invece ne ribadiscono l’applicabilità (vedi il documento originale dell’Ambasciata indiana).
Questo il diario dei fatti del 2013
–  21 marzo 2013India, i maro' escono dal carcere di Trivandrum per incontrare le loro famiglie







La Presidenza del Consiglio dei Ministri annuncia che l’Italia ha avuto garanzie circa la non applicabilità della pena di morte agli imputati senza le quali non avrebbe permesso il loro rientro in India al termine della licenza elettorale. In realtà la nota che il sottosegretario Staffan de Mistura sventola in udienza parlamentare, asserendo che il governo indiano ha fornito all’Italia una “assicurazione scritta ufficiale” sulla non applicabilità della pena di morte nei confronti dei due fucilieri si limita ad una sola frase, diplomaticamente ambigua che non garantisce ne esclude nulla:

 “Per la consolidata giurisprudenza indiana, questo caso non ricade tra quelli che attirano la pena di morte, che è come dicono il più raro dei rari casi. Pertanto, non è necessario essere in apprensione al riguardo“.
–  22 marzo 2013
I due militari rientrano a Delhi.
–  

23 marzo 2013

Il ministro degli Esteri indiano, Salman Khurshid, dichiara in parlamento: “Che il loro processo in India non rientra nei casi in cui è prevista l’applicazione della pena di morte” ma anche che “non c’è stato nessun accordo, né ci sono state garanzie” nei colloqui fra i due governi volti a permettere il ritorno dei marò in India.

 Il ministro della Giustizia indiano, Ashwani Kumar, in un’intervista afferma che non è stata data alcuna garanzia sulla non applicazione della pena di morte al governo italiano.
– 28 marzo 2014

Viene ammesso un ricorso italiano in merito all’esclusione della SUA Act dal caso, ma ad oggi in merito nessun pronunciamento definitivo è stata emesso dalle Corti indiane.
Ora è facilissimo verificare che il 1 Agosto 2015 sono state abborracciate le famose “testimonianze fotocopia” di tre pescatori indiani (Kinserian, Freddy e Adimal) per poterle inserire nello sproloquio del 6 Agosto a Amburgo (le Osservazioni Scritte, quelle della compassione) dove i tre testimoni miracolosamente hanno riconosciuto i volti di Girone e Latorre che sparavano a 300 metri di distanza e dall’ala di plancia di dritta alta 23 metri (un palazzo di sette piani!) Queste testimonianze completano quelle rese a marzo 2013 da tre imbarcati sulla Enrica Lexie (Vitelli, Gupta e Samson) che altrettanto miracolosamente vedono che era un peschereccio, non c’erano persone armate, non c’erano scale e nemmeno ganci da abbordaggio (gli hanno fatto la radiografia). Ma, altrettanto miracolosamente non leggono il nome “St. Antony” lungo due metri e dipinto sulla fiancata. (http://www.seeninside.net/piracy/it-alle2.htm#c1)
Quindi i nostri militarrenzii non sono stati protagonisti di un incidente in mare (e quindi in giurisdizione del Tribunale Internazionale) masono dei criminali comuni, volgari assassini che senza preavviso (Kinserian, Freddy, Adimal) hanno sparato contro persone disarmate che non costituivano nessuna minaccia (Vitelli, Gupta, Samson). C’è tutto quello che serve per applicare la Sez.3 del SUA Act e andare a processo senza esibire neanche le prove a carico dei due accusati (che non esistono). E la Sez. 3 del Sua Act prevede l’automatica condanna a morte in caso di colpevolezza, potete verificare.
Che facciamo, la seconda del governo Monti? Facciamo tutti finta di niente per non turbare il cash flow dall’India sui conti correnti delle Prime Tessere? Ma poi i 30 Denari li distribuite o rimangono tutti in Svizzera? Io non ci voglio neanche pensare che dopo aver avuto finalmente il coraggio di ricorrere al Tribunale Internazionale, liberandoci dalla ignomignosa condotta cominciata con Monti, ora il governo Renzi faccia altrettanto. Non ci voglio neanche pensare, ma attenti perché non vi facciamo vendere più all’India nemmeno un archibugio d’epoca e quando viene il paperone siderurgico indiano a comprarsi l’Ilva, lo andiamo ad accogliere a mattonate. Nei gruppi Pro-Marò su facebook siamo ormai quasi centomila, qualcuno che mi accompagna lo trovo.
Luigi Di Stefano
http://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/maro-e-pena-di-morte-nessuno-finga-di-non-sapere-37871/

Nessun commento:

Posta un commento