Translate

giovedì 14 aprile 2016

Coldiretti: «avanti col patto transatlantico ma tutelando il Made in Italy»

untitled350
Cari agricoltori strappate la tessera della coldiretti invece di difendere il made in Italy si sono venduti alle multinazionali.
Alfredo d'Ecclesia


Paolo Voltini, rappresentante di Coldiretti Lombardia ha incontrato a Milano Sharon Bomer Lauritsen, rappresentante americano per il negoziato con l’Unione Europea sul TTIP, l'accordo per l'area di libero scambio fra Usa e Ue.
TTIP, è un trattatao di liberalizzazione commerciale transatlantico ed ha il compito di abbattere dazi e dogane tra Europa e Stati Uniti cercando di rendere il commercio più veloce tra i due continenti, ma con l'obiettivo di tutelare le produzioni tipiche e gli elevati standard di qualità e sicurezza alimentare dell’agroalimentare Made in Italy, un sistema che garantisce sicurezza ai consumatori e distintività ai nostri prodotti.
Questa è la posizione espressa da Paolo Voltini, rappresentante di Coldiretti Lombardia e Presidente di Coldiretti Cremona, durante il vertice tenutosi a Milano con Sharon Bomer Lauritsen, rappresentante americano per il negoziato con l’Unione Europea sul TTIP, l'accordo per l'area di libero scambio fra Usa e Ue.
Il rappresentante americano, confermando il clima costruttivo dell'incontro con Coldiretti, ha sottolineato i potenziali benefici del TTIP in termini di tutela e supporto alle piccole e medie imprese, che rappresentano la fetta maggiore di produttori nel settore agroalimentare. Il confronto sul TTIP, conclude Coldiretti Lombardia, va portato avanti tenendo conto della necessità di tutelare l'identità e il valore dei veri prodotti Made in Italy. 

“Dobbiamo tutelare le produzioni tipiche e gli elevati standard di qualità e sicurezza alimentare dell’agroalimentare Made in Italy, un sistema che garantisce sicurezza ai consumatori e distintività ai nostri prodotti”. Questa la posizione espressa da Paolo Voltini, rappresentante di Coldiretti Lombardia e Presidente di Coldiretti Cremona, durante il vertice tenutosi a Milano con Sharon Bomer Lauritsen, rappresentante americano per il negoziato con l’Unione Europea sul TTIP, l'accordo per l'area di libero scambio fra Usa e Ue.

"L'incontro – spiega Voltini – è stata una dimostrazione di attenzione verso le specifiche esigenze degli agricoltori. Abbiamo bisogno di una vera tutela dei prodotti legati al territorio – continua il rappresentante di Coldiretti Lombardia – sia in un’ottica di valorizzazione delle produzioni Made in Italy sia per continuare ad  assicurare ai tutti consumatori, italiani e americani, le adeguate garanzie fornite dagli elevati standard dei prodotti agroalimentari del nostro Paese”.

Il rappresentante americano, confermando il clima costruttivo dell'incontro con Coldiretti, ha sottolineato i potenziali benefici del TTIP in termini di tutela e supporto alle piccole e medie imprese, che rappresentano la fetta maggiore di produttori nel settore agroalimentare. Il confronto sul TTIP - conclude Coldiretti Lombardia - va portato avanti tenendo conto della necessità di tutelare l'identità e il valore dei veri prodotti Made in Italy.
 fonte http://www.valtellinanews.it/articoli/Coldiretti-avanti-col-patto-transatlantico-ma-tutelando-il-Made-in-Italy-20160413/



Nessun commento:

Posta un commento