Translate

lunedì 11 aprile 2016

Renzi boicotta il referendum sulle trivelle


“IO SPERO CHE QUESTO REFERENDUM CHE POTREBBE BLOCCARE 11000 POSTI DI LAVORO FALLISCA” Bravo Renzino, io spero invece che la forza pubblica, come succede per tutti i comuni mortali, ti venga ad arrestare così si finisce il chiasso una volta per tutte e la smetti di andare a giro a sparare cavolate. Il Testo unico sulle elezioni all’articolo 98, ripreso dalla legge che regola i referendum, vieta ai pubblici ufficiali ed in questo caso non c’è un publico ufficiale più pubblico ufficiale di un capo di governo, di interferire con le operazioni di voto. È punito con una pena detentiva da 3 mesi a 6 anni qualunque pubblico potere «si adoperi per indurre gli elettori all’astensione». E ci sono anche le prove, l’hanno sentito tutti. Dall’altro canto questo referendum è positivo per essere abrogativo di una legge sull’uso e le concessioni per le trivellazioni di petrolio nel nostro mare ma è anche limitato alle trivellazioni entro le 12 miglia e solo per quelle a venire, escluso quelle già in atto. Quindi oltre le 12 miglia possono trivellare quanto vogliono e entro le 12 miglia chi ha le concessioni può continuare. E’ aria fritta. Se si pensa che l’ultima nostra chance come nazione è la bellezza del nostro territorio perchè tutto il resto ce lo hanno già tolto, altro che arresto, tutto il parlamento di illegittimi, conniventi e venduti dovrebbero essere rinchiusi a vita in un bunker sotto terra e buttata via la chiave.
A.C.
fonte  http://veritanwo.altervista.org/2095-2/


Nessun commento:

Posta un commento