Translate

sabato 21 maggio 2016

Il maledetto ducetto dichiara che se a Ottobre perderà il referendum andrà a casa per "serietà". Di Stefano Davidson


Il maledetto ducetto dichiara che se a Ottobre perderà il referendum andrà a casa per "serietà". Vorrei che fosse un po'più pubblico che a casa il matteopoldo ci doveva già essere da 1 anno e 10 mesi e che quanto sta accadendo (supportato da chi, nonostante nominato abusivamente
invece dovrebbe difendere la Costituzione ma fa lo gnorri ) è in aperta violazione di quanto stabilito dalla Corte Costituzionale che, pur dichiarando l’incostituzionalità del Porcellum, consentì espressamente alle Camere di continuare ad operare e a legiferare, non però in forza della legge
elettorale dichiarata incostituzionale, bensì grazie a un principio fondamentale del nostroordinamento conosciuto come il «principio di continuità dello Stato». La Corte richiamò due esempi di applicazione di tale principio: la prorogatio dei poteri delle Camere, a seguito dellenuove elezioni, finché non vengano convocate le nuove (art. 61 Cost.); la possibilità delle Camere
sciolte di essere appositamente convocate per la conversione in legge di decreti legge (art. 77 comma 2 Cost.). Ebbene, in entrambe tali ipotesi, il «principio fondamentale della continuità delloStato» incontra limiti di tempo brevissimi, non più di tre mesi.
RIPETO: chi governa lo fa abusivamente con la complicità di chi ancora più abusivamente sta al Quirinale eletto grazie ai 150 voti di chi in Parlamento lui stesso aveva dichiarato non poteva più stare.
Esiste ancora chi sa fare 2+2 e leggersi un po' di Storia delle ascesa al potere dei regimi totalitari?
Stefano Davidson

Nessun commento:

Posta un commento