Translate

venerdì 20 maggio 2016

La NATO del commercio, in Europa e in Asia, è condannata

La NATO del commercio, in Europa e in Asia, è condannata

Il presidente degli Stati Uniti (POTUS) è disperato. Allegato A: il suo articolo con cui difende il trattato Trans-Pacific Partnership (TPP), la versione asiatica dell’esteso “fulcro” bicefalo della Commercial-NATO.
La versione europea è naturalmente il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP).
POTUS inquadra [in inglese, NdT] il TPP, così come il TTIP, nei termini di un’espansione benigna delle esportazioni statunitensi, e di un “colpo giusto” quando le aziende private (USA) “competono con le imprese statali”. “Giusto”? In realtà, no. Vediamo come funziona il meccanismo concentrandoci sul gemello europeo del TPP.
Con impeccabile scelta di tempo, quasi in contemporanea all’articolo di Obama, la sezione olandese di Greenpeace hadiffuso [in inglese, NdT] 248 pagine di documenti riservati del TTIP che erano in ulteriore discussione fra i negoziatori la settimana scorsa a New York. In quasi tre anni, ci sono stati finora non meno di tredici incontri per i negoziati sul TTIP.
documenti [in inglese, NdT], discussi in assoluto segreto fin dal 2013, rappresentano all’incirca due terzi del testo finora negoziato. Una serie di studi dettagliati, come questo [in inglese,NdT], ha avvertito sullo stato corrente delle cose. Il velo di segretezza è risultato essere la ciliegina finale sulla tossicità del TTIP. Prima che gli olandesi di Greenpeace rilasciassero i documenti segreti, i rappresentanti europei legittimamente eletti potevano esaminare questi documenti solo sotto sorveglianza della polizia, in una camera di sicurezza, senza poter accedere ad esperti e, inoltre, non potevano discuterne il contenuto con chicchessia.

Ti stritolerò con i miei OGM

Tutto quello che, da tre anni, la società civile in Europa ha discusso, e temuto, è stato confermato: questo è un sofisticato e tossico imbroglio aziendale pilotato dagli USA, un assalto concertato su tutto lo spettro, dalla conservazione ambientale ed animale ai diritti sul lavoro e la riservatezza in Internet. In poche parole, il tutto serve alla galassia di imprese USA per spingere in basso, o rimuovere, una serie di protezioni per il consumatore.
TTIP Escobar 2Gioco duro, prevedibilmente, è il nome di questa partita. Washington minaccia, niente meno, di bloccare le importazioni di auto europee per costringere la UE a comprare frutta e vegetali geneticamente modificati. Nei miei viaggi in Francia, Spagna ed Italia degli ultimi due anni, ho avuto conferma che questo è l’incubo peggiore espresso dai professionisti dell’agricoltura artigianale di fascia alta.
Prevedibilmente, la Commissione Europea (CE), infestata da lobbisti, difende ferocemente il TTIP, sottolineando che esso può beneficiare all’economia della UE per 150 miliardi di dollari all’anno, e aumentare le esportazioni di auto del 149%. Naturalmente non aspettatevi che la CE colleghi queste “esportazioni di auto” all’invasione, guidata dagli USA, di OGM in Europa.
Alcune nazioni si sono finalmente svegliate dal torpore (indotto dai loro lobbisti aziendali). Il Ministro Francese per il Commercio Estero, Matthias Fekl, ha detto che i negoziati per un “brutto accordo” dovrebbero cessare. Lui è andato diritto al punto, incolpando l’intransigenza di Washington: “Non ci può essere nessun accordo senza la Francia e, ancor meno, contro la Francia”.
Il Presidente Francois Hollande, perennemente incapace, ha minacciato, da parte sua, di bloccare del tutto l’accordo. Tre anni fa, Parigi si è assicurata [in inglese, NdT] una esenzione per evitare che l’industria cinematografica francese venisse inglobata da Hollywood. Ora siamo sul cruciale fronte agricolo. Hollande ha detto che non accetterà mai di “indebolire i principi essenziali della nostra agricoltura, delle nostre coltivazioni, del reciproco accesso ai mercati pubblici”.
E che sta facendo la CE, che guida i negoziati per conto della UE? Sta spingendo il suo prevedibile cavallo di Troia: questi sono tutti “titoli allarmistici” ed è “una tempesta in un bicchier d’acqua”. I perplessi cittadini della UE, in massa, potrebbero domandarsi se è veramente questo il modo in cui la CE, un gigantesco apparato burocratico di Bruxelles, debba difendere gli interessi dei consumatori della UE. Eppure, infiltrata com’è dal lobbismo aziendale, la CE semplicemente non può proteggere dalle aziende americane, determinate ad interferire con le leggi della UE su tutta la linea normativa, gli standard della UE su ambiente e salute, molto più sofisticati di quelli americani.

Ho avuto un’offerta che non si può rifiutare

Lo scorso mese, in Germania, POTUS era impegnato pesantemente nella campagna per il TTIP. POTUS crede ancora di poter portare a casa un accordo prima di lasciare l’ufficio nel gennaio del 2017. Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha cercato di fare buon viso a cattivo gioco quando ha detto che la diffusione dei documenti segreti non ha un “impatto materiale” sui negoziati. Sbagliato, ce l’avranno, stanno infatti mobilitando l’opinione pubblica in tutta la UE.
Anche David Cameron, nel Regno Unito, è in imbarazzo. Lui è fieramente a favore del TTIP. Ma Obama ha già avvertito, e questo vuol dire niente Brexit. Le Nazioni del Club Med, da parte loro, tendono ad essere contro. Tutte le 28 nazioni membri della UE, più il Parlamento Europeo, devono ratificare il TTIP prima che l’accordo sia firmato.
Il TTP è stato invece già negoziato. Ma non è stato approvato dal Congresso USA (né dalle nazioni del Pacifico). Il processo di approvazione si è arenato, la sua sorte sarà in effetti affidata a Hillary Clinton o a Donald Trump. Trump è probabilmente ignaro dei dettagli del TTP ma, considerando che l’accordo è pesantemente spinto da Obama, potrebbe essere contrario.
Potrebbe essere impostata una vertenza sul fatto che entrambi gli accordi mirano a distorcere i mercati, a sostenere i monopoli (statunitensi), a trasferire lavori ai mercati schiavistici del lavoro (come nel caso di parte dell’Asia), a calpestare i diritti d’autore ( nel caso della UE), a facilitare l’evasione fiscale, e, in definitiva, a trasferire più ricchezza dalle moltitudini allo 0,0001% della popolazione.
E questo ci porta al come i due trattati sono visti da Hillary Clinton, il candidato di Wall Street e delle élite statunitensi. Bene, lei ha sostenuto sia il NAFTA che il CAFTA, approvati da Bill Clinton negli anni ’90. Come Segretario di Stato, ella ha fatto campagna per l’accordo commerciale con Panama. E, fondamentale, lei ha sempre trattato il TTP come fosse il “gold standard”. Non c’è da meravigliarsi, questo è il braccio commerciale del “fulcro sull’Asia” a cui è così affezionata, un accordo commerciale con le nazioni del Pacifico che esclude la Cina, la stessa che, per caso, è il partner commerciale più importante di gran parte delle nazioni dell’Asia.
Inoltre, quelle famose conferenze per la Goldman Sachs sono viste sempre di più come pagamento per servizi resi (e promessi) da Hillary Clinton a quello 0,0001% che, per caso, è naturalmente favorevole dell’espansione globale dell’America aziendale.

Però non è ancora detta l’ultima parola fino al canto delle urne a novembre. Hillary affronta adesso lo scrutinio degli elettori delle classi lavoratrici. Così non meraviglia che, con un altro magistrale voltagabbana, adesso lei si dipinga come oppositrice sia del TTP che del TTIP.
Inoltre, almeno il TTP può essere approvato nel dopo elezioni, durante la sessione “a papera zoppa” del Congresso USA. Per quanto riguarda il TTIP, esso è ora impantanato nella zona degli Zombie. Ecco cosa ci vuole all’amministrazione Obama per imprimere la sua “eredità” nei libri di storia: ricattare sia gli europei che gli asiatici come se fosse un qualsiasi racket delle estorsioni da piccola criminalità.
*****
Articolo di Pepe Escobar apparso su RT il 4 Maggio 2016
Traduzione in Italiano a cura di Fabio_San per SakerItalia.it

Nessun commento:

Posta un commento