Translate

sabato 28 maggio 2016

“L’UE È SEMPRE STATA UN PROGETTO DELLA CIA”

Il fatto che gli Usa, con Obama che si è chiaramente espresso in violazione della sovranità interna del Regno Unito, si sia attivamente schierato contro la Brexit è normale scrive il Telegraph a firma Ambrose Evans Pritchard.

Del resto “l’integrazione europea fin dall’inizio è stato un progetto di Washington”, riporta il giornale britannico che menziona documenti resi pubblici dal Dipartimento di Stato della CIA, i quali mostrano come gli Stati Uniti abbiano segretamente finanziato per decenni nella seconda metà del secolo la creazione della UE.
Un documento datato 26 luglio 1950 rivela una campagna dell’Ufficio dei Servizi Strategici, antesignano della Central Intelligence Agency (CIA), per promuovere un Parlamento europeo e del vuoto.
Inoltre, secondo questi documenti, Washington sempre prestato particolare attenzione per il Regno Unito, la cui incorporazione nella costruzione europea era considerata un’assoluta priorità.
Secondo ‘The Telegraph’, che commenta i documenti declassificati, alcuni dei “padri fondatori” della UE erano “stipendiati dalla CIA”.
L’agenzia di intelligence degli Stati Uniti ha cercato attivamente di mantenere la dipendenza dell’Europa da Washington, impedendo la ricerca di fonti alternative di finanziamento, riporta sempre il quotidiano inglese.
In una nota del 11 giugno 1965, gli Stati Uniti d’America hanno incaricato il vice presidente della Comunità europea della promozione di “un progetto di moneta unita di nascosto, evitando ogni discussione fino al momento in cui l’adozione di queste proposte fossero divenute praticamente inevitabili”. Come dimostra la storia, questo approccio è stato “troppo esagerato, data l’attuale situazione di trappola del debito di deflazione e disoccupazione di massa in tutta l’Europa del sud”.
“In un certo senso, questi documenti sono storia antica. Ma dimostrano che Washington ha messo su questa questione Brexit un cappio”, ha concluso.
http://www.euroscettico.com/lue-sempre-stata-progetto-cia/

Nessun commento:

Posta un commento