Translate

giovedì 21 luglio 2016

La strage di Manbji: gli aerei Usa massacrano 125 tra vecchi, donne e bambini.

Civili uccisi a Manbji


Un altro terribile massacro. Altri morti che l'opinione pubblica occidentale
fa finta di non vedere o, forse, giudica di serie B. Ma si tratta
di crimini, di bombardamenti spietati.
Infatti, è di 125 i "civili" uccisi il bilancio dei raid aerei effettuati nella città
 siriana di Manbij, a ridosso del confine con la Turchia. A riferire il nuovo
 bilancio è l'inviato della tv satellitare al-Jazeera nella provincia siriana
di Aleppo,
dove si trova Manbij.
La notizia è confermata dalle fotografie (terribili)  che Globalist è in grado
di mostrare.
Secondo le fonti di al-Jazeera, nei raid è stato colpito il sobborgo di Tokhar
e tra le vittime vi sono intere famiglie, tante donne e molti bambini.
Nell'area colpita, stando alla tv, vivono molte famiglie di sfollati
in fuga dai combattimenti contro i jihadisti del sedicente Stato Islamico (Is).
La coalizione anti-Is sostiene la battaglia lanciata a fine maggio dalle
'Forze democratiche della Siria' (alleanza mista curdo-araba)
contro l'Is riprendere il controllo di Manbij.
Il Pentagono ha fatto sapere di essere al corrente delle notizie
di vittime civili a seguito di raid aerei a Manbij, sottolineando di prenderle
"molto sul serio". Il portavoce Adrian Rankine-Galloway ha affermato
che il Pentagono "ne sta verificando la credibilità".

Le foto sono terribili, ma testimoniano l'ennesimo assurdo crimine
 contro i civili







fonte http://www.globalist.it/world/articolo/203577/la-strage-di-manbji-gli-aerei-usa-massacrano-125-tra-vecchi-donne-e-bambini.html

Nessun commento:

Posta un commento