Translate

venerdì 26 agosto 2016

La Repubblica di Matteorella.Di Stefano Davidson



"La Repubblica è nata da un referendum creando sviluppo e opportunità, un esempio per tutti. I momenti di unità sono doverosi. Le democrazie devono essere aperte allo spirito del tempo di accogliere nelle istituzioni le innovazioni e di aggiornarsi per rappresentare al meglio le stanze popolari."
Magari innovare e migliorare rispettando la Costituzione che proviene da quella Repubblica nata da referendum?
Per matteorella la Costituzione non la può e deve cambiare il Parlamento ma i quattro stronzi suoi amici nominati illegittimamente.
Quanto dichiarato è contro la legge e rappresenta "eversione".
Va denunciarto immediatamente l'ectoplasma alla Procura della Repubblica.
PS:
L'articolo 138 prevede che il Parlamento si esprima su una legge costituzionale con quattro votazioni (due per il Senato e due per la Camera in maniera incrociata). Per la prima votazione non è richiesta alcuna maggioranza qualificata e, perciò, la legge costituzionale o di revisione costituzionale può essere approvata anche a maggioranza semplice. Nella seconda votazione è richiesta la maggioranza assoluta per dar corso ad un procedimento referendario di tipo confermativo, oppure la maggioranza dei 2/3 dei componenti che confermerebbe senza bisogno di referendum la reale necessità di approvazione della legge o della revisione.
Tra prima e seconda votazione è comunque richiesto l'intercorrere di un tempo di almeno 3 mesi per permettere ai parlamentari di prendere piena coscienza di ciò che è stato votato permettendo una seconda votazione più consapevole.
Stefano Davidson

Nessun commento:

Posta un commento