Translate

sabato 5 novembre 2016

ALEPP: JIHADISTI UCCIDONO BAMBINI E VIOLANO LA TREGUA. e TUTTI I MEDIA, ZITTI.

ALEPP: JIHADISTI UCCIDONO BAMBINI E VIOLANO LA TREGUA. e TUTTI I MEDIA, ZITTI.

di Maurizio Blondet
Mosca e Damasco hanno dichiarato una nuova pausa umanitaria per Aleppo per il 4 novembre,  dalle  9 alle 19.  “Per evitare  vittime insensate, il ministro della difesa generale Sergei Shoigu,  a nome del comandante supremo, Vladimir Putin, ha preso la decisione”.  Il generale Valeri Gerasimov, capo dello stato maggiore, ha detto che la decisione della tregua è stata presa in accordo con la leadership della repubblica araba siriana, ossia con Assad.
I nostri media non se ne sono accorti .  Come non si sono accorti che  sonodue settimane che né la Russia né la Siria mandano i loro aerei sopra Aleppo.  Quindici giorni che non bombarda i “terroristi pro-occidentali che volessero uscire da Aleppo e i civili dietro  i quali si proteggono”; ha scritto la giornalista Karina Bechet-Golovko. Due settimane in cui gli Usa avrebbero  avuto tutto il tempo di separare i “terroristi moderati”  che devono partecipare al futuro processo di transizione “democratica”,  dai terroristi cattivi”,   che   per gli stessi Usa devono essere inceneriti. Una separazione che finora Washington non è riuscita a fare,  come s’era impegnata negli accordi di tregua con Mosca.
Anzi, per le due settimane di tregua dal cielo i terroristi hanno  ammazzato 40 civili, fra cui donne e  16 bambini  nella zona sud-ovest di Aleppo  –  la zona sotto controllo del governo, dove i negozi sono aperti, le  auto circolano, la vita è civile,  in un fitto bombardamento con artiglierie. Fra cui l’uso di  bombe al cloro che hanno  obbligato  al ricovero urgente di altre 35 persone. I civili feriti dai ribelli  durante la tregua dal cielo sono 250.
E’ un vero peccato che i nostri media, la UE, l’Onu che fiumi di lacrime  han versato sui “bambini di Aleppo” pretesamente uccisi dai russi,  per i quali hanno invocato “un immediato cessate  il fuoco umanitario”, non si siano commossi  per gli scolari  ammazzati nella zona pacificata di Aleppo (i due terzi della città). Anzi nemmeno abbiano registrato lo strano fatto: che i terroristi (loro dicono “i ribelli”) abbiano approfittato  della sospensione degli attacchi dal cielo  per tentare una sortita in forze , un’offensiva di grande ampiezza, per rompere l’assedio; senza badare alle loro proprie perdite,  almeno 20 camion-kamikaze, carri armati e   lanciarazzi multipli in abbondanza.  “Vista  l’intensità dei tiri d’artiglierie, è evidente  che avevano approfittato della pausa umanitaria per farsi rifornire di armi ed uomini” dai loro alleati occidentali e dai complici del Golfo.
Anche quest’ultimo cessate il fuoco di dieci ore è stato rifiutato dai “ribelli” assediati ad Aleppo: “Non ci riguarda, ha dichiarato Yasser al-Youssef,  il portavoce per   la milizia  Nour el-Din el-Zinki  (sempre di Al Qaeda si  tratta).
Come  ha raccontato l’AP, nessuno ha percorso i corridoi umanitari aperti,   alla cui fine aspettavano i pulmann e  alcuni imam per accogliere i civili che  si sperava uscissero dalla parte assediata di Aleppo.Ma i terroristi hanno bisogno dei 270 mila civili  come scudi umani.  Poi, quattro ore prima che  la pausa spirasse, la risposta dei jihadisti: sette colpi di mortaio da loro sparati hanno colpito uno dei corridoi, la strada  Castello  a Nord Aleppo, ferendo lievemente due militarI russi  e un giornalista di una tv di  Stato siriana.  I russi hanno dunque dichiarato chiusa la tregua.
sparano-su-convoglio-syria-humanitarian-aid_full_600
Su questo convoglio umanitario hanno tirato i “ribelli” favoriti dall’Occidente
Caratteristica la reazione della portavoce di Staffan De Mistura, l’inviato speciale dell’ONU: senza nemmeno alludere la tregue russa di 10 ore, ha detto “l’inviato speciale è contrario all’evacuazione di civili se non volontaria” (Già, forse un referendum nella zona occupata dai jihadisti potrà stabilirlo) . Funzionari dell’Onu a Ginevra, in una conferenza stampa, hanno chiesto una tregua su tutta la Siria, non solo ad Aleppo. Amnesty International   per  bocca del suo rappresentante a Beirut, Samah Adid: “La pausa temporanee annunciata dai russi non sostituisce in alcun modo  l’accesso umanitario  illimitato e imparziale per assicurare  la protezione dei civili nel lungo termine”:  Aggiungendo: “Data i i precedenti delle forze combattenti – in special modo le forze del governo – Amnesty International  paventa che ci saranno altissime perdite civili quando le  truppe siriane, sostenute dalla Russia, intensificheranno  gli attacchi per prendere il controllo della città”.. Insomma Amnesty “paventa”  stragi non ancora avvenute, allo scopo di tacere  quelle messe a segno dai loro jihadisti, l’ottantina di civili e i sedici bambini effettivamente uccisi dai  tagliagole preferiti dall’Occidente.  Comunque sia, “è colpa di Putin”.
Non c’è dubbio che  l’armata siriana  e i russi stiano concentrando forze fresche per una contro-offensiva, mentre la tentata offensiva dei jihadisti per rompere l’assedio va smorendo; la tregua  di 10 ore è stata offerta appunto per far uscire quelli che vogliono evitare la finale “purga” (come ha detto un membro della Duma)

Sembra strano che – come ha dichiarato Sergei Lavrov in visita ad Atene, “Russia e Grecia si aspettano risultati concreti dai negoziati   con gli americani per regolare la situazione ad Aleppo”.  Per Lavrov, “Mosca conta che Washington adempia agli accordi [firmati da Kerry]  e non faccia come cogli accordi del 9 settembre [quando   i caccia del Pentagono hanno attaccato a freddo e massacrato oltre 60 soldati a Der Ezzor, come “preparazione” ad un attacco dei terroristi sulle stesse forze siriane]
Ovviamente è un atteggiamento che viene criticato all’interno; ma Lavrov   ha insistito che non c’è alternativa alla  collaborazione con gli Usa per regolare la situazione in Siria. “Nessuno al mondo può  oggi far niente agendo da solo, sicché si dovrà  comunque negoziare. Più presto ciò avverrà, meglio sarà”.
E ha  spiegato: “I nostri problemi sono cominciati  quando gli Usa hanno visto che non scattiamo sull’attenti ogni volta che  discutiamo  con loro un problema internazionale, e hanno visto che il presidente Putin ha ricostituito l’indipendenza della nostra politica estera nel quadro del più stretto  diritto internazionale”.  I canali di comunicazione con gli Usa sono ancora intatti, ha concluso.

Tanta correttezza sembra mal  riposta di fronte  alla doppiezza della controparte. John Kerry ,  a fine ottobre, è andato ad accordarsi con i monarchi sauditi per   il riarmo dei “ribelli”.  Un comunicato congiunto dice: “Entrambi si sono impegnati a continuare ed intensificare il sostegno all’opposizione siriana mentre  viene perseguita la via politica”,  prontissimi a fare tutto quel che possono per “una Siria unita, stabile e pluralistica per tutti i Siriani Sic.   Del resto, come ha dimostrato Julian Assange e ha detto in un’intervista, “la Clinton Foundation e  l’IS  sono finanziati dalle stesse fonti”: essenzialmente i sauditi e i principi del Katar, e del resto è stato mentre  Hillary era segretaria di Stato che gli Usa hanno  concluso con l’Arabia Saudita il più grosso contratto  di vendita di armi mai visto nella storia, 80 miliardi di dollari.

Ha senso ostinarsi a trattare da gentiluomini con dei riconosciuti gansters in preda alla rabbia e al panico? Ma forse la calma di Mosca ha motivazioni che non conosciamo. Il tentativo  americano di “liberare Mossul” spingendo i jihadisti di Daesh a muoversi in Siria,  a dar manforte contro Assad, pare completamente fallito;  gli irregolari sciiti iracheni hanno chiuso la strada verso Est da  Mossul per Rakka.. Forse l’attacco decisivo ad Aleppo potrà avvenire quando   i grandi network americani non avranno occhi che per le elezioni presidenziali;  forse si attende  l’arrivo della portaeri Kuznetsov.  .
Forse conoscono meglio di noi sintomi di scollamento e  cedimento nel fronte jihadista. Si è avuta notizia che gruppi d i militanti  sono arrivati allo scontro ad Aleppo assediata,  “secondo alcuni per disaccordo sulla distribuzione dell’armamento” ricevuto dai sauditi-occidentali, secondo altri perché uno dei due gruppi, “Fastakem, voleva uscire dalla città” ossia arrendersi.
Maurizio Blondet
fonte http://www.maurizioblondet.it/alepp-jihadisti-uccidono-bambini-violano-la-tregua-tutti-media-zitti/

Nessun commento:

Posta un commento