Translate

venerdì 11 novembre 2016

Giorgetto Soros all’attacco di Trump

David Galland: Così Soros ha creato la crisi dei rifugiati in Europa per i suoi profitti

Giorgetto Soros non si rassegna non è riuscito a far vincere la Clinton e ora parte di nuovo all’attacco di Trump,non vuole che il mondo prenda coscienza e decida di liberarsi dalla elites.
Ed ecco che le truppe di Giorgetto si scatenano di nuovo.
Tra le sue truppe preferite ci sono i simpaticoni di avaaz che tra un orsetto con le palle gialle da salvare e un passero solitario sono pronti a schedare tanti fessi da usare per la loro nobile causa le merde sataniche al potere”.
Ecco svelato il lavoro che stanno facendo e quello che faranno




Cari avaaziani, 

È successo quello che francamente non pensavamo possibile. Il presidente Trump. 

E purtroppo siamo pieni di Trump, in tutto il mondo, che già minacciano le nostre democrazie.
 

Questo momento storico ha bisogno di un movimento che possa contrastarli, a partire dai nostri principi. In due milioni abbiamo già firmato la lettera aperta qui sotto, indirizzata a Trump. Vogliamo farla diventare un manifesto per i prossimi 4 anni, che pubblicheremo a tutta pagina sui maggiori giornali e proietteremo sulla Trump Tower a New York. Aiutaci a dare ancora più forza a questo messaggio, firma con un solo click e condividila ovunque tu possa:
Ricken Patel 

A questa lettera segue poi l’adesione alla loro petizione e questo è il messaggio da inviare a Trump:


Caro sig. Trump,

Quello che sta facendo non ha nulla di “grande”.

Noi, da tutto il mondo, rifiutiamo la paura, l’odio, l’intolleranza e il fanatismo delle sue parole.
Rifiutiamo il suo sostegno alla tortura, i suoi appelli all’assassinio di civili, il suo continuo richiamo generico alla violenza.
Rifiutiamo le offese a donne, musulmani, messicani, in pratica a tutti i miliardi di persone che non sono come lei, non parlano come lei, non pregano come lei.

Di fronte alle sue paure, noi scegliamo l’ascolto. Lei fa perdere la speranza nel mondo, noi la coltiviamo. Vedendo la sua ignoranza scegliamo la voglia di capire.

Come cittadini di tutto il mondo, noi siamo uniti contro la sua propaganda di odio e divisione. 
Cordialmente. 


E questo è il finale per i fessi a cui si rivolgono.:

Nei tempi più bui, c’è bisogno di creare una luce ancora più forte. Rendiamo la vittoria di Trump una scossa che porti il mondo a essere più unito nel combattere per tutto ciò che amiamo. 

Con speranza, 

Ricken, Alice, Emma, Christoph e tutto il team di Avaaz 

Si può notare da queste azioni che la sconfitta di Killary è stato un grande trauma per Giorgetto Soros e i suoi fratelli,forse la guerra con la Russia era già a un livello avanzato e si pregustavano i milioni e milioni di morti ma ora c’è pure il rischio che qualcuno si stufi e cerchi di neutralizzare queste bestie sataniche.Soros e soci per quello che hanno fatto potrebbero e dovrebbero essere incriminati in tutti i paesi del mondo.
Alfredo d’Ecclesia
George Soros


3 commenti:

  1. TOTALMENTE DE ACUERDO CON LA IDEA DE SOROS-

    RispondiElimina
  2. SOROS ES UN HOMBRE PODER0SAMENTE RICO,INTELIGENTE,Y ES UN DURO,SABRA QUE TIENE QUE HACER PARA LIBERARNOS...

    RispondiElimina