Translate

domenica 13 novembre 2016

Obama tenta di liquidare i testimoni dei suoi crimini

Miliziani di Al Nusra in Siria

Da una fonte sicura è trapelata una informazione circa l’ordine impartito da Barack Obama al Pentagono di individuare ed uccidere i leaders del ramo di Al Qaeda in Siria in modo da occultare le proprie responsabilità per aver fomentato, armato e sostenuto i gruppi terroristi tagliagole che hanno seminato la morte nelle zone della Siria.
L’attuale presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ha ordinato al Pentagono di trovare ed eliminare i leaders del “Frente Fatah al Sham” – il gruppo terrorista prima conosciuto come Fronte al-Nusra-, che si trova in prima fila nella lotta contro il Governo siriano ed al quale l’Esecutivo statunitense aveva fornito appoggio in modo occulto, ignorandone i crimini e la ferocia dei suoi componenti, questo anche secondo le informazioni trasmesse dal ‘The Washington Post’ .
Rispetto al fatto che l’Amministrazione USA abbia tardato a prendere questa decisione, il politologo politólogo Eduardo Luque Guerrero ha commentato alla RT che Barack Obama “necessita di lasciare una “buona immagine” del suo operato e desidera “lasciare in giro il minor numero di testimoni possibili” della alleanza del suo paese con determinati collettivi armati che si sono sviluppati e rafforzati con il suo appoggio.
Questo specialista ha sottolineato che, fino a poco tempo fa, gli USA consideravano che realizzare questo compito non era prioritario perchè si trattava di mantenere all’opera i gruppi terroristi “per bloccare la possibilità di qualsiasi uscita politica dalla crisi in Siria”.
Tuttavia, la decisione del mandatario statunitense implicherà lo schieramento di più droni e servizi di intelligence contro questo gruppo collegato ad Al Qaeda, perchè esistono opzioni per cui questi miliziani  si possono stabilire in determinate zone della Siria per organizzare attacchi terroristici in Europa.
washingtonpostEduardo Luque Guerrero ha concluso che il piano di Obama era “distruggere la Siria, nello stesso modo in cui ha distrutto l’Iraq” e “far impantanare l’Esercito russo in una campagna interminabile “, che dovesse affondare l’economia della Russia e permettere che la Siria “si frammenti in molteplici stati”.
Nota: Questo pezzo, scritto dal Guerrero e pubblicato su uno dei principali media dell’establishment USA, conferma clamorosamente le analisi fatte, non adesso, ma da diversi annicirca le vere intenzioni ed i veri obiettivi perseguiti dall’Amministrazione USA nel piano di balcanizzazione del Medio Oriente ed in particolare della Siria.
Un piano questo sempre rimasto occulto e negato dal sistema mediatico atlantista e sostenuto apertamente dai “grandi giornaloni”italiani (dal Corriere della Sera, alla Stampa, Repubblica, ecc.) tutti concordi nel definire quella siriana una “guerra civile” (invece che una guerra per procura) ed a attribuire tutte le colpe ad Assad ed alla Russia che è intervenuta per appoggiare la lotta dell’Esercito siriano contro i gruppi tagliagole terroristi, sostenuti dall’occidente e dall’Arabia Saudita che hanno cercato di distruggere il paese arabo per gli interessi delle grandi potenze.
Si evidenzia peraltro il ruolo di servili reggicoda della propaganda e complici dei crimini americani di personaggi come Francois Hollande, David Cameron, della coppia italiana Renzi/Gentiloni e degli altri leaders europei che hanno avallato l’azione criminale dell’Amministrazione Obama.
Fonti: RT Actualidad
Traduzione e nota: Luciano Lago
 http://www.controinformazione.info/obama-tenta-di-liquidare-i-testimoni-dei-suoi-crimini/#

2 commenti:

  1. Bisognerebbe sì utilizzare alcune file di lampioni per sistemare certi politici criminali secondo il modello messo in atto a Mosul per ad opera dell'ISIS, altra creatura atlanticista!!!!

    RispondiElimina
  2. anche renzi e gentiloni rischiano, pure loro sono complici e testimoni...o no?

    RispondiElimina