Translate

martedì 29 novembre 2016

Per Santoro il guaio dell’Italia non è Bruxelles, ma Grillo

Grillo è “di destra”, Renzi “di sinistra”. Al punto che «credo che la sopravvivenza della sinistra dipenda da Renzi», dice Michele Santoro. «E’ l’unico in campo che riesce a dare qualche calcio al pallone, malgrado io trovi insufficiente il modo in cui affronta l’economia, come un Blair tardivo». Parole che Santoro affida a Salvatore Merlo, che l’ha intervistato per il “Foglio”. Questa l’analisi dell’ex mattatore televisivo di “Annozero”: il guaio non è l’Italia terremotata dall’euro e da Bruxelles, ma la minaccia di Grillo che incombe su Renzi, ultima speranza della “sinistra”. Renzi sarà anche «lento nel saper far svolgere agli strumenti come la Rai la loro funzione di acceleratori dei processi culturali ed economici del paese», ma questo non gli impedisce di vedere «quanto siano patetici D’Alema e Bersani quando dicono che se cade Renzi non succede nulla: se cade Renzi cade la sinistra in questo paese». E aggiunge: «Se la destra non si ripiglia, e resta ridotta a Salvini e Meloni, Grillo è irrefrenabile». Savini e Meloni, peraltro, sono gli unici due leader politici italiani che – a loro modo – denunciano apertamente la “dittatura” di Bruxelles come problema numero uno per il paese.
Santoro poi manifesta disagio per la campagna referendaria che Marco Travaglio sta conducendo contro Renzi: «Non trovo strano che abbia schierato il “Fatto” a favore del No. Trovo tuttavia imbarazzante che tutto il giornale, fin dentro ai necrologi, Santorosia schierato per il No. In ogni sua riga. E’ ridicolo». Da quando Antonio Padellaro ha lasciato la direzione, domanda Salvatore Merlo, il “Fatto” è dunque diventato l’organo, l’araldo e il giustiziere pubblico del Movimento 5 Stelle? «Se a Marco dici che è diventato l’organo di qualcuno, ti spara. C’è di sicuro una corrispondenza tra lui e il Movimento. Non so quanto organica. Ma c’è». Santoro dice di aver sempre considerato Travaglio «molto più contemporaneo» di lui, «più in sintonia con il mondo del “mi piace” – “non mi piace”, che è la grammatica di Internet e di Facebook». Santoro si considera «fatto in maniera diversa», «un dinosauro», «pieno di dubbi e di elementi chiaroscurali». E Grillo? «L’ho riportato io in tivù, è un fenomeno che ho certamente enfatizzato, e quando era proibito farlo, perché immaginavo una rigenerazione della classe dirigente».
Delusione: «Per me è ormai indubitabile che il Movimento 5 Stelle è destra. Destra pura», sentenzia Santoro. «Dov’è la palingenesi grillina? La cosa che mi sorprende di più è questa: quando vincono i 5 Stelle non succede nulla. Ormai è un dato di fatto. Guardate Roma. I 5 Stelle, con Virginia Raggi, hanno vinto a Roma, e sfido chiunque a riconoscere un cambiamento. La cosa più inquietante è che non cambia nulla in questo tran-tran romano, sempre più degradato, e al quale ci siamo abituati». Duro il giudizio sull’ex comico: «Alla fine Grillo èpotere, è partito, è politica. Solo che finge di non esserlo, nasconde la sua natura, vuole apparire diverso. Ipocrita. Come quando si presenta con i jeans lisi, ma ha la Ferrari in garage e i filippini che rispondono al telefono nella sua villa: “Il padrone è uscito”». Poca democrazia, tra i grillini: «Con questi non puoi avere un dibattito, tu fai domande e loro rispondono con il manganello e l’insulto. E Grillo fa finta di nulla. Rimane nascosto, incappucciato. Come un troll di Twitter».
fonte http://www.libreidee.org/2016/11/santoro-il-guaio-dellitalia-non-e-bruxelles-ma-grillo/

Nessun commento:

Posta un commento