Translate

venerdì 30 dicembre 2016

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA EX REPUBBLICA ITALIANA.

L'immagine può contenere: una o più persone
di Stefano Davidson
LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA EX REPUBBLICA ITALIANA.
Egregio Presidente abusivo della ex-Repubblica, ora definitivamente Res Privata (abusivamente eletto da un Parlamento incostituzionalmente composto solo grazie al voto dei deputati nominati con quel premio di maggioranza da lei stesso giudicato costituzionalmente illegittimo, e proposto per la carica da un Presidente del Consiglio nominato altrettanto abusivamente da un altro Presidente della ex Repubblica, rieletto anche lui contro quanto stabilito dalla Carta costituzionale e grazie ai soliti 150 oltre al Parlamento illegittimo),
le chiedo cortesemente, per il 31 sera, di evitare l'ennesima presa per il culo dei cittadini con parole a cazzo nella tradizionale demagogica, sterile menzogna a reti unificate.
Il Governo da lei nominato dopo la sberla del NO è stata la più grande mancanza di rispetto nei confronti di un Popolo allo stremo che non ne può più e che aspetta solo di poter votare per mandarvi tutti fuori dai coglioni, speranzoso di vedervi tutti alla sbarra in tempi brevi per tutte le violazioni amministrative, costituzionali, penali e finanziarie commesse da quanti alternatisi a Palazzo Chigi e al Quirinale (almeno da sei anni a questa a parte).
Stia zitto Mattarella. Non parli, non faccia fiato... del resto è abituato all'omertà o sbaglio?
Non faccia come il suo Gentilonzi che in due frasi
"Continuare il lavoro del governo Renzi."
e
"Un percorso verso una maggiore uniformità di uno strumento di tutela universale è assolutamente necessario. E’ nei nostri impegni".
ha evidenziato la totale mancanza di aderenza e di rispetto nei confronti della realtà e del risultato referendario, oltre che produrre l'ennesima assoluta menzogna sull'andamento politico-economico del Paese durante il "quinquennio" napolitAnale. Nonché ha confermato la presa per il culo globale, e la sberla in pieno viso agli italiani, essendo i due concetti espressi assolutamente opposto l'uno all'altro ed impossibili da applicare contemporaneamente se non in via demagogica giusto per dare argomenti ai cogliopoldi.
Non apra bocca Presidente abusivo, non la apra salvo che non prema per provocare lo scontro civile (come da ordini se non.la sfangate a botte di incostituzionalità), ma allora lo faccia in maniera palese e lo dica che a lei, alla mafia che rappresenta e alle banche d'affari conviene cosi, che i cittadini si scannino tra di loro senza rompere i coglioni a voi.
Non si nasconda dietro le solite balle cui non crede più nemmeno un bambino di sei anni. Sia uomo una volta nella vita!
Caro ectoplasma istituzionale con la zeppola da bambino problematico, faccia mandare in onda il monoscopio al posto suo, sicuramente trasmetterebbe più umanità, verità e indicazioni sul da farsi della sua surgelata litania di demagogia e falsità.
Se invece volesse davvero fare qualcosa che cambi sul serio il destino del Paese e la percezione che i cittadini hanno di lei e delle Istituzioni, recuperi le intercettazioni Stato-Mafia (ci sono ancora copie e lei lo sa benissimo, visto che sono quelle che mantengono in vita lei e lo status quo) e le faccia mandare in diretta.
Diversamente si vergogni, traditore del Popolo che ha giurato di tutelare, e se ne resti accoccolato nell'ombra del nulla che rappresenta ad aspettare l'inevitabile, inutile ameba schiava di tutti e senza spina dorsale.
Con profondo disprezzo
Stefano Davidson
PS: si cerchi un logopedista bravo.

Nessun commento:

Posta un commento