Translate

domenica 15 gennaio 2017

MOZIONE DI SFIDUCIA CONTRO ALFANO: ‘INTASCA SOLDI SU PELLE IMMIGRATI’

mozione-di-sfiducia
La Lega ha annunciato che presenterà una mozione di sfiducia per ministro degli Esteri Angelino Alfano per il business dei centri d’accoglienza.
A spingere il partito di Matteo Salvini verso questa decisione è stata un’inchiesta del Fatto Quotidiano su come il Nuovo Centrodestra di Alfano “è riuscito a proiettare la sua ombra sulle principali strutture che lungo lo Stivale si occupano di accoglienza”.
Nell’articolo, a firma di Giuseppe Pipitone, si racconta come decine di strutture che si occupano della gestione dei migranti intascano in cambio fondi pubblici e assumono dipendenti che in tempo di elezioni si trasformano in voti.
È uno schema collaudato e usato in tutta Italia:
“Lo schema è semplice e simile un po’ ovunque: le società vincono gli appalti delle prefetture per gestire i centri, incassano i contributi statali, assumono dipendenti indicati – spesso – dai ras della politica locale, che quindi passano all’incasso in tempo di elezioni,” spiega Il Fatto.
D’altronde già Luca Odevaine, l’uomo che gestiva il business dell’immigrazione per conto di Mafia capitale, aveva dichiarato ai PM: “Il tema fondamentale di tutta questa vicenda sono le assunzioni di personale. In un’area dove 50 voti eleggono un sindaco. Sostanzialmente possiamo parlare di scambio di voti“.
E i racconti di di Odevaine, aggiunge Pipitone, “sono un formidabile riscontro a quello che i magistrati di Roma, Catania e Caltagirone hanno ribattezzato ‘lo schema Mineo”. Il Cara di Mineo è il centro d’accoglienza balzato all’onore della cronaca perché finito al centro dell’inchiesta romana su Mafia capitale. Qui, leggiamo sul Fatto, “c’è chi racconta di essere stato assunto solo ‘fino alla fine del periodo elettorale’, chi non ha ottenuto il rinnovo del contratto per ‘scarsa partecipazione alla campagna elettorale della Aloisi’.
In più a tutti i dipendenti del Cara di Mineo veniva chiesto di prendere la tessera del partito dell’ex ministro dell’Interno Alfano.
Insomma, una situazione da denunciare e con cui l’ex-ministro dell’Interno, e nuovo ministro degli Esteri, Angelino Alfano dovrà fare i conti nei prossimi giorni. La Lega, infatti, ha chiesto “a tutte le forze politiche in Parlamento di firmare la mozione per mandare a casa il capo del Ncd, perché è inaccettabile che Alfano ci rappresenti in tutto il mondo come ministro degli esteri quando il suo partito pensa solo a intascare soldi sulla pelle degli immigrati,” ha annunciato Massimiliano Fedriga, capogruppo alla Camera della Lega.
fonte http://www.silenziefalsita.it/2017/01/14/mozione-di-sfiducia-contro-alfano/

Nessun commento:

Posta un commento