Translate

venerdì 13 gennaio 2017

PEDOFILIA: L’OMERTA’ DEL GOVERNO ITALIANO

BAMBINI A PERDERE
di Gianni Lannes

Un orrore impunito e senza fine sotto gli occhi distratti della popolazione italidiota. Una ferita che sanguina notte e giorno nel cuore oscuro dell'Europa, a partire da Roma. Gli abusi sui minori, neonati inclusi, aumentano sempre più in Italia, come attestano i rapporti annuali dell’associazione Meter e le notizie di cronaca nera. La legge 269 del 1998 (“norme contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno di minori, quali nuove forme di riduzione in schiavitù”), all’articolo 17, comma 1, stabilisce che
«Il Presidente del Consiglio dei ministri presenta ogni anno al Parlamento una relazione sull'attivita' svolta ai sensi del comma 3».

Dove sono le previste relazioni dei governi Renzi e infine Gentiloni? Perché deputati e senatori non protestano seriamente in relazione aqueste gravi latitanze? Per quale ragione il capo dello Stato SergioMattarella tace a reti unificate? Comunque, l'omertà è un reato di stampo mafioso. 

Non è tutto: le autorità fanno sempre di peggio, in caso di conclamati crimini contro un'umanità che si è appena affacciata alla vita. Come ho già rilevato l’anno scorso, gli esecutivi tricolore non rispondono agli atti parlamentari (una quarantina nella XVII legislatura, ad esempio, solo per citarne alcuni dei più salienti: 3/02352, 4/04363, 4/14115, 4/05149, 4/05094, 4/11112, 4/00676, 4/12611, 4/00593)connessi a tale delicata materia. Peggio, anche su internet, abbondano i siti che negano l’evidenza e gettano fango su chi osa denunciare questi crimini contro bambini e adolescenti indifesi.Abbiamo il dovere morale di arrestare questa barbarie, ma soprattutto di cacciare dal cuore dello Stato i pedofili e chi li protegge ad oltranza.


 riferimenti:




http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2017/01/pedofilia-lomerta-del-governo-italiano.html#more

Nessun commento:

Posta un commento