Translate

sabato 18 febbraio 2017

Trump, la CIA e il Medio Oriente: La mano invisibile della guerra



Il nuovo capo della CIA, Mike Pompeo, scelto da Trump, ha premiato il principe ereditario saudita Nayef bin Mohamad, in onore della sua lotta contro il terrorismo e il loro contributo alla pace nel mondo.
La nuova leadership della CIA, guidata da Mike Pompeo, il nuovo capo globale di spie e di operazioni segrete selezionati dal presidente Trump, ha premiato principe ereditario saudita Nayef bin Mohammad bin Abdulaziz Al Saud, in onore del suo " la lotta contro il terrorismo e il loro contributo per garantire la pace e la sicurezza internazionale ". Troppi ironie in una sola frase.
Subito dopo questo atto condecorativo scandaloso, molti analisti erano pronti a giudicare l'evento come un "brutto scherzo", prendendo in considerazione non solo la responsabilità della CIA nella creazione e organizzazione di grandi reti terroristiche in tutto il mondo, in particolare l'arabo, ma anche il prontuario buio regno saudita nel finanziamento e reclutamento di gruppi estremisti attivi nella regione mediorientale. Ma il fatto in sé non è solo un atto di ipocrisia che siamo membri abituati agli atti della politica globale; esprime anche un elemento di continuità nella politica estera che indica alcune prove del rapporto tra il presidente Trump e la sua strategia, ancora incerto a questo invaso, saccheggiata e distrutta dai diversi volti di intervento imperialista negli ultimi decenni 
Prima di entrare nella speculazione dobbiamo pensare come certe o possibili possono essere le idee del nuovo Presidente degli Stati Uniti, per quanto riguarda le intenzioni dichiarate alla fine "realmente" con Daesh e Al-Qaeda e, per decantazione, con la strategia della CIA da utilizzare il terrorismo come arma  "non convenzionale" da contrapporre dagli Stati Uniti per  programmarre i governi di guerra. 
Per analizzare questo problema si deve tener conto di alcuni elementi.
Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti ufficialmente creano la CIA come parte fondamentale di una nuova struttura di dominio globale. La guerra di quarta generazione è stata introdotta nella  dottrina militare americana molti decenni prima, ma ha guadagnato slancio in questo momento come un cambiamento qualitativo nel modo di esercitare il potere. Così, gli Stati Uniti hanno sostituito la vecchia dottrina  quella che Eric Hobsbawm ha chiamato il "imperialismo formale" (attraverso il quale le potenze coloniali hanno dominato e somministrati popoli sottomessi direttamente militare e economico) da una dottrina più "informale" di dominazione imperialista che si staccò dal problema dell'amministrazione coloniale e dall 'occupazione militare permanente, scegliendo di utilizzare i meccanismi più indiretti, naturalmente, senza mai abbandonare la tattica di intervento militare diretto.
Un tale orientamento coinvolto nel piano militare, porta allo lo sviluppo di tecniche non convenzionali e  all'uso di quello che oggi è conosciuto come "guerra ombra" o "guerra sporca" per esercitare il dominio su paesi i cui governi erano ostili ai loro disegni o avevano un qualche tipo di ostacolo per gli interessi del capitale transnazionale. La manipolazione dei media, l'organizzazione di attentati e omicidi politici, torture sistematiche, reclutamento di mercenari, ecc erano elementi utilizzati nel quadro di questa strategia. Il terrorismo è stato stanziato dalla CIA come un metodo  "anonimo" di produrre il caos, la destabilizzazione o la rimozione di attori politici a livello internazionale.
Verso la fine della guerra fredda, la Dottrina Reagan emerse che cominciò ad essere considerata valida contro i governi o gruppi che avevano il sostegno sovietico, e, anni dopo, è stata ripresa al 11-S per la dottrina Bush, che ha coinvolto lo sviluppo di tattiche usate contro varie insurrezioni, il radicalismo, la criminalità transnazionale e altre attività hanno cominciato ad essere conosciute genericamente come terroristitiche. Da questo punto di vista, è stato introdotto il concetto di guerra totale basata su operazioni politiche e psicologiche svolte sotto conflitti a bassa intensità. Così, la strategia militare utilizzata in tali conflitti è diventata politica.
Più di 15 anni dopo gli attacchi alle torri gemelle e dal momento che la cosiddetta "primavera araba" è venuto nel mondo arabo, abbiamo assistito alla nascita e alla proliferazione di numerosi gruppi terroristici che è emerso nel contesto delle incursioni disastrose dagli Stati Uniti con la complicità di potenze della NATO in Medio Oriente. Si ricorda che il gruppo terroristico EIIL (Daesh, in arabo) è nato nel calore dell'intervento militare degli Stati Uniti in Libia, che culminò con l'assassinio di suo allora presidente Muammar Gheddafi nel 2011. Prima di questo evento, i più alti strateghi americani con i loro "seguaci" della NATO si fecero carico della costruzione di una complessa rete di gruppi radicali di natura terroristica che fungeva da fulcro per innescare la destabilizzazione nei paesi in cui i governi non erano sufficientemente collaborativi con i loro interessi. La CIA ha formato una parte integrante di questa direzione funzionando come collegamento tra i servizi di intelligence delle maggiori potenze del mondo e partner regionali. L'agenzia ha organizzato l'ingresso di questi gruppi in Libia dalla Tunisia e in Egitto, durante i bombardamenti condotti dal governo francese.
Successivamente, questi centri hanno ricevuto armi attraverso una rete istituita dalla stessa CIA, quando, dopo aver contribuito a rovesciare Gheddafi, è andato in Siria nel 2011 per rovesciare Al-Asad e poi attaccare l'Iraq in un momento in cui il governo al Maliki si è allontanato dall'occidente e si èavvicinato alla Cina e alla Russia.
Di conseguenza, essi stavano diffondendo gruppi estremisti nei territori particolarmente strategici per risolvere i loro centri di comando. L'inferno della guerra e dell' anarchia era un buon piano d'azione per reclutare e addestrare centinaia di terroristi.
Quando il presidente Obama ha messo nelle mani  della Cia la geniale idea di organizzare gruppi armati, l'agenzia "Sapeva di avere  partner disposti  a finanziare 
l'Arabia Saudita". Insieme con il Qatar, la Giordania e gli Emirati Arabi Uniti, il regno wahabita ", ha fornito armi e miliardi di dollari, mentre l'intelligenza ci ha indicato la formazione dei ribelli". Questo è stato documentato sul New York Times in una ricerca pubblicata il 23 gennaio 2016. Wikileaks ha fatto lo stesso per esporre i collegamenti tra l'ex Segretario di Stato e candidato presidenziale  Hillary Clinton e la lobby saudita, per effettuare la tali piani.
 George Bush Junior aveva dichiarato che gli attacchi di 11-S "sono stati perpetrati da Al-Qaeda", e ha giustificato l'invasione dell'Afghanistan e poi dell'Iraq, con la menzogna  scandalosa  che Saddam Hussein ospitava le sue armi di distruzione di massa territorio e prevedeva di usarle contro il popolo americano.
In 15 anni, gli Stati Uniti avevano abbattuto più di 10.000 vite americane, mentre il saldo di mediorientali cittadini uccisi è stato più di 2 milioni  senza contare lo spostamento della popolazione, la distruzione e la guerra non finita sul continente.Durante tutti questi anni il ruolo svolto dalla Arabia Saudita come il cervello di Al-Qaeda e più in particolare, il suo rapporto con i terroristi che hanno effettuato gli attacchi presumibilmente 11-S è stato nascosto.
Ma la stretta collaborazione tra i servizi segreti degli Stati Uniti e l'Arabia Saudita aveva già il suo background. In Angola ,  la CIA, e i saudita come finanziatori dei ribelli che operano contro il governo di Luanda, alleato dell'URSS.
In Afghanistan gli Stati Uniti hanno organizzato una rete di estremisti per combattere i gruppi sovietici Arabia Saudita finanzia la CIA  su un conto in una banca svizzera; i sauditi finanziano poi un'operazione della CIA per aiutare i Contras in Nicaragua, con $ 32 milioni tramite un conto alle Cayman, solo per citare alcuni casi compilati da Rete Voltaire.
Repubblicani e Democratici hanno approfittato del rapporto speciale con questo potere nel Golfo Persico, che a sua volta, ha ricevuto anche i suoi vantaggi. Quindi non abbiamo mai visto che gli Stati Uniti condannano la violazione dei diritti umani o l'esecuzione di civili attraverso i confini che proteggono la monarchia. Tuttavia, questo lavoro di collaborazione disuguale si estende anche ad altri settori.dell'Arabia Saudita principale esportatore di petrolio  nel mondo, un governo che, per il suo potere è unico nel mondo arabo che può contrastare l'ambito regionale del suo rivale dell'Iran. In effetti, lo stato arabo è stato un elemento chiave per mantenere i prezzi bassi dell'olio quando hanno cominciato a crollare nel 2015.l  
La petromonarquía ha rifiutato di tagliare la sua quota di produzione, comprese le proprie spese, per attutire il forte calo di reddito previsto da questa risorsa naturale dalla rete ridotta. La misura è stata presa dopo una pressione chiara da parte degli Stati Uniti, che ha cercato  di sbilanciare rapidamente, in misura maggiore o minore, le economie dei paesi che hanno resistito i loro ordini, come il Venezuela, la Russia e l'Iran .
Nella penombra del suo mandato, Obama ha approvato la vendita di armi ai sauditi valore di 154,9 milioni di dollari, nel bel mezzo della feroce aggressione che la monarchia continua a perpetrare contro il popolo yemenita. Già nel 2014, l'Arabia Saudita era diventato il più grande importatore di armi al mondo, con l'acquisto di attrezzature militari, soprattutto dagli Stati Uniti, del valore di 6,4 miliardi di dollari.
A quanto pare, quindi ritorniamo all'approccio accennato all'inizio di questo articolo, il nuovo presidente Donald Trump non vede alcuna ragione per rovinare dei rapporti così redditizi. Mentre l'amministrazione, in  periodo pre-elettorale aveva dichiarato di avere l'intenzione di smettere di sostenere e finanziare i gruppi estremisti, sembra che il rapporto con i principali sponsor del terrorismo internazionale continuerà a essere solido
L'obiettivo principale dell'uso del terrorismo come arma fa parte del bisogno più generale dal potere principale nel mondo, di influenzare attraverso attività clandestine sui governi stranieri, organizzazioni o individui, al fine di ottenere un ambiente appropriato per l'applicazione della sua politica estera, senza ricorrere a costosi (sotto tutti i punti di vista)interventi militari classici. Questa strategia è costitutiva dell'apparato di dominio imperialista contemporaneo e, di conseguenza, essenziale per la conservazione dell' egemonia in un mondo globalizzato.
Tenendo presente il momento storico che stiamo vivendo dobbiamo valutare se questi attori sono effettivamente date le condizioni per il cambiamento naturalmente il Presidente Trump nella strategia della politica estera degli Stati Uniti. 
Volete lasciare Trump  l'uso di attori indiretti come "contras" o "terroristi" nelle sue azioni internazionali,  o lo  sviluppo di politiche di interferenza diretta?
 O la combinanazione di entrambi i metodi, come ha fatto il secondo presidente Bush? 
Nel primo caso, il metodo sarebbe per altri anacronistico e obsoleto, con quasi nessuna speranza di successo per i loro autori;piuttosto si avrebbe una risorsa di estrema debolezza, che lascerebbe più esposti i meccanismi del potere imperialista. Nella seconda, i risultati recenti sono stati tutt'altro che un successo per i campioni della politica imperialista e catastrofica e per il resto dell'umanità.
In breve, solo quando l'incertezza generata dal corso  imprevedibile che segna il nuovo capo della Casa Bianca e l'imperialismo degli Stati Uniti attraverso le estremità d'azione, possono risolvere le attuali incertezze, che  metterànno a disagio gli analisti con obbligo di pensare all'entrata in un nuova e sconosciuta era della "guerra non convenzionale".
Scritto da Alejandra Loucau
traduzione di Marco Laura
fonte http://www.hispantv.com/noticias/opinion/333543/trump-cia-medio-oriente-arabia-saudita

Nessun commento:

Posta un commento