Translate

venerdì 17 marzo 2017

Sparo o non sparo? Questo è il problema! La legittima difesa e suoi limiti.


Sparo o non sparo? Questo è il problema!
La legittima difesa e suoi limiti.
di Vincenzo Piserchia



Esempio. Sorprendo il ladro in casa in piena notte; nervi saldi... . Mi alzo per andare in bagno e nell'attraversare il corridoio trovo uno sconosciuto che mi entra in casa dalla finestra. E MÒ SÒ CXXXX: possibilità e sanzioni :
io gli meno per primo: non c’è stata aggressione, non c’è stata minaccia armata, quindi non c’è legittima difesa. Al massimo, posso urlargli vai fare in c.... ma se lo tocco, cosa rischio? Paradossalmente mi può denunciare lui per aggressione. Lui, alla peggio, rischia la violazione di domicilio con tutte le aggravanti che l’autorità giudiziaria gli darà. Quindi la prima botta in testa la deve dare lui, o mi deve saltare addosso. Altrimenti, non avendo nulla da cui difendermi, non c’è, appunto, legittima difesa.
Però se lui mi minaccia con un’arma: in questo caso, la mia incolumità (o quella dei miei cari) è a serio rischio. Se ho un’arma regolarmente detenuta a portata di mano e lui mi punta una pistola dicendo che mi ucciderà, sono legittimato ad usare la mia per «il pericolo attuale di un’offesa» ma non posso sparare alle spalle qualora si gira per ... un motivo generico
mentre se si gira e capisco che si da alla fuga: a questo punto non posso nemmeno fargli lo sgambetto, perché non sussiste più il pericolo di aggressione nei miei confronti, quindi nemmeno la necessità di difendermi. Dovrò lasciare che scappi e, semmai, chiamare la polizia per fare una denuncia fornendo una descrizione del soggetto ignoto il più dettagliata possibile.
Inoltre l'onere della prova spetta a chi si è servito dell’istituto della legittima difesa. Per tornare all’esempio appena fatto, sarò io a dover dimostrare che il ladro è entrato in casa in modo illegittimo (forzando una persiana, una finestra o una porta finestra), che ha minacciato la mia incolumità o quella dei miei cari e che non c’era un altro modo per poter difendere la mia persona o la mia famiglia.
Se non fossi in grado di provare queste circostanze, che cosa rischio se sparo al ladro in casa o in negozio? Rischio di dover rispondere penalmente di eccesso doloso di legittima difesa, che potrebbe implicare un’imputazione per lesioni volontarie o per omicidio volontario.
Vincenzo Piserchia

Nessun commento:

Posta un commento