Translate

sabato 1 luglio 2017

Distruggere l’Italia e gli italiani …per motivi umanitari.

 




Come facciano a ripetere sempre le stesse imbecillità e come facciano ad essere paraculi all’inverosimile è un mistero celeste.
La cattiva Europa responsabile deve fare il suo dovere,se una nave raccoglie immigratri,profughi,clandestini terroristi,a prescindere da quale nave sia e a prescindere da dove vengono presi si sa che verranno sbarcati in Italia.
Anche per sbaglio qualche magistrato poteva aprire un fascicolo,sul come mai le leggi internazionali dicono che Tunisi e Malta sono i porti più vicini ma non raccolgono ,le navi anche militari di altri paesi tipo Spagna Germania ,Inghilterra scaricano in Italia.
Come maI?
Siamo l’unico paese umanitario rimasto o non abbiamo più rappresentanti  locali,ma servi al servizio dei criminali che manipolano il mondo?
E’ inquietante ascoltare Delrio,sembra che ci saia una guerra in atto tra servi per mostrare alm proprio padrone (Giorgetto Soros) la propria fedeltà.
Mettiamo subito in chiaro che l’Italia non chiuderà i porti,a meno che Giorgetto felice di quello che ha combinato creerà casini di altra natura.Minnitti vuole essere in prima fila anche lui e nelle distrazioni di massa create deve polarizzare con qualcuno,e subilto il qualcuno Delrio gli ha risposto: “Nessun porto chiuso lo dico da responsabile della Guardia costiera e delle operazioni di soccorso ai migranti. Non stiamo rinunciando a quei princìpi di umanità che l’Italia ha messo in campo con Renzi e Gentiloni”.
 Delrio ha assicurato in una intervista al Corriere della Sera che “non verrà chiuso alcun porto”. “La nostra fermezza e la protesta di queste ore – ha aggiunto il ministro delle Infrastrutture – è per chiedere che l’Inno alla gioia si suoni anche quando sbarcano le navi dei migranti e non solo per celebrare il sogno europeo. Vogliamo risposte – ha continuato – perché gli sbarchi sono aumentati del 14% e per le condizioni terribili di povertà e instabilità dei Paesi di provenienza, come Siria e Libia”. All’unione europea, quindi, Delrio vuole “il grande piano Marshall per l’Africa”  suggerito anche dalla cancelliera Angela Merkel.
In altri paesi,quelli normali sarebbe stato già processato per alto tradimednto lui e gli altri rappresntanti del suo partito, nato,voglio ricordarlo,per distruggere l’Italia.

Alfredo d’Ecclesia







Nessun commento:

Posta un commento