Translate

lunedì 3 luglio 2017

Società dello spettacolo e armi chimiche

Armi chimiche - © Sputnik. Pavel Lisitsin

Ci siamo. La 'false flag operation' in Siria è pronta per la partenza. Aspettatevi un diluvio di prese di posizione occidentali, tutte basate sul nulla, prima dell'offensiva 


di Giulietto Chiesa.

[con aggiornamento]



Un tempo le crisi politiche si consumavano sulla base dei fatti. Facciamo un esempio: Cuba e i missili sovietici. Oppure un altro: la rivalutazione a sorpresa del marco tedesco e il Muro di Berlino. Oppure, sempre per chiarirci: metti sulle rampe di lancio i Pershing in Europa e io ti rispondo con gli SS-20. 
Tutti ci ricordiamo — quelli di noi che hanno qualche anno alle spalle — della guerra fredda. Bei tempi, verrebbe da dire. Si litigava, e ci si dava spintoni, qualche volta ci si sparava addosso l'un l'altro, per qualche cosa che era accaduta. Adesso la politica, inclusa quella internazionale si è trasformata in un vaudeville interminabile, dove ci sarebbe da ridere tutti i giorni, ma dove, invece, regna un silenzio assordante. Sbalorditivo, ma nessuno ride.
L'ultima trovata di Washington è la "scoperta" di un evento che non è ancora accaduto. 

Si tratta di un "prossimo" bombardamento con armi chimiche, che dovrebbe accadere in una qualche parte, non precisata, della Siria. I solerti servizi segreti americani comunicano che saranno gli aerei di Bashar el-Assad che bombarderanno i villaggi della Siria con armi chimiche. "Per la seconda volta", afferma l'arcigno portavoce dell'Amministrazione. La qual cosa fa pensare che ci sia stata una "prima volta". Ma la "prima volta" non solo non pare ci sia mai stata, ma è stata recentemente smentita da documenti inequivocabili, da giornalisti di riconosciuto valore, come lo è Seymour Hersh.

Inoltre risulta, in modo altrettanto inequivocabile, che gli Stati Uniti hanno rifiutato di andare a toccare con mano la base aerea di Khan Sheikun, dove sarebbero partiti gli aerei siriani per andare a uccidere cittadini siriani innocenti. Lo ha rivelato di nuovo il pazientissimo ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, ricordando al colto e all'inclita che le armi chimiche lasciano dietro di sé una striscia indelebile di indizi, che chiunque conosca questi aggeggi è in grado di rilevare anche dopo anni di distanza.

Washington, restia a ogni invito, ha preferito ignorare le tracce reali (sapendo che non le avrebbe trovate) e diffondere la tesi del primo raid chimico. Sicura, per altro, che tutto il mainstream occidentale avrebbe ripetuto la sua tesi "a prescindere". E va bene, ci stiamo abituando tutti a queste sceneggiate. Ma è pur sempre la disputa su un fatto.

Invece qui si è giunti a disputare su un "non fatto". Infatti il  "secondo bombardamento" con armi chimiche non si è ancora verificato. E possiamo già essere certi, a rigor di termini, che non si verificherà mai, essendo già chiaro che non è esistito il cosiddetto "primo bombardamento".

Shakespeare, vivesse oggi, avrebbe riscritto in tutta fretta la sua commedia "Much ado about nothing" (Molto rumore per nulla"). In realtà viene il sospetto che tutto questo rumore sia semplicemente il prologo di un vero bombardamento a armi chimiche, il primo, che sarà effettuato da qualche aereo opportunamente dipinto con i colori siriani (probabilmente già addobbato per la bisogna e dislocato in qualche hangar, per esempio in territorio giordano). Per chi non conosca il sistema delle false flag,  suggeriamo la lettura del famoso "Piano Northwoods"  con cui  il generale omonimo progettava di far scattare l'invasione di Cuba accusando Fidel Castro di avere abbattuto un aereo a stelle e strisce carico di finti studenti.

La differenza qui è sottile ma importante: il "Piano Northwoods" era segreto. Qui invece il bombardamento viene annunciato prima che accada. Ed è una differenza importante: a quei tempi (anni '60) la stampa e l'informazione occidentale, erano ancora "ingenue". Ci sarebbero cascate comunque, avrebbero accusato immediatamente Castro di avere assassinato a sangue freddo decine di innocenti studenti americani. Ma c'era il rischio che almeno qualche giornalista, altrettanto innocente, fosse sfiorato dal sospetto di un qualche inganno. E allora ci sarebbero stati molti guai per gl'inventori della false flag.

Invece ora il mainstream è da tempo interamente "domato".  La CNN costruisce fake news a ritmo continuo, che diventano news per tutti i grandi giornali occidentali. E dunque è più che probabile che il primo bombardamento con armi chimiche sarà effettuato, per rovesciare poi l'accusa su Damasco e, subito dopo, su Mosca e Teheran. E, in ogni caso, anche se non ci sarà nessun bombardamento, tutta l'informazione occidentale scriverà e mostrerà dai suoi teleschermi i terribili aerei di fabbricazione russa che "qualcosa" sganceranno su "qualcuno", da "qualche parte". La società dello spettacolo funziona così.






AGGIORNAMENTO
PRONTA LA PROVOCAZIONE PER L'ATTACCO CONTRO LA SIRIA

Tutto come previsto. Unire i puntini.

1) Washington annuncia un prossimo attacco siriano con armi chimiche. Damasco risponde: frottole. Mosca risponde: venite a vedere e controlliamo insieme. Washington rifiuta.

2) L'organizzazione per il controllo delle armi chimiche (OPCW) rifiuta di andare a controllare. Invece rende pubbliche le risultanze di una non inchiesta e dice che a Khan Sheikhun è stato usato gas nervino (ma da chi?)

3) Ieri un gruppo pressoché sconosciuto di tagliagole mercenari, denominato Failaq al-Rahman, accusa le truppe siriane di avere usato gas a Ain Tarma.

Ci siamo. La false flag operation è pronta per la partenza. Aspettatevi un diluvio di prese di posizione occidentali, tutte basate sul nulla o, basate sulle dichiarazioni dei terroristi, che giustificheranno l'inizio dell'offensiva.

[Giulietto Chiesa]

fonte http://megachip.globalist.it/guerra-e-verita/articolo/2001355/societa-dello-spettacolo-e-armi-chimiche.html

Nessun commento:

Posta un commento