Translate

venerdì 1 giugno 2018

La mia personale lettura di quanto accaduto. di Stefano Davidson


La mia personale lettura di quanto accaduto è quella di un errore madornale di Mattarella che, con rispetto parlando, in parole povere si è cacato sotto e ha reagito d'intestino istinto
Indi:
i mercati, le minacce di messa in stato d'accusa da parte non solo di Di Maio ma anche di Meloni e (inizialmente) Salvini, il subbuglio popolare, Cottarelli a fiducia zero che avrebbe comportato lo sfiduciamento nella Presidenza (fiducia in un abusivo... mah!) con possibili dimissioni (et quant'altro poteva succedere se, dalla maggioranza gialloverde
fosse stato eletto anche un nuovo Presidente) e soprattutto, lo zio Sam che ci deve usare come testa di ponte per frenare l'egemonia tedesca in UE gli hanno fatto fare dietro front (tanto è abituato, gira come un galletto segnavento) cercando nel contempo di salvargli i ciapèt, depotenziando le accuse grazie anche alla retro del Di Maio (a cui deve essere esploso il cellulare)e alla vergognosa collaborazione di giudici della Consulta (nominati dallo stesso Mattarella!) e di giornalisti compiacenti che rilasciano dichiarazioni quantomeno discutibili in merito, considerato il chiaro indirizzo politico (che va a braccetto con quello finanziario) che il quirinello aveva tentato illegittimamente di imporre.
Quindi l'inevitabile nomina del Governo (dove le figure anti tedesche ora sono diventate almeno due e dove Savona ora si rapporta direttamente con l'UE, con evidente sontuosa figura di merda del passacarte evanescente rientrato precipitosamente nei ranghi).
Salvo tutto non fosse solo un gigantesco gioco delle parti come sempre.
Stefano Davidson

Nessun commento:

Posta un commento