Translate

martedì 2 luglio 2019

I GRANDI MEDIA CERCANO DI NASCONDERE LO SCANDALO DEI BAMBINI STRAPPATI ALLE FAMIGLIE



Gli italiani si stanno indignando a seguito delle rivelazioni che riguardano una banda criminale, che comprende un sindaco, oltre a medici ed assistenti sociali, i quali avevano effettuato il lavaggio del cervello a dei bambini per far raccontare loro di aver subito abusi da parte dei loro genitori, in modo da poter facilmente dare i bambini in affidamento dietro compensi alle famigl affidatarie. .
Finora, 18 persone, tra cui il sindaco della città di Bibbiano (del PD), vicino a Reggio Emilia, sono state arrestate ma i grandi media tendono a soffocare e nscondere lo scandalo.
La vicenda parte dalla provincia di Reggio Emilia, dove si è scoperto che la banda, costituita da assistenti sociali, costringeva a redigere e firmare verbali dove si attestava il falso riguardo allo stato familiare o al contesto abitativo dei bambini. Gli stessi poi, con la decisiva influenza della dirigente dei servizi sociali, decidevano a chi affidare i bambini (elargendo addirittura contributi doppi fino a 1.200 euro rispetto alle ‘rette’ previste). La dirigente, una nota attivista nel mondo gay, che si batteva per la lotta in favore dell’adozione alle coppie omosessuali, secondo l’accusa, era la stessa che stabiliva pure a quali psicoterapeuti bisognava mandare in cura i piccoli, una volta strappati dalle famiglie natural
Si sospettava che i fermati lavoravano assieme per il lavaggio del cervello dei bambini che venivano presi da famiglie svantaggiate, sotto falsi pretesti, facendo credere che fossero stati maltrattati in casa. Questa dei maltrattamenti o degli abusi era la giustificazione per prendere i bambini e, successivamente, per rivenderli a genitori adottivi a caro prezzo. Ci sono state 16 misure cautelari emesse, con 27 persone indagate.
L’accusa ha rivelato che era il Centro Studi Hansel e Gretel, la Onlus coinvolta nell’inchiesta sugli affidamenti dei bambini a Bibbiano insieme alla rete dei servizi sociali della Val d’Enza, nel Reggiano.
L’accusa sostiene che gli psicologi dell’Associazione Hansel e Gretel nella città di Moncalieri, provincia di Torino, hanno utilizzato una varietà di tecniche strane per raggiungere il loro obiettivo sinistro, quello di manipolare la mente dei bambini.
Tutto si basava sul far persuadere i bambini far credere loro che i rispettivi genitori li ferivano e li abusavano sessualmente; la tecnica era quella di mostrare falsi disegni per bambini con dettagli sessuali aggiunti e persino spettacoli teatrali, indossando maschere spaventose per rappresentare le loro madri e i loro padri come vili e pericolosi.
La polizia ha anche dichiarato di aver scoperto dozzine di lettere e regali dai genitori biologici, che i perpetratori non avevano mai trasmesso ai bambini.
La procura e inquirenti stanno indagando a fondo nel mondo Lgbt. Nella vicenda è finito ai domiciliari, con le accuse di abuso d’ufficio e falso, anche il sindaco pd di Bibbiano, Andrea Carletti che ieri tramite il legale ha dichiarato di «non aver mai fornito copertura politica a fatti illeciti». La magistratura indaga per verificare l’accertamento dei fatti e delle relative responsabilità penali.
Il procuratore reggiano Marco Mescolini, dopo aver premesso che non bisogna estendere le accuse a tutto il mondo degli affidi, l’altro giorno ha commentato così l’operazione: «Mi sono occupato di fatti molto provanti di ‘ndrangheta per dieci anni, ma quest’inchiesta è umanamente devastante».

Nota: Sarà un caso ma, visto che nella vicenda sono coinvolti amministratori e personaggi che ruotano attorno al PD del Reggiano e degli ambienti delle Organizzazioni Lgbt, i grandi giornali e le Tv cercano di silenziare lo scandalo, allo stesso modo come in questi giorni viene silenziato il grosso scandalo che ha coinvolto i vertici della magistratura romana, nel Consiglio Superiore della Magistratura. 
Alle persone normali meglio non far sapere quanto accade e risulta preferibile tenerli impegnati con le vicende della “capitana” della Sea Watch, nota ONG che si dedica al “salvataggio” dei migranti, portandoli nei porti italiani ritenuti i più adatti alle necessità dei “poveri migranti”. Tutto regolare. Come sempre.
Luciano Lago
https://www.controinformazione.info/i-grandi-media-cercano-di-nascondere-lo-scandalo-dei-bambini-strappati-alle-famiglie/

Nessun commento:

Posta un commento